fbpx
Crea sito

Ragnarok Stagione 1 Recensione Completa

Reading Time: 4 minutes

Questo è il nostro punteggio 2.5

Classificazione: 2.5 su 5.

Commento personale alla puntata

Cosa dire non lo so? In fondo a questa recensione troverete già una sorta di mio commento personale perché questa serie, che mi aspettavo fosse davvero interessante, mi ha delusa. Mi aspettavo qualcosa di più movimentato, più azione, abituata ad un Thor Marvel che è bello, forte e impavido. Capisco che qui ci sia un adolescente che riceve i poteri così da un giorno all’altro, però nei momenti in cui sa chi è e che parla e ricorda il vecchio modo sembrava davvero Thor ma sono stati solo fugaci momenti. Peccato davvero mi aspettavo molto di più!!

La mitologia norrena è piena di storie interessanti e affascinanti che descrivono spargimenti di sangue, lotte di potere e combattimenti epici. L’idea di uno spettacolo basato su Norweigan che prende questa idea e fa girare insieme un mix divinità americane e brividi d’azione, lasciati andare dalla bellezza dei fiordi scandinavi sembra la ricetta perfetta per una serie in sei parti. Sfortunatamente Ragnarok lascia cadere le braccia e offre una stagione priva di azione o combattimenti epici, offrendo invece un dramma adolescenziale con triangoli amorosi, misteri infuocati e un debole velo di mitologia norrena dipinta sulla scena.

La storia non perde tempo a raggiungere il cuore del dramma. I fratelli adolescenti Laurits e Magne tornano a casa nella città immaginaria di Edda dove fanno immediatamente conoscere la loro presenza. Una strana vecchia signora di nome Wenche conferisce poteri a Magne che apparentemente accende qualcosa di profondo dentro di lui che risveglia il potere di Thor e gli da’ forza e velocità ingombranti. Un incidente molto presto nella serie funge da catalizzatore per questo innestare la marcia più alta e sembra destinato ad accendere il resto della serie in azione dopo un’apertura piuttosto espositiva-pesante e goffa che purtroppo non migliora mai davvero.

La storia ci racconta le vicende un po’ imbranate di Magne mostrandoci i suoi poteri e combattendo contro i principali antagonisti della serie (presentata qui come una versione umanizzata del Jötunn) ma oltre a qualche sfarfallio d’azione, la maggior parte dell’eccitazione è riservata agli ultimi 10 minuti della stagione. Invece, gli episodi danzano attorno a due triangoli amorosi – uno che termina abbastanza presto nella stagione e un altro che indugia e si riversa sul finale. In cima al dramma adolescenziale c’è una sottotrama separata che coinvolge Vidar e la sua compagnia inquinante, che funge da grande forza trainante poiché i cambiamenti climatici minacciano di distruggere la loro pittoresca città.

Almeno esteticamente, Ragnarok ha un bell’aspetto e ci sono alcuni scatti giustapposti davvero belli durante la stagione. Vedere i bellissimi fiordi ribaltati contro la brutta massa meccanica delle fabbriche che fanno impallidire la città sottostante è un’immagine davvero potente e coincide con alcuni dei temi principali in modo fantastico. La colonna sonora è opportunamente inquietante, almeno all’inizio dello spettacolo, e alcuni degli effetti speciali sono piuttosto buoni, soprattutto se si considerano i brevi casi in cui Magne usa i suoi poteri durante i sei episodi.

C’è molta esposizione e narrazione qui e, a volte, sembra piuttosto goffamente gestita. L’apertura di ogni episodio inizia con un pezzo di testo che descrive un elemento specifico della mitologia norrena. A metà di ogni episodio di 45 minuti, siamo anche onorati di essere all’interno della classe che analizza ulteriormente questo termine, e questo prima di menzionare i personaggi che ricercano questo materiale online.

Coloro che si aspettano un brivido pieno di azione, pieno di combattimenti, azione e abbaglianti effetti speciali rimarranno delusi. Alcuni dei personaggi sono davvero sottoutilizzati qui, in particolare Laurits che interpreta chiaramente il ruolo di Loki ma non ha molto da fare per tutta la stagione. C’è anche una buona dose di collocamento dei prodotti Spar e l’intera serie poggia gran parte del suo dramma sulle spalle del melodramma per adolescenti che fa ben poco per portare avanti la storia.

Ad essere onesti, il finale consente alcuni segnali promettenti per questa serie se sarà rinnovata per una seconda stagione, ma oltre la posizione esotica e gli spruzzi della mitologia norrena, non c’è molto altro qui per distinguerlo dall’eccesso di altri drammi per adolescenti sul mercato. Non è una brutta serie di per sé, ma c’è la sensazione travolgente di un’occasione mancata che si aggrappa a gran parte di questo dramma che è difficile da scrollarsi di dosso.

Qui trovate la recensione del primo episodio di questa prima stagione se ve la siete persi!!

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page