True Detective: Night Country 4 x 04 “Part 4” Recensione

Reading Time: 4 minutes

Indice

Recensione puntata precedente True Detective: Night Country

Questo è il nostro punteggio 4/5

Commento personale alla puntata

Tutti stanno trascorrendo un terribile Natale nell’episodio 4 di True Detective: Night Country , e il soprannaturalismo di fondo dello show sta cominciando a venire alla ribalta.

Gli episodi televisivi natalizi sono solitamente motivo di celebrazione; un po’ di festa spensierata e magari una gag o due. Com’era prevedibile, questo non è il caso di True Detective . L’episodio 4 della stagione 4 arriva all’ultimo giorno della prima settimana intera di notte, che sembra essere la vigilia di Natale, e tutto ciò che aspetta sotto gli alberi di Danvers e Navarro sono altre morti, orsi polari con un occhio solo, demoni e sospetti di omicidio.

Inoltre, qui stavo dando per scontato che il sottotitolo Night Country fosse solo un riferimento al tempo, ma secondo un recluso criminale tossicodipendente mezzo cieco e mezzo congelato, potrebbe anche essere un posto reale. E potremmo esserne tutti coinvolti. Cavolo.

true detective night country 4x04 part 4 recensione

Ma ecco cosa ci mostra il 4° episodio di True Detective: Night Country

L’episodio 4 sottolinea rapidamente che nessuno sta passando un buon Natale. Danvers è tenuta sveglia la notte dalle urla di Annie K. La sorella di Navarro, Julia, si spoglia e vaga per le strade gelide. Danvers la trova e la porta alla stazione, dove Navarro è grata nel modo stanco di qualcuno che involontariamente deve condividere un peso che dovrebbe essere suo. E Pete trascorre la vigilia di Natale non con la sua famiglia, ma facendo da babysitter a un mucchio di cadaveri congelati.

Perfino Hank, di cui nessuno dovrebbe dispiacersi, rimane deluso dalla sua finta sposa russa ordinata per corrispondenza, che sarebbe dovuta arrivare a Ennis in aereo e non si è mai presentata. Sta cercando di rimanere ottimista al riguardo, ma quando Pete gli chiede se le ha mai mandato dei soldi, lui è sospettosamente silenzioso. Invece, cambia argomento e si invita a casa di Pete e Kayla.

Chi è Otis Heiss?

Pete non tornerà a casa poiché Danvers lo incarica di emettere un APB su un uomo di nome Otis Heiss, un tedesco scomparso alla fine degli anni ’90 dopo essere stato ricoverato in ospedale con ferite sospettosamente simili a quelle di Anders Lund.

Danvers e Navarro apprendono dal vecchio insegnante di geologia di Liz alla Ennis High che Otis ha mappato una serie di grotte di ghiaccio crollate sulle montagne. Dato che Otis e forse Annie K e Ray Clark potrebbero essere stati nello stesso sistema di grotte, e Otis e Anders Lund hanno subito le stesse ferite, è ovvio che quelle grotte siano collegate a qualunque cosa sia accaduta alla stazione di Tsalal.

Danvers – solo alla vigilia di Natale da quando Leah se n’è andata dopo il suo ultimo atto di ribellione, etichettando la parola “assassini” sul muro degli uffici di Silver Sky – fa anche un altro collegamento importante. Nel video della grotta di ghiaccio di Annie, le luci si spengono, come alla stazione di Tsalal.

E chi si è occupato dell’attrezzatura alla stazione?

Il vecchio amichevole Oliver Tagaq. Quindi, poiché Danvers è troppo ubriaco per guidare, manda Pete e Navarro a cercarlo, ma lui se n’è andato da tempo, essendo scomparso con una certa fretta dopo la loro precedente visita. Tuttavia, ha lasciato un regalo di Natale: una roccia scolpita con la stessa spirale della prima stagione e di quelle precedenti.

Cosa succede a Julia?

Nessuno sta vivendo un Natale peggiore di quello di Navarro nell’episodio 4. Dopo che Danvers ha raccolto Julia dalla strada, Navarro l’ha convinta a ricoverarsi al Lighthouse, la struttura volontaria di salute mentale di Ennis, ma lei non rimane lì. Invece, si dirige verso una chiatta congelata nel ghiaccio, si spoglia, piega con cura i suoi vestiti – come i ricercatori; non può essere una coincidenza – e poi se ne va nella tundra, verso la morte.

Quando Navarro viene informato dalla Guardia Costiera – che sta lavorando incredibilmente velocemente per dire che è Natale – che Julia è morta, lei si rivolge allo staff del Faro e poi inizia a litigare con il marito violento e i suoi amici con cui ha litigato nell’episodio 1. Viene picchiata duramente e Qaavik, infinitamente comprensivo, cura le sue ferite e la trattiene mentre lei singhiozza per aver perso l’unica persona nella sua vita a cui finora era riuscita a rimanere legata.

Navarro vede i fantasmi?

Ipotizziamo un po’. Ora, finora, non è successo nulla che non possa avere una spiegazione razionale nel mondo reale, ma si sta rapidamente arrivando al punto che le cose a Ennis sono così uniformemente strane in tutto il cast che il soprannaturale avrebbe più senso. Una di queste cose è quella che sembra l’innata capacità di Navarro di vedere i fantasmi.

Ora, ascolta, so cosa stai pensando: è una malattia mentale. Questa è certamente l’implicazione, ed è probabilmente ciò su cui True Detective alla fine si stabilirà.

Ecco una donna distrutta che dà al suo trauma una forma macabra. Ma in questa fase accade abbastanza frequentemente che vale la pena sollevarlo. Navarro fu l’unica persona a vedere Anders Lund sedersi sul letto e gracchiare un diabolico avvertimento. Quando racconta a Danvers di Julia, vediamo in un flashback che quando Wheeler è stato ucciso, ha visto il fantasma della sua vittima pochi istanti prima (lei lo nega, ma il flashback mostra che sta mentendo). Succede anche più avanti in questo episodio.

true detective night country 4x04 part 4 recensione

Spiegazione del finale dell’episodio 4 di True Detective: Night Country

La “Part 4” termina con Danvers e Navarro che seguono una pista verso una vecchia draga petrolifera nel ghiaccio, dove Ray Clark è stato avvistato da un pescatore. Quando arrivano lì, Navarro viene immediatamente portato via dalle apparizioni spettrali della sorella morta dai capelli blu, mentre Danvers segue il parka rosa di Annie fino a Otis Heiss.

Ora, Otis è sotto l’effetto di droghe e mezzo congelato, quindi offre poco in termini di informazioni utili. Tuttavia, afferma che Clark era lì, ma che se n’è andato per nascondersi nel “Night Country”. Segue “Siamo tutti nel Night Country adesso”, il che fa meravigliarsi del motivo per cui si sarebbe preso la briga di nascondersi lì, ma è una frase destinata ad avere un effetto inquietante, e sicuramente funziona a quel livello.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You cannot copy content of this page