The Umbrella Academy Stagione 3 Recensione

The Umbrella Academy Stagione 3 Recensione
Reading Time: 4 minutes
RECENSIONE SECONDA STAGIONE THE UMBRELLA ACADEMY

Questo è il nostro punteggio 3.5/5

Commento personale alla stagione

The Umbrella Academy è stata a lungo una delle migliori avventure di supereroi di Netflix. Con un gruppo eclettico di personaggi e una premessa interessante, questa serie è riuscita a reinventarsi costantemente durante le tre stagioni. Purtroppo, quella reinvenzione è in definitiva ciò che rende la stagione 3 sia la migliore che la peggiore della serie finora.

the umbrella academy stagione tre recensione

Ecco cosa ci mostra la terza stagione di The Umbrella Academy

Riprendendo da dove le cose si erano fermate, The Umbrella Academy non perde assolutamente tempo per entrare nel vivo dell’azione. I nostri fratelli si trovano nel cuore del territorio della Sparrow Academy e scoppia una grande rissa tra i due gruppi. Questa vetrina di potere è una delle parti migliori dell’intera stagione, ma alla fine gioca il secondo violino di un problema più grande che si produce nel seminterrato.

Sì, c’è un’altra minaccia per la fine dell’universo e questa volta si presenta sotto forma di una palla di energia vorticosa chiamata Kugelblitz. Legato al Grandfather Paradox (non preoccuparti, questo è spiegato nello show!), il gruppo frammentato si ritrova costretto a lavorare insieme per impedire che questo mondo – e l’intero universo – vengano completamente distrutti.

È una configurazione familiare e mentre la stagione 2 ha affrontato i viaggi nel tempo e la stagione 1 ruotava attorno all’arresto di Vanya, la stagione 3 cerca di affrontare due minacce simultanee, ma non riesce a destreggiarsi tra entrambe queste minacce in modo convincente. Il problema più grande qui deriva dal modo in cui vengono usati i passeri. Sto attento a non dare spoiler, ma intorno agli episodi 3 e 4, la loro minaccia è molto ridotta grazie a qualche deus ex machina e maggiore urgenza nella trama di Kugelblitz.

the umbrella academy stagione tre recensione

Accompagnando questa minaccia mondiale, la serie affronta anche diversi archi di personaggi ma non fa molto con nessuno di essi, nonostante alcune promesse all’inizio. Uno dei cambiamenti più evidenti viene da Vanya (Elliot Page) che subisce la propria trasformazione diventando Viktor, la persona che hanno sempre voluto essere. È un cambiamento toccante e sembra rafforzare la fiducia… fino a tardi, quando Viktor fa il secondo violino con Allison.

A proposito, l’arco del personaggio di Allison quest’anno è… strano. Il modo migliore per descrivere la sua storia è che è stata “Wanda Maximoffed”. Per coloro che non hanno familiarità con lo slang MCU, Allison perde coloro che le sono più cari e si scaglia contro tutti quelli che le ostacolano. 

È arrabbiata, amareggiata e completamente apatica nei confronti del mondo, e compie alcuni atti piuttosto malvagi tra cui omicidio e manipolazione. Sfortunatamente, non ha mai chiamato per niente di tutto questo. In effetti, i personaggi si scusano invece con lei!

Ora, non voglio rovinare ciò che effettivamente accade ad Allison, ma alla fine, basti dire che non c’è assolutamente alcuna punizione per le sue azioni, che sta diventando una tendenza allarmante a Hollywood con i personaggi femminili. Ma questa è una conversazione per un altro giorno!

the umbrella academy stagione tre recensione

Oltre a questi due giocatori, c’è uno sviluppo decente per la maggior parte dell’altro cast. E questo è un bene perché lo spettacolo va in posti piuttosto oscuri quest’anno. Ci sono alcuni grandi ritorni al passato, una minaccia deliziosamente fantasiosa nel Kugelblitz e la stessa miscela di umorismo, dramma e mania di piegare il tempo che ha reso così belle le stagioni precedenti.

Eppure, nonostante tutto questo buon lavoro, gli episodi dall’8 al 10 sembrano quasi uno spettacolo completamente diverso. È un contrasto tonale così bizzarro, soprattutto perché l’episodio 7 si conclude con un cliffhanger assolutamente scioccante che viene quasi affrontato con una debole scrollata di spalle e un pizzico di nonchalance.

In effetti, l’episodio 8 è essenzialmente un episodio di bottiglia che non va da nessuna parte. E, peggio ancora, non c’è assolutamente alcuna urgenza in nessuno di questi capitoli. L’episodio 9 (il più breve dell’intero spettacolo a 38 minuti), quindi funge da preparazione per il finale che risolve le cose e riporta le cose alla stessa bontà sconvolgente di prima, il che è altrettanto positivo dato che l’episodio 8 è di gran lunga il più debole dell’intera corsa di 3 stagioni.

Con la promessa di una quarta stagione all’orizzonte, la stagione 3 fa sia il lavoro migliore che quello peggiore dell’intero show. Ci sono dei veri momenti di spicco qui; scioccanti colpi di scena si fondono con una grande azione e un’impressionante vetrina di poteri.

Parte del lavoro sui personaggi è traballante, la sottotrama di Sparrow Academy non funziona del tutto e The Umbrella Academy ricicla molti degli stessi punti della trama che abbiamo visto prima. È sicuramente molto divertente, ma come ballare più volte la stessa canzone, non raggiungi gli stessi acuti euforici che hai fatto la prima volta che l’hai ascoltata.

the umbrella academy stagione tre recensione

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You cannot copy content of this page