fbpx
Crea sito

The Umbrella Academy Stagione 2 Recensione

Reading Time: 4 minutes

Questo è il nostro punteggio 4.5

Commento personale alla stagione

In un anno che ha già portato così tanti buoni spettacoli, la stagione 2 di The Umbrella Academy combatte bene ma non è all’altezza di essere considerata una delle migliori quest’anno. Con una storia distorta e tortuosa che vede i nostri personaggi affrontare una nuova apocalisse, The Umbrella Academy aggiunge più arguzia, più sorprese e più azione a 10 episodi ben scritti. Tuttavia, c’è anche una costante sensazione di déjà vu mentre l’Accademia percorre un terreno ben consumato.

the umbrella academy stagione 2 recensione

Ma ecco cosa  accade e cosa ci piace di questa seconda stagione di The Umbrella Academy

Dopo gli eventi dell’anno scorso, The Umbrella Academy riprende i momenti dopo il viaggio di gruppo nel tempo. Evitando la meteora che precipita sulla Terra, i nostri sei eroi si ritrovano sparsi intorno al 1960-1963. All’inizio, la stagione vede ciascuno dei nostri eroi mostrarci il proprio arco narrativo mentre Five si affretta a riunirli tutti e impedire a una nuova apocalisse di distruggere di nuovo la linea temporale.

Questi primi episodi sono ulteriormente complicati da brontolii in The Commission e da una nuova minaccia che si abbatte sotto forma di tre svedesi assassini che inseguono il “Team Zero”. Man mano che la storia procede, la minaccia aumenta con l’avvicinarsi di Doomsday e i nostri personaggi iniziano a convergere insieme in un’unica trama coerente.

the umbrella academy stagione 2 recensione

Non spoilerò nulla qui, ma gli ultimi due episodi legano perfettamente tutto alla prima stagione e ci sono alcuni grandi cenni alla prima stagione che aiutano a dare più background e intuizioni sulle domande scottanti che i fan avevano. Netflix ha accompagnato questi primi screeners con un elenco piuttosto pesante di cose di cui non possiamo parlare, ma basti dire che i fan dovrebbero essere contenti di alcuni dei colpi di scena inclusi qui.

Questa imprevedibilità continua fino alla fine, e in particolare agli ultimi momenti della stagione. Avremo altro da dire al riguardo nel nostro riepilogo finale, ma basti dire che non vorrai perderlo.

Mentre tutti i personaggi hanno degli angoli divertenti e stravaganti, Vanya continua ad essere l’anello debole del puzzle. Gran parte della sua storia ruota attorno al passare del tempo in una fattoria con l’amnesia. È un’idea cliché e qualcosa che abbiamo già visto numerose volte in questo genere. Data la creatività che è andata in questa stagione, è deludente vedere un’idea così blanda gettata nell’ovile per lei.

the umbrella academy stagione 2 recensione

In confronto, molti altri membri della Umbrella Academy si trovano costretti a rifarsi una nuova vita negli anni ’60. Scoprire esattamente cosa è successo in un arco di tempo di 3 anni è molto divertente e aiuta a rendere i salti un’inclusione davvero gradita. Dato quello che abbiamo visto la scorsa stagione con Klaus e Ben, aspettatevi che questi due abbiano un impatto molto maggiore sulla storia questa volta e ci sono alcuni momenti meravigliosamente toccanti che li coinvolgono entrambi qui.

Proprio come la prima stagione, la musica qui è assolutamente in fiamme. Ci sono alcune copertine meravigliose, inclusa un’eccellente interpretazione di “Wicked Game” e una versione di “Bad Guy” di Billie Eilish che è di gran lunga superiore all’originale. Anche i Backstreet Boys fanno un’apparizione (in modo udibile, non di persona).

Uno dei problemi più grossi che alcuni fan hanno avuto l’anno scorso è venuto dalla mancanza di azione e The Umbrella Academy lo ha stroncato proprio sul nascere molto presto. Ci sono molti più combattimenti questa volta e alcuni di essi sono accompagnati da una splendida cinematografia. Che si tratti di una ripresa in una sola ripresa di Diego che combatte in un corridoio, che spacca finestre mentre la telecamera segue fuori, o di una ripresa rotante di Cinque che combatte un formidabile nemico in ritardo mentre Luther è radicato sul posto, Umbrella Academy sfrutta appieno il suo budget per produrre degli ottimi pezzi d’azione.

La recitazione delle persone coinvolte è buona come l’ultima volta, ma Aidan Gallagher e Robert Sheehan continuano a rubare la scena. Ci sono alcune battute e gag malvagiamente divertenti iniettate in questa serie e alcuni momenti di vera risata ad alta voce. Anche se divertente, lo spettacolo a volte scivola un po’ troppo nel territorio comico con lo slapstick che si appoggia un po’ sulla crudezza. Non è un rompicapo, ma vedere battute sulle scoregge e un paio di allusioni sessuali gettate nell’ovile sembra un po’ inadatto dato il contesto in cui sono incluse.

La stagione 2 di The Umbrella Academy alza la posta, aggiunge alcuni grandi colpi di scena alla piega e la sostiene con alcune scene d’azione impressionanti. Certo, ci sono un paio di McGuffin e alcuni ovvi esempi di deus ex machina qui, ma alcuni di questi sono in realtà prefigurati per tutta la stagione, quindi è facile guardare oltre.

Nonostante alcune idee cliché per il personaggio di Vanya e un paio di episodi più lenti, la serie di supereroi di Netflix è ancora vincente e quasi sicuramente ti lascerà alla disperata ricerca della terza stagione.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page