Stranger Things Stagione 4 Seconda Parte Recensione

Stranger Things Stagione 4 Seconda Parte Recensione
Reading Time: 4 minutes
Qui la recensione della prima parte di Stranger Things

Questo è il nostro punteggio 5/5

Commento personale alla seconda parte della stagione

I primi sette episodi della quarta stagione di Stranger Things riguardavano l’espansione. Quattro trame separate che interagiscono tra loro, i personaggi principali – ora più di una dozzina – ciascuno alle prese con le ricadute di Starcourt Mall e, nel frattempo, un nuovo pericolo incombente in Hawkins. 

Quell’atto di giocoleria, bilanciando così tanti fili, ha comportato una serie di problemi. Mentre alcune storie scorrevano, in particolare Dustin, Steve, Robin e la ricerca di Vecna ​​da parte della banda, c’erano altre parti che si trascinavano, principalmente i segmenti in California.

stranger things stagione 4 parte due recensione

Ma ecco cosa ci mostrano gli ultimi due episodi

Il volume 2 riprende pochi istanti dopo la grande rivelazione che Vecna, Henry Creel e One sono la stessa cosa. Nancy è tenuta in ostaggio nel Sottosopra, la giornalista intrappolata in un incubo di ricordi traumatici, gli altri cercano disperatamente di liberarla. E non è l’unica in pericolo: Hopper, Murray e Joyce sono bloccati con un Demogorgone in Russia; Undici sta vacillando dopo aver scoperto la verità su come ha contribuito a creare Vecna; e Will, Mike, Jonathan e Argyle stanno correndo per scoprire dove si trova Eleven. 

Con il progredire degli ultimi due episodi, i fratelli Duffer intrecciano elegantemente queste trame e, abbastanza presto, tutti si stanno dirigendo nella stessa direzione. Riportando l’attenzione su Hawkins, piuttosto che sul mondo in generale, il finale crea un finale epico che è una conclusione quasi perfetta per la stagione.

Entrambi gli episodi sono visivamente sbalorditivi, con sequenze davvero cinematografiche che ti faranno desiderare che Netflix pubblichi il finale di quasi due ore e mezza nei cinema. Eppure, gli episodi mantengono quella stessa atmosfera terrificante che i Duffer hanno nutrito e ampliato in questa stagione. Dietro ogni angolo, il pericolo indugia e c’è la sensazione che qualsiasi cosa possa succedere a chiunque in qualsiasi momento. Ciò si sente ancora di più grazie al fatto che le scene più grandi e grandiose sono controbilanciate da quelle più piccole, più intime.

È importante sottolineare che questi momenti danno spazio sullo schermo a quei personaggi lasciati indietro durante la prima metà della stagione. Noah Schapp mette in scena una performance da rubare la scena nei panni del vulnerabile Will, mentre David Harbour continua a portare gravità su Hopper e Dustin di Gaten Matarazzo offre una delle performance più strazianti dello show. E nonostante il finale sia incentrato su una battaglia, c’è un sacco di romanticismo nell’aria. Quando arriva il crepacuore, allora, è ancora più potente. Prima dell’arrivo degli episodi ci è stato detto che dovremmo essere “molto preoccupati” per questi personaggi , e questo avvertimento è davvero fondato. Farai fatica a mantenere l’occhio asciutto.

La mia unica lamentela principale riguarda la durata dell’ultimo episodio. Molto è stato fatto della durata gonfiata degli episodi in questa stagione, anche se direi che finora sono state giustificate, consentendo storie più profonde ed emotive senza le catene della scadenza di un’ora. Tuttavia, mantenere il ritmo durante un finale lungo un film è difficile. 

Uno show televisivo non ha la stessa struttura narrativa di un film sul grande schermo e ci sono molte questioni in sospeso da affrontare. Il ritmo, di conseguenza, continua a rallentare, soprattutto quando raggiungiamo la fine dello spettacolo. Non posso fare a meno di pensare che dividere l’episodio in due potrebbe aver consentito ad alcune scene di avere un po’ più di respiro. 

Ciò che è chiaro, tuttavia, è che Stranger Things non ha perso nulla della sua magia. Il volume 2 ha tutti gli elementi che hanno reso questo spettacolo un fenomeno: dialoghi spiritosi, personaggi sinceri alle prese con dolori crescenti e un sacco di nostalgia degli anni ’80. Ma questo è anche un nuovo Stranger Things. Sia la serie che i personaggi stanno diventando maggiorenni. 

Mentre lasciamo i Duffer a prepararci per l’ultima stagione di questa storica serie Netflix, la posta in gioco non è mai stata così alta. Il cast è invecchiato, le battaglie più audaci e il terrore ancora più freddo: gli ingredienti sono lì per una stagione 5 che potrebbe concludere una delle migliori serie di fantascienza mai create. Se riescono a mantenere la qualità dopo la stagione 4, allora è esattamente ciò che è in fondo alla linea.

stranger things stagione 4 parte due recensione

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page