fbpx

Midnight Mass 1 x 01 Book 1: Genesis Recensione

Midnight Mass 1 x 01 Book 1: Genesis Recensione
Reading Time: 4 minutes
MIDNIGHT MASS PRESENTAZIONE SERIE
midnight-mass-1x01-book-1-genesis-recensione

Questo è il nostro punteggio 4/5

Commento personale alla puntata

Midnight Mass fa iniziare le cose in modo abbastanza inquietante, e per gli amanti dei gatti di tutto il mondo questo sarà un inizio difficile da guardare. Con tutti quei randagi uccisi e portati a riva, è giusto dire che c’è qualcosa di molto sinistro e mortale in agguato là fuori. Cosa potrebbe essere?

Questo episodio di apertura a combustione lenta fa comunque un buon lavoro nell’impostare il tono e l’atmosfera, con echi di Stephen King intrecciati nel modo in cui gli orrori di questa piccola città vengono tenuti a distanza. Il momento clou è sicuramente il segmento dall’isola, con i ragazzi osservati da qualcosa in lontananza. Questo è un grande momento e speriamo che il resto della stagione possa seguire l’esempio.

Agghiacciante e inquietante, questo è esattamente come dovrebbe essere l’horror, ma dovremo aspettare e vedere come il resto dello spettacolo si accumula per vedere se l’atmosfera mantiene. Con ogni episodio che vanta una durata di oltre un’ora, questa storia è appena iniziata.

midnight-mass-1x01-book-1-genesis-recensione

Ma ecco cosa è successo nel 1° episodio di Midnight Mass

L’episodio 1 di Midnight Mass inizia con la polizia e i paramedici che arrivano sulla scena di un incidente. L’autista responsabile di questo è Riley, che si è addormentato al volante e si ritrova dietro le sbarre. Dovrà scontare 4 anni e a pagare più di $ 104.000 alla famiglia della vittima, Riley finisce per avere visioni orribili di questa ragazza mentre è in prigione.

Passano quattro anni e saltiamo a Crockett Island, dove inizia la nostra storia. La famiglia di Riley comprende mamma Annie e il fratello minore di Riley, Warren. In bicicletta, Warren si dirige al molo con Ali e Ooker, i suoi due amici.

Incontrano un ragazzo di nome Bowl (sì, a quanto pare è il suo vero nome) per fumare della droga. Guidando una canoa rattoppata, remano verso un’isola appena al largo della terraferma.

Questo posto è pieno zeppo di gatti randagi, con inquietanti occhi gialli che danzano tra i cespugli. Solo che questi occhi non sembrano appartenere a un gatto, specialmente quando Warren punta la torcia in quella direzione generale e vede il contorno di… qualcosa. È un breve barlume, ma abbastanza per innervosire i ragazzi.

Parlando di snervamento, Riley finalmente torna a casa, dove Annie mostra di dargli un caloroso benvenuto. Mentre tornano a casa a piedi attraverso la città, è chiaro che tutti gli altri sono più che un po’ cauti intorno a lui.

Uno di questi include lo sceriffo Hassan, che lo osserva sospettoso mentre passa. Ora, Hassan ha un arresto regolare in Joe, l’ubriaco dell’isola. Non è certamente il suo primo rodeo ed è chiaro che Hassan si aspetta che Joe torni prima piuttosto che dopo.

Riley ha perso molto e una delle preoccupazioni più urgenti ricade su Erin Greene, la figlia della sua vecchia insegnante in città. Riley ha un debole per lei, ma il suo cuore affonda quando scopre che è incinta.

Tornato a casa, Riley decide di non frequentare più la chiesa. Ha perso la fede in Dio e ha deciso di seguire la sua strada. Suo padre però perde la pazienza e si scaglia, chiedendogli di presentarsi in chiesa, qualunque cosa accada, come “condizione per la sua libertà vigilata”.

Bene, un’altra condizione della sua libertà vigilata – e un’ossessione costante – è quella ragazza morta che si presenta ai piedi del suo letto. È un normale motivo Flanagan, visto sia in Bly Manor che in Hill House. È ancora altrettanto snervante anche qui.

I cittadini si riuniscono il giorno successivo quando arriva un nuovo pastore per il servizio, Paul Hill. Sostituisce il solito monsignore, Pruitt, che si è ammalato durante il suo viaggio in terraferma. I residenti casuali si fanno avanti per salutarlo dopo, con Paul che sente immediatamente che Riley non è un credente completo. “Possiamo lavorare con quello”, dice.

Tuttavia, Erin si presenta e la coppia parla in privato. Erin è stata a New York ma ha anche viaggiato in tutta l’America. Mentre i due camminano insieme, ridono e ammettono la loro promessa di non tornare mai più, ma eccoli qui, di nuovo sull’isola di Crockett. O, il “Crock Pot”, come lo hanno chiamato alcuni residenti.

Riley ammette però di sentirsi senza scopo, bloccato nel flusso perpetuo del tempo senza sapere cosa fare dopo della sua vita. Erin gli suggerisce di superare la tempesta che sta per colpire la comunità e di aspettare che arrivi domani. Mentre si scusa con lui per quello che è successo, Erin torna a casa.

La tempesta colpisce la comunità e mentre Riley guarda fuori dalla finestra, nota una figura che corre sulla spiaggia. Crede che sia Monsignor Pruitt e insegue la figura sulla spiaggia. Mentre il fulmine scoppietta in alto, la figura sembra svanire. Era tutto solo una grande visione?

Quando le nuvole passano ed esce il sole, Riley e la sua famiglia si dirigono verso la spiaggia dove trovano sciami di gabbiani. Tutti quei gatti randagi dell’isola sono arrivati ​​a riva con il collo spezzato.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You cannot copy content of this page