The Titan Recensione – Originale Netflix

Reading Time: 5 minutes

Ed eccoci di nuovo qui a parlare di un altro film Netflix e come sempre trama fantascienza. Bisogna dire che la fantascienza ultimamente a Netflix piace molto tra serie TV e film quest’anno è il filo conduttore del servizio di streaming. Questa volta è il momento di prendere sotto esame il film The Titan.

The Titan di Lennart Ruff è essenzialmente due storie parallele di sopravvivenza che vengono raccontate allo stesso tempo. Uno è fisico e intimo; l’altro è astratto e infinito. Stranamente, sono entrambi molto più interessanti da soli di quanto non lo siano visti insieme, ma ognuno di loro pone una manciata di domande intriganti sul nostro istinto di autoconservazione, chiedendoci di individuare il punto in cui il trauma potrebbe cambiare le fondamenta di base di chi (o cosa ) siamo. Se solo queste domande si ponessero in modo intrigante, e non solo si agitassero attraverso le macchinazioni del genere shlock che non ha il coraggio di essere intelligente quanto una delle sue storie lo richiede.

L’anno è il 2048, e la Terra non sarà abitabile per tanto tempo ancora. È il solito cocktail di problemi apocalittici: la guerra nucleare, la sovrappopolazione, la carestia, ecc. Fortunatamente, l’umanità ha una marcia in più che gioca per proteggere il futuro della specie – o almeno il futuro di una specie: Titano, la più grande delle lune di Saturno, e l’unico pianeta nello spazio diverso dal nostro pianeta che sappiamo avere un’atmosfera densa. Ma mentre la maggior parte dei film di questo tipo potrebbe non farcela all’idea di terraformare, il debutto di Ruff non ha il budget per creare alcun tipo di ecosistema intergalattico. La sceneggiatura di Max Hurwitz, basata su un’idea originale dello scrittore “Grace of Monaco” Arash Amel, ha un suggerimento meno costoso: invece di cambiare un posto alieno per accogliere meglio le persone, perché non cambiare le persone per ospitare meglio un posto alieno?

Il professor Martin Collingwood (un acuto e soffiante Tom Wilkinson) la chiama “evoluzione forzata”. Ha reclutato alcune centinaia di persone più forti del mondo e ha invitato loro – e le loro famiglie – a unirsi a lui in una base segreta della NASA nelle Isole Canarie. Il governo li inietterà con un enzima funky blu, li altererà a livello genetico e li invierà alle stelle per due anni. Non sembra un grande piano, ma è l’unico che hanno. E per il pilota dell’Air Force Rick Janssen (un Sam Worthington di serie), che una volta sopravvisse per tre giorni senza cibo o acqua dopo che il suo aereo è stato abbattuto sulla Siria, difficilmente sarebbe stata la prima volta che è riuscito a sfidare le probabilità.

Nonostante le promesse di viaggi nello spazio profondo, la maggior parte di The Titan si svolge negli eleganti corridoi futuristici della struttura della NASA. Ciò che inizia come un montaggio di formazione rapidamente ristagna nell’intera sezione centrale del film, come Rick ei suoi compagni cadetti spaziali (in particolare uno interpretato dall’attrice “Il Trono di Spade” Nathalie Emmanuel) sono sottoposti a una batteria infinita di test ed esperimenti. Mentre Rick inizia a bruciare azoto per l’ossigeno, può presto respirare sott’acqua per 30 minuti alla volta. Tra un allenamento e l’altro, si gira intorno alla sua scintillante piscina con sua moglie, Abigail (Taylor Schilling), che si sente un po ‘strana per il fatto di essere sposata con un topo da laboratorio glorificato. È tutta roba estremamente pesante, animata solo da una partitura sintetizzata e apparizioni occasionali dalla grande Agyness Deyn.

Più gli esperimenti durano, più i malati diventano alcuni dei soggetti; più malati diventano alcuni dei soggetti, più il “Titan” diventa minaccioso. Dopo un certo punto – da qualche parte Abigail inizia a staccare enormi macchie di pelle dalla schiena del marito che dorme – diventa chiaro che il viaggio verso la luna di Saturno è qualcosa di un’aringa rossa, e che il processo di preparazione per questo è la vera carne di il film. Ma a quale fine? La sceneggiatura sembra paralizzata dall’incertezza della trasformazione di Rick, come se l’ansia di Abigail si infiltrasse nel mondo intorno a lei.

Le domande sulla sopravvivenza persistono dall’inizio alla fine (cosa succederà al matrimonio di Janssens? Che cosa accadrà all’umanità?). Ma sono inesplorate. Unite da un pasticcio di scene a livello di superficie, il film stesso è sospeso tra gli stati dell’essere. È un ritratto astuto di PTSD? Uno studio cosmico della fede? Una cronaca di quando nel processo evolutivo Rick smette di diventare umano e inizia a diventare qualcos’altro? Sì e no – questo è un film che è molte cose e niente tutto in una volta.

The Titan protegge le sue scommesse fino a quando non perdiamo traccia della sua storia, il film è così esitante nel dire che non ci accorgiamo nemmeno che Abigail sta sostituendo Rick al centro di tutto. Vantando la curiosità intellettuale di “Annientamento”, ma prezioso piccolo della determinazione di Alex Garland, Ruff si limita a scoccare il tempo finché non arriva l’inevitabile discesa del terzo atto nell’orrore del corpo. Il suo debutto è stato venduto a Netflix solo dopo che era nel barattolo, ma questa dose di placebo di fantascienza cerebrale è innegabilmente adatta alla piattaforma di streaming, dove può essere difficile classificare ciò che stai guardando, o sapere cosa significa per il futuro.

TRAILER

Consiglio/Sconsiglio

Consiglio per chi ama il genere fantascienza e soprattutto per tutti gli amanti di quei film che ci danno la possibilità di pensare che ci siano altri pianeti abitabili oltre la Terra. Inoltre lo consiglio perché è davvero fatto molto bene soprattutto la fotografia del film è qualcosa di unico.

Sconsiglio per chi è contro il cambio del DNA umano e per gli esperimenti in generale andreste solo poi a farvi venire il sangue amaro e non vi conviene. Inoltre lo sconsiglio per chi ormai è stufo di tutti questi film sulla fantascienza.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page