Mute Recensione – Originale Netflix

Reading Time: 4 minutes

Berlino, 2052. Un muto barista amish di nome Leo (Alexander Skarsgård) è determinato a risolvere la scomparsa della sua fidanzata Naadirah (Seyneb Saleh). Nel frattempo, il medico militare americano Cactus Bill (Paul Rudd), cerca disperatamente di ottenere documenti falsi, così da poter fuggire dalla città e tornare negli Stati Uniti con sua figlia.

È giusto dire che Mute di Duncan Jones arriva su Netflix gravato da un notevole peso di aspettative. È un film che ha coltivato per oltre un decennio e mezzo. Uno che dovrebbe dimostrare che Warcraft era un problema tecnico da studio e che, incoraggiante, è il successore narrativo del suo fantastico debutto del 2009, Moon; non un sequel tanto quanto una nuova storia nello stesso universo.

Alexander Skarsgard interpreta Leo, un barista di 30 anni che lavora in una Berlino del futuro. Tra un melting pot culturale high-tech, Leo si distingue da tutti gli altri: un incidente infantile lo ha privato della capacità di parlare, e a causa della sua educazione Amish evita l’uso di gadget elettronici ovunque sia possibile. In mezzo a una città di neon e crimine amaramente fredda, l’unico guizzo di calore di Leo deriva dal suo rapporto con Naadirah (Seyneb Saleh), una cameriera dai capelli blu e con molti segreti. Quando Naadirah scompare, Leo è costretto a confrontarsi con il lato criminale della città di proprietari di bordelli, prostitute e chirurghi sotterranei.

La storia di Leo da sola poteva costituire la base di un thriller investigativo hardboiled, ma la sceneggiatura, scritta da Jones e Michael Robert Johnson, trascorre un tempo quasi uguale con due di quei chirurghi sotterranei, il volatile Cactus (Paul Rudd, con i baffi sporchi) e Duck (Justin Theroux, con gli occhiali e una parrucca bionda). Cactus ha intenzione di usare i suoi legami criminali per far uscire lui e sua figlia dalla città; Duck si accontenta di rimanere indietro e appagare il suo appetito sempre più stuzzicante per le ragazze giovani.

Mentre la storia alla fine crea un legame tra questi due imbecilli e l’eroe di Skarsgard, è difficile capire esattamente perché gli scrittori vogliano trascorrere così tanto tempo con loro. Né è ovvio perché il personaggio di Theroux sia stato scritto come un predatore sessuale; come una serie di idee in Mute, la perversità di Duck sembra essere stata messa da parte. È possibile che il modello di Mute sia The Big Lebowski – un altro riferimento a ruota libera sul thriller poliziesco duro, che comprende anche un cast di personaggi eccentrici e uno spot di bowling, ma Jones si sforza di gestire i suoi spostamenti tra la luce e buio con la sicurezza del tocco dei Coen.

Con un budget limitato – almeno rispetto a qualcosa come Blade Runner 2049 – Jones crea un futuro convincente e cupo Berlino. I suoi segni lampeggianti, le auto fluttuanti e il trucco stravagante si adattano bene, anche se c’è poco che non abbiamo visto in molti altri scorci distopici del futuro – L’uscita di Mute su Netflix è sfortunata, data la sua vicinanza al Altered Carbon. Ciò che non è mai realmente stabilito è perché Mute abbia anche bisogno di essere un film di fantascienza; a parte alcuni gadget e veicoli, potrebbe essere stato semplicemente ambientato in una città del crimine del presente.

Tematicamente, nel frattempo, Mute avrebbe potuto essere stimolante come Moon. La genitorialità emerge costantemente in Mute: come la religione di una madre e di un padre può avere un impatto che cambia la vita sui figli; quanto sono vulnerabili i bambini al mondo adulto moralmente oscuro che li circonda. Ma l’ approccio a due fili di Mute alla sua storia serve solo a diminuire il suo ritmo e la sua chiarezza, e il romanzo poliziesco di Leo spesso minaccia di svanire completamente mentre i personaggi di Paul Rudd e Justin Theroux litigano e si fanno strada nei quartieri più chic di Berlino.

Lo sguardo di Skarsgard è espressivo e infestato da Leo con gli occhi umidi, un personaggio che si dedica più al disegno e al nuoto che a picchiare i cattivi, anche se è così alto e imponente che è difficile capire perché i bassi assortiti di Berlino – tra cui Noel Clarke come un abitante del nightclub misogino – trattalo con un tale disprezzo. Tuttavia, è un personaggio comprensivo, ed è un peccato che la trama non gli dia molto da fare oltre a muoversi cupamente da un posto all’altro; è difficile sfuggire al sentimento, in particolare al terzo atto, che Leo non sta tanto guidando la trama come trascinandosi dietro un passo.

Dopo Moon un film umanistico, profondamente commovente e le forti emozioni del secondo film di Jones, Source Code , Mute arriva come una sorpresa. Non solo per le grottesche inclinazioni dei suoi personaggi, ma anche perché il suo ritmo è così allentato. Tuttavia, Jones è un regista di talento, e ci sono momenti in cui la brillantezza di Moon traspare: lo scatto d’apertura ha una qualità inquietante e onirica; i suoi momenti più intimi con Leo mostrano la sua capacità di trasmettere un senso del personaggio con l’illuminazione e la cinematografia piuttosto che con le parole. Il tono mormorio e mormorio di Clint Mansell si abbina anche allo stato d’animo sempre più cupo della storia.

Preso in termini propri, però, Mute è qualcosa di una delusione: un mistero lento e fangoso che non entra mai in azione; un film di fantascienza che lotta per trovare la sua strada in mezzo alla sua soffocante città futura.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page