Bright Recensione – Originale Netflix

Reading Time: 5 minutes

BRIGHT È UN FILM UN PO’ CONFUSIONARIO CHE PURTROPPO NON RIESCE A PRODURRE NUOVI CONCETTI O IDEE CREATIVE FONDENDO INSIEME DUE GENERI DISTINTAMENTE DIVERSI. 

Bright è un fantasy che incontra il dramma / thriller poliziesco scritto da Max Landis e diretto da David Ayer. Dal momento che Landis è praticamente fallito come sceneggiatore nel 2012, ha preso l’abitudine di mescolare elementi di genere nelle sue sceneggiature. La sceneggiatura di Bright segue l’esempio in questo senso ed è stata presumibilmente fatta su misura per Ayer – qualcosa che non è difficile da credere, dato come permette al regista di continuare la sua esplorazione in corso della cultura gang di Los Angeles e la lotta tra poliziotti e criminali. Sfortunatamente, gran parte delle potenzialità che questo incontro di menti che poteva essere un potenziale enorme ha finito col perdere molta qualità in questo film. Bright quindi risulta essere come ho già detto nell’incipit un pasticcio confuso di un film che non riesce a produrre nuovi concetti o idee creative fondendo insieme due generi distintamente diversi.

Will Smith recita in Bright nel ruolo di Darryl Ward, un poliziotto esperto di Los Angeles che vive in una versione alternativa del mondo moderno in cui esseri umani e creature mitiche – tra cui Orchi, Elfi e Fate, tra le altre razze – hanno convissuto per migliaia di anni. Con solo cinque anni rimasti fino a quando non ha diritto alla pensione, Ward si ritrova in coppia con il poliziotto novizio Nick Jacoby (Joel Edgerton) – che è anche il primo poliziotto degli Orchi di sempre. Sebbene la maggior parte delle forze di polizia (umane) della LA preferirebbe vedere Jacoby cacciato solo per essere un non umano, Ward fa del suo meglio per cooperare con il suo partner Orco, anche dopo che Jacoby commette un errore da principiante che quasi fa uccidere Ward.

Tuttavia, quello che inizia come una normale pattuglia notturna per Ward e Jacoby va rapidamente a complicarsi quando la coppia inciampa sulle orribili conseguenze di una scena del crimine in centro. Lì, i due scoprono una bacchetta magica – un antico artefatto che è caduto nella leggenda e può essere impugnato solo da individui conosciuti come Brights, insieme a un misterioso elfo di nome Tikka (Lucy Friggere). I tre si ritrovano presto in fuga e fanno del loro meglio per proteggere la bacchetta rimanendo vivi, con tutti che gli danno la caccia pur di avere la bacchetta da poliziotti sporchi a potenti gangster affamati umani (oltre che orchi) – e il più pericoloso di tutti, un elfo di nome Leilah (Noomi Rapace), che vuole usare la bacchetta per i suoi scopi malvagi.

In un certo senso, Bright si presenta come una rivisitazione del film poliziesco di fantascienza Alien Nation, solo con le corse fantasy di Dungeons and Dragons invece degli extraterrestri. Il problema è che la trama del poliziotto non coordinato nel cuore di Bright è molto sottilmente abbozzata e derivata da un difetto, il fatto che uno degli sbirri sia un Orco a parte. Il fantastico MacGuffin che guida l’azione in avanti non è poi così interessante, né ci sono dei colpi di scena che la sceneggiatura di Landis lancia nel mix tutto ciò che è sorprendente o avvincente. Bright ha un certo successo con i suoi sforzi per la costruzione del mondo all’inizio, ma alla fine la sua ambientazione non si sente realizzata in modo coeso e sarebbe ancora un po’ sottosviluppata dagli standard di un pilot televisivo. Per quanto riguarda i tentativi del film di affrontare argomenti come il razzismo e la brutalità della polizia attraverso l’allegoria della fantasia – sono al massimo convenzionali, ma il più delle volte non si rivelano fuorvianti e più che discutibili.

Smith ed Edgerton fanno del loro meglio per elevare il materiale con cui vengono presentati qui, ma per la maggior parte i loro personaggi non si presentano mai come archetipi bidimensionali. Mentre Smith presta il suo marchio di fabbrica al film, in Bright non evolve mai oltre a essere il tipico poliziotto che ha lavorato per troppo tempo. Anche la storia della vita di Jacoby non è tanto avvincente, né il film è coerente nel modo in cui mostra il carattere che si adatta ai costumi della vita umana di tutti i giorni. Alla fine della giornata, Ward e Jacoby non sono memorabili come un duo di poliziotti diverso, al di là del fatto che uno di loro è una creatura ispirata a una storia fantasy di Tolkien.

Il cast di supporto in Bright è (purtroppo) in gran parte sprecato anche qui. Fry come Tikka ha pochi o nessun tratto caratteristico distinguibile (o dialoghi) e la connessione che forma con Ward e Jacoby squilla emotivamente vuota per questo. Rapace come la malvagia Leilah è data una quantità altrettanto piccola di fare qui – e non c’è molto altro da dire – oltre a fare espressioni malvagie e uccidere le persone in modi raccapriccianti. I costumisti di Smith di Suicide Squad qui sono presenti anche Ike Barinholtz e Jay Hernandez, così come attori come Édgar Ramírez ( La ragazza sul treno ) e il comico / interprete Margaret Cho, ma i loro personaggi sembrano esistere per guidare la trama in avanti e dare poco o nulla da fare oltre a questo.

A suo merito, Ayer mantiene Bright che si muove a un ritmo costante ed evita di sprecare troppo tempo su molte trame e su idee semi-elaborate. Ayer e il suo fidato direttore della fotografia Roman Vasyanov riescono anche a creare alcuni straordinari effetti visivi, portando in vita la versione fantasy di Los Angeles attraverso ombre pesanti e nitidi colori notturni. Allo stesso tempo, ci sono diversi casi in cui il mondo del film sembra piccolo, piuttosto che espansivo e vivo, come se fosse girato per lo più di notte come misura di riduzione dei costi. Le sequenze d’azione di Bright non riescono a lasciare una buona impressione e tendono a fare affidamento troppo pesantemente su primi piani illuminati con oscurità che sono mescolati in modo confuso e maldestro. Chiaramente, l’idea era per Bright di unire l’aspetto di un film poliziesco a uno spettacolo fantasy, ma il film fatica a mescolare insieme queste estetiche.

Quasi sicuramente c’è il potenziale per fare qualcosa di più interessante con il mondo fantastico che Landis e Ayer hanno stabilito qui, se Netflix decidesse di andare avanti con Bright 2, come previsto. I problemi con Bright si riducono alla cattiva esecuzione e alla mancanza di follow-through, più di ogni altra cosa. Ecco perché speriamo che il prossimo tentativo di Netflix di creare un film originale che possa andare in punta di piedi con l’offerta di Hollywood a budget medio alto risulti migliore.

TRAILER

Consiglio / Sconsiglio

Consiglio il film per chi ama i film di genere fantasy perché alla fine è il genere che prevale di più in questo film

Sconsiglio il film perché chi cerca un film e sperava in in film con una trama più mozzafiato o comunque degna di nota purtroppo qui non la trova. Come dicevo precedentemente due generi mischiati insieme non sempre risulta essere un connubio al top ed in questo caso è successo proprio questo. Peccato perché in fondo c’è del materiale davvero ottimo e speriamo che lo amplino con il sequel.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page