Scoop Recensione

Reading Time: 3 minutes

Indice

Trama Scoop

Scoop, il film diretto da Philip Martin, racconta il dietro le quinte di un’intervista esclusiva passata alla storia. Quella fatta dalla produttrice televisiva di Newsnight Emily Maitlis (Gillian Anderson) nel 2019 al Principe Andrea (Rufus Sewell) sul suo coinvolgimento nel caso Epstein.

Buckingham Palace apre le porte alla BBC, e seduti a un tavolino, il Principe risponde alle domande di Emily Maitlis a proposito dei suoi legami con l’imprenditore statunitense accusato di traffico sessuale di minorenni. Nella lista compaiono nomi illustri, tra cui quello di Andrea che si dichiara pubblicamente innocente.

Assistiamo alla tenacia e al coraggio dalla giornalista che è riuscita a varcare la soglia di una fortezza in apparenza inaccessibile.

Questo è il nostro punteggio 3.5/5

Commento personale al film

Questo film purtroppo è come un disastro ferroviario: sai cosa stai guardando e dove sta andando, ma non puoi ancora distogliere lo sguardo.

scoop recensione

Ma ecco cosa ci mostra Scoop

Nel novembre del 2019, non potevi aprire un solo sito di notizie o piattaforma di social media senza imbatterti nella più grande storia dell’anno: l’esclusiva intervista di Newsnight con il principe Andrew che ha cambiato per sempre il significato di Pizza Express e ha danneggiato irreparabilmente la sua reputazione. Scoop di Netflix  è la prima di due drammatizzazioni degli eventi che hanno portato al famoso momento televisivo in anteprima nel 2024 (la seconda è l’imminente miniserie di Prime Video A Very Royal Scandal ).

Ambientato e girato a Londra e con un cast stellare, il film è un adattamento del libro di saggistica Scoops: Behind the Scenes of the BBC’s Most Shocking Interviews dell’ex produttore della BBC, Sam McAlister.

Il film inizia nel 2009, a New York, quando il fotografo Jae Donnelly (interpretato da Connor Swindells di Sex Education) scatta una foto del principe Andrea con Jeffrey Epstein. La foto mostra che Sua Altezza Reale ha continuato la sua amicizia con Epstein anche dopo essere stato condannato nel 2006 per crimini sessuali. Donelly ha sorvegliato la casa di Epstein e ha notato il flusso di ragazze minorenni che entravano e uscivano

Passiamo quindi al 2019, quando la presentatrice di Newsnight Emily Maitlis (Gillian Anderson) e il suo duro produttore Sam McAlister (Billie Piper) stanno lavorando per assicurarsi un’intervista con il principe. Il film è incentrato sugli sforzi di Sam per negoziare con Buckingham Palace, in particolare con la fedele segretaria del principe Amanda Thirsk (Keeley Hawes), e ottenere lo scoop per l’ormai famigerata intervista sull’amicizia del principe Andrea con il condannato per reati sessuali. 

scoop recensione

L’attenzione del film è principalmente su come Sam McAlister abbia abilmente convinto il reale ad accettare l’intervista schiacciante. Quando inizia a inseguire la storia, nessuno nella sua squadra è interessato. Ma non appena Epstein viene arrestato per traffico sessuale, il lavoro di Sam diventa una priorità assoluta per lei e i suoi colleghi. Nel momento in cui avviene l’intervista, i numerosi crimini di Epstein sono ormai allo scoperto e la sua morte in prigione fa costantemente notizia.

Nella vita reale, quell’intervista cancellò l’immagine pubblica del principe e portò la regina Elisabetta II a licenziarlo da tutti i doveri reali. La versione drammatizzata degli eventi dietro le quinte del film sembra una pacca sulla spalla da parte di Billie Piper per la donna che ha reso possibile la magia. Non è necessariamente una cosa negativa. Dopotutto, Piper è un’attrice eccellente la cui interpretazione aggiunge quasi uno strato di eroismo mitico a McAlister.  

Scoop è un dramma ben presentato che riaccende i riflettori su eventi ancora radicati nella recente coscienza pubblica. Gillian Anderson e Billie Piper fanno un lavoro brillante e aggiungono profondità al carattere dei giornalisti che interpretano. L’approccio di Rufus Sewell al personaggio del principe aggiunge il tanto necessario sollievo comico a quello che è senza dubbio un film biografico serio. I dettagli drammatizzati dell’ottenimento dello scoop del titolo rendono l’esperienza visiva piuttosto avvincente. 

scoop recensione

Indipendentemente da quanto tu abbia familiarità con lo scandalo Epstein e gli eventi rappresentati in Scoop , vale la pena guardare il film per i suoi meriti. Ciò è in parte dovuto a una sceneggiatura intelligente, a un buon ritmo e a performance fantastiche.  

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You cannot copy content of this page