“Little Women” 1 x 03 Recensione

Reading Time: 2 minutes

Commovente, divertente, e la cosa migliore in TV di questo Natale!!

Come si fa ad adattare un romanzo classico per la televisione?  

Heidi Thomas, che ha precedentemente adattato Cranford Shoes di Elizabeth Gaskell e Noel Streatfeild’s Ballet Shoes, sa esattamente come catturare lo spirito di un romanzo mentre lascia trasparire la propria visione. Le Piccole Donne , l’unica cosa migliore in televisione durante il Natale, è stata una delizia dall’inizio alla fine – una versione commovente e divertente del romanzo del 1869 di Louis May Alcott che ha fatto sembrare le quattro sorelle March sia nuove entusiasmanti creazioni sia vecchi amici.

Abbiamo avuto la bella e materna Meg (Willa Fitzgerald), la civetta dalla faccia di luna Amy (con una vena audacemente antipatica di Kathryn Newton), e la volitiva Jo, interpretata con notevole maturità dalla venticinquenne Maya Hawke, figlia di Uma Thurman e Ethan Hawke.

La migliore performance di tutti, però, è venuta da Annes Elwy come tragica Beth, che deve reclinarsi senza lamentarsi mentre si allontana dalla scarlattina. Elwy stuzzicò le profondità nascoste della timida sorella March, dandole un aspetto da sogno che la rese prematura e tanto più commovente.

“Sei sempre più coraggiosa di quanto sai,” sussurrò la matriarca di Emily Watson, asciugando la fronte febbricitante della figlia mentre lei giaceva sul letto di morte, mantenendo la scena proprio sulla parte giusta della sgraziatura.

La madre delle sorelle March come interpretata da Emily Watson, ci mostra una donna che aveva cercato di controllare la sua rabbia per 40 anni, lasciata impotente da un marito che era andato a combattere in una guerra che non si era mai sentita molto lontana dalla porta principale.

Il suo essere una festa di Natale, ci hanno anche permesso un paio di cammei vivaci – da Angela Lansbury come Zia March, una novantenne pepata con un pappagallo che sentono il profumo di un papista a 20 passi; e Michael Gambon nei panni del ricco vicino Laurence.

Nonostante lo strano momento di Quality Street – ambientato nella neve, o in un bosco screziato – questa rivisitazione di Little Women ha avuto vera grinta. La visione moderna di default è che il romanzo di Alcott è un classico femminista. L’adattamento di Thomas ha reso qualcosa di più, un racconto molto commovente di ciò che lasciamo quando smettiamo di essere bambini.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Serie Tv News, Tutta colpa delle serie TV e Empire State of Mind

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page