Pennyworth 1 x 03 “Martha Kane” Recensione

Tra tutte le serie TV pubblicate quest’anno, Pennyworth è stata quella che mi ha sorpreso di più. Convinta che questa serie sembrerebbe un thriller nostalgico a buon mercato che gioca con il nome di Batman, questo spin-off prequel ha sovvertito le aspettative ed è stato finora un brivido davvero molto divertente. L’episodio 3 non fa eccezione, con un’altra forte dose di caratterizzazione e uno sguardo scherzoso su ciò che verrà per il nostro futuro maggiordomo.

Iniziamo con Alfred seduto con il Padre di Esme chiedendogli il permesso di sposare sua figlia. Si fa beffe dell’idea, dicendo ad Alfred che sua figlia ama semplicemente l’animale in lui dati i suoi 10 anni di servizio nell’esercito. La risposta è un clamoroso no. Mentre Alfred annega i suoi dispiaceri con l’alcol al bar, Esme gli chiede come è andata. Questo porta a una conversazione accesa tra i due, che termina con Esme che gli restituisce l’anello di fidanzamento sul tavolo e se ne va, dato che Alfred le dice che si rifiuta di sposarsi senza il permesso di suo Padre.

Dopo una conversazione imbarazzante con Sandra, arriva una misteriosa signora americana di nome Martha e gli offre un lavoro: un lavoro da guardia del corpo che pagherà molto bene. Questo inevitabilmente rende Alfred un po’ sospettoso, ma accetta comunque di aiutare. Si dirigono alla stazione di polizia e liberano Ian Thurso, un uomo arrestato in precedenza nell’episodio per accuse di omosessualità. Alfred li riporta alla fattoria di Thurso dove vede il suo computer in prima persona.

Si scopre che lavorano per la No-Name League e mentre aspettano l’atterraggio di un aereo, la Raven Society gli tira in agguato e distrugge i generatiru, impedendo all’aereo di atterrare, intenzionati a rubare Ian Thurso (e il computer ) per loro. Alfred decide di uscire e negoziare, anche se è riuscito a convincere Martha a consegnare £ 10.000 per il piacere di farlo. Alfred tiene Thurso sotto tiro, raccontando una storia secondo cui ha ricevuto istruzioni per uccidere l’uomo e distruggere il computer.

Il piano funziona, per la maggior parte, termina con una fuga in fiamme con le fiamme e un camino che esplode in una palla di fuoco quando la Raven Society lascia l’aereoporto. Racconta agli altri dell’affare al bar che suscita anche sospetti sui termini. Tuttavia, l’idea di £ 10.000 è sufficiente per influenzare la loro opinione e lavorare con loro.

Prima di questo incontro, vediamo Dave Boy volare via dalla maniglia, in parte grazie ai suoi tormentati flashback del suo tempo sul campo di battaglia. Mentre gioca a poker, Bazza cerca di impedirgli di bere ma sfortunatamente ha un effetto negativo, spingendo Dave Boy a sparare a uno dei giocatori in testa.

Nel frattempo, indossando un nuovo taglio di capelli e un nuovo atteggiamento, Bet Sykes fa colazione con sua sorella e le dice che aveva un legame con Esme, motivo sufficiente per farla tornare a Londra. Nonostante abbia avvertito sua sorella di non farlo, Bet sembra determinata a tornare e ad arruffare più piume.

Con i soldi promessi alle spalle, Alfred prende in affitto un lussuoso appartamento per Esme e le dice che in origine si era spaventato, scusandosi per quello che era successo tra loro. Con la minaccia della Raven Society ridotta per ora all’ombra, lasciamo l’episodio con Esme e Alfred di nuovo in una relazione mentre il leader della Raven Society viene scaricato a terra; un po’ sanguinante e mal ridotto ma comunque vivo.

Commento personale alla puntata

Dato il lavoro svolto da Pennyworth per costruire questa conseguente relazione tra Esme e Alfred, non sarei sorpresa se vedessimo la tragedia colpire questi due prima piuttosto che dopo. Dato il passato travagliato di Alfred, questo sembra un percorso probabile anche se ovviamente gli affari di Alfred sono alquanto loschi e senza un senso vero e proprio. In molti modi, questo episodio sembra trasformativo, creando eventi a venire e gettando le basi per la crescente minaccia della Raven Society. Nel frattempo, però, Pennyworth offre un altro episodio buono, con scatti meno affermati di Londra e molto più lavoro dei personaggi nel processo. L’elegante design di produzione e la sceneggiatura decente aiutano a creare un dialogo a flusso libero tra i nostri personaggi, con i ricchi accenti londinesi che si sentono autentici e aiutano a costruire sulla credibilità di questo mondo. Fino ad ora Pennyworth è stata una corsa davvero piacevole. Voi cosa ne pensate?


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

COME SEMPRE VI RICORDO DI CONTINUARE A SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
SHOWTELLER & DRAMAADDICTED E LA PAGINA AD ESSA DEDICATA PENNYWORTH ITALIA

Pennyworth, Recensioni , , , ,

Informazioni su Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

Precedente The Handmaid's Tale 3 x 13 "Mayday" Recensione - SEASON FINALE Successivo Why Women Kill 1 x 01 "Murder Means Never Having to Say You're Sorry" Recensione - PILOT