Reading Time: 3 minutes

Questo è il nostro punteggio 4.5

⭐⭐⭐⭐⭐

Commento personale alla puntata

Queste tre settimane di inferno che ci mostreranno più da vicino i nostri Big Three è iniziata con il botto e con Randall, ma ci ha aperto alle future trame di Kate e Kevin. Questa prima parte con Randall diciamo che era qualcosa di già visto con la sua ansia e i suoi attacchi di panico quindi è stato un rivedere qualcosa che già conoscevamo ma è stato ancora bello vedere Brown darci il meglio del suo Randall. Se devo essere sincera sono più curiosa della parte di Kate che di Kevin, perché in quei pochi secondi in cui Kevin e la mamma corrono a prendere Randall al suo alloggio perché qualcosa è accaduto a Kate mette davvero ansia….

This Is Us è una delle poche serie che non evita di incorporare la salute mentale nelle loro trame. In effetti, una delle scene più memorabili della serie finora è quando Randall ha avuto un attacco d’ansia e Kevin lo ha aiutato.

È stata una scena così dura da guardare, ma che non dimenticheremo mai. Ecco perché This Is Us  è uno spettacolo così fenomenale, portano le emozioni al massimo in tutto ciò che fanno. E non hanno paura di dire come è.

Dopo essersi imbattuto in un ladro che è riuscito a spaventare, l’ansia di Randall ritorna in pieno vigore nell’episodio di questa settimana. È ovvio che si è sviluppata soprattutto da quando ha scoperto che Rebecca sta sperimentando un deterioramento cognitivo e peggiorerà. Per non parlare, del fatto che lo nasconde a Kevin e Kate. Era solo una questione di tempo prima che le cose arrivassero al culmine.

Gran parte dell’episodio è incentrato sulla crescente ansia di Randall per l’intera situazione, ed è ovvio che le cose stanno peggiorando. I costanti flashback, di lui da bambino e quando era al college, confermano il fatto che ha lottato con l’ansia per tutta la vita. E per tutta la sua vita, l’ha sempre soppressa o ignorata perché doveva essere il più forte.

Lo ha raggiunta da adulto, e dopo aver realizzato che il ladro non solo era entrato in casa ma era entrato nella sua stanza e di Beth al piano di sopra, Randall si è trovato completamente nel panico.

Vale la pena lodare che durante l’episodio, This Is Us ha messo le persone nella vita di Randall che lo hanno incoraggiato ad agire. Principalmente, Beth sembrava essere la sua roccia durante il college e ha continuato ad essere presente. Per non parlare, Darnell lo va a trovare a casa e prova persino a suggerire a Randall di provare la terapia.

Fu solo quando Randall vide un uomo che cercava di derubare una donna che le cose sfuggirono di mano. Randall non solo ha picchiato brutalmente l’uomo, ma si è reso conto che stava nascondendo molta paura dall’irruzione.

E come abbiamo visto nella prima stagione, Randall ha scelto di affidarsi a Kevin per parlargli mentre andava completamente in fratumi. Nota a margine: quella nel letto era Sophie?!

Ancora una volta, Brown ci ha entusiasmato con la sua esibizione durante questo episodio. Quanto è stato incredibile?! Soprattutto le sequenze dei sogni che sembravano così reali e spaventosi. Sono sempre sbalordita dal suo talento, e non vedo l’ora di vedere dove ci porta la storia di Randall nella seconda parte della quarta stagione.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Reading Time: 5 minutes

Questo è il nostro punteggio 4

⭐⭐⭐⭐

Commento personale alla puntata

Questa settimana su Manifest, è un concatenarsi di trappole per incastrare un po’ tutti e se qualcosa è andato bene e abbiamo delle risposte per altre trappole e domande dovremmo aspettare ancora un po’. Negli ultimi episodi, sono state le ricerche per capire chi fosse il Maggiore. Ma ora ci sono i credenti e alcuni personaggi aggiuntivi che lavorano per chissà che cosa e che vengono aggiunti al mix di Manifest. Anche se a volte questo può essere un po’ opprimente, fa un ottimo lavoro per riportarci a farci fare nuove teorie perchè ormai abbiamo capito che non tutto e mai come sembra in Manifest. Inoltre continua a fare un ottimo lavoro lasciandoci con il fiato sospeso fino alla settimana dopo.

Questa settimana in Manifest , iniziano le trappole e le bugie. Ben e Vance provano a piazzare una trappola per il Maggiore attraverso Saanvi. Nel frattempo, Michaela riesce finalmente a trascinare il culo di Zeke in tribunale per dargli un’udienza adeguata. D’altra parte, Grace riceve un’altra chiamata, una a cui non ha idea di come rispondere.

Dopo aver scoperto che qualcuno sta inviando informazioni della ricerca di Saanvi al maggiore, Vance crea immediatamente una rete che li condurrà a lei. Il piano è di fornire a Saanvi informazioni false secondo cui un altro passeggero riceve chiamate più forti di Cal. Poi, lasceranno che arrivi al Maggiore e preparino una trappola a Philadelphia.

Sfortunatamente, questo piano implica mentire e usare Saanvi. E Ben non è al cento per cento d’accordo con questa decisione. Tuttavia, Vance gli ricorda che è meglio che resti all’oscuro piuttosto che rischiare inutilmente la sua vita. Quindi, anche se non riusciva quasi a digerirlo, Ben fa quello che gli viene detto di fare. Fornisce le informazioni e osserva Saanvi rallegrarsi per le notizie. Quindi, procede a mentirle.

Oltre a ciò, Saanvi sta anche affrontando alcune questioni riguardanti la sua vita personale e la conosciamo più come personaggio. A quanto pare, avrebbe dovuto salire a bordo del Volo 828 con una persona speciale, Alex. Ma non si è presentato. Fino ad ora, Saanvi ha avuto a che fare con i suoi sentimenti per lui. E in un messaggio che stava cercando di comporre per lui, rivela perché è stata così violenta con lui per tutto questo tempo. Per tutto questo tempo, Saanvi fu ritratta come una vittima da un uomo che la sostenne. Ma in realtà è la terza parte in una relazione. E sebbene Alex non sia stato mostrato nell’episodio, penso che lo vedremo presto in  Manifest.

Nel frattempo, Michaela si sta muovendo per liberare Zeke a partire dda procurargli un avvocato. Questa incessante ricerca la porta di nuovo in una accesa conversazione con Jared. Ma lei rifiuta di rinunciare a questa sua lotta e sopratutto a Zeke. Michaela cerca di chiedere a Jared di fare la cosa giusta, ma è testardo quanto lei.

Ci vuole un po’ di tempo e molti sforzi da parte di Michaela per ottenere finalmente una presa su Zeke. Ma lei lo fa. E per fortuna, lo vede in tribunale un po’ più gradevole dell’ultima volta. Questa volta, anche Michaela ha la possibilità di testimoniare. E lì, rimane irremovibile che è stato tutto un incidente. La sua convinzione di liberare Zeke equivale a gettare Jared sotto un autobus in corsa. E tutto ripaga poiché le accuse di Zeke si riducono a un incidente e viene liberato immediatamente dopo l’elaborazione.

D’altra parte, Grace ha un’altra chiamata. Dopo aver chiacchierato con Erika (Susan Pourfar), un’altra mamma alla sua lezione di yoga, Grace vede un gargoyle sulla macchina di Erika. Allo stesso tempo, sente la sua voce che dice “Apri gli occhi”. Immediatamente, Grace pensa che la chiamata abbia a che fare con Erika. Quindi, lei e Cal la rintracciano.

Quando Grace trova Erika, cerca di avviare una conversazione amichevole. Ma Erika in qualche modo impazzisce e si scusa rapidamente come se avesse paura di qualcosa. La prossima volta che Grace la vede, è fuori dalla lezione di yoga. Prova di nuovo l’approccio amichevole. Tuttavia, Erika non vuole proprio a che fare con lei. A quanto pare, è una delle persone che non crede ai sopravvissuti del volo. E dopo un po’ di discussione con Grace, dice dispettosamente a Grace: “Spero che tu perda quel bambino”.

A proposito di bambini, Olive sembra stare meglio di prima. Ma non è necessariamente una buona cosa. Così com’è, i suoi sentimenti di isolamento nella sua famiglia l’hanno spinta a unirsi ai credenti. Si è persino alzata di fronte alla platea per testimoniare per ringraziare la comunità che l’aveva fatta sentire di appartenere a qualcosa. Ma tutta questa cosa dei credenti non mi ispira per niente fiducia. Niente è mai stato così bello in  Manifest. E penso che Olive prenderà una bella batosta.

Altrove nell’episodio, Ben decide di impressionare alcune persone all’università per un’offerta di lavoro. Per la sua prova, è stato invitato a tenere una lezione su alcune teorie matematiche avanzate. Sulla strada, incontra ancora una volta TJ che lo informa che sarà seduto nella sua classe. Apparentemente, TJ non è l’unico con quel pensiero. Con la notizia di Ben, un passeggero del volo 828, che teneva una lezione, anche altri studenti che non erano nemmeno iscritti a matematica sedevano in classe.

All’inizio della lezione, Ben riesce a deviare facilmente qualsiasi domanda sul volo 828. Tuttavia, iniziano presto ad accumularsi abbastanza rapidamente molte domande che Ben inizia a perdere il controllo. Per fortuna, TJ fa una domanda inerente a uno degli studi di ricerca di Ben e al volo 828. Questo dà a Ben abbastanza spazio per deviare la conversazione sull’argomento e continuare senza intoppi da lì. E dal momento che Ben è riuscito a superare tutto mentre impediva agli studenti di sonnecchiare o tirare fuori i loro telefoni, ottiene il lavoro. Ma attenzione perché…

L’uomo che decide se diventerà di nuovo un professore o meno dell’università è in realtà il marito di Erika. E una volta che i due si incontrano, il marito dice a Erika che ha sistemato con successo la sua trappola. Mentre si allontanano, la telecamera fa una panoramica su una statua di gargoyle in cima alle pareti dell’università. Mi chiedo per chi stiano lavorando questi due.

Successivamente, Ben fa un’altra visita a Saanvi. Non poteva più mentirle, quindi le dice tutta la verità. Ferita, Saanvi lo butta fuori. E dopo aver scoperto che c’era una funga di notizie, licenzia anche il suo assistente di laboratorio Troy. Tutto ciò, oltre al suo fragile stato mentale, la riporta di corsa dal suo psicologo, il maggiore.

Le azioni di Ben potrebbero aver sabotato la loro trappola iniziale. Tuttavia, non è per niente così. In effetti, li aiuta ad andare oltre più di quanto non siano mai andati. In qualche modo, Saanvi riesce a capire chi sia davvero il suo psicologo. Quindi, dopo averle dato alcune informazioni false nella loro sessione, Saanvi ha installato una sua telecamera in laboratorio. Ed ecco, che nella ripresa c’è il dottore che le ha consigliato il maggiore in primo luogo che sta sfogliando i suoi campioni di sangue di ricerca. Fortunatamente, Saanvi ha sostituito in modo intelligente il contenuto delle bottiglie con delle false.

Questa, di per sé, è la prova che Saanvi aveva bisogno per confermare che qualcuno stava rubando le sue scoperte. Inoltre, forse il più grande successo della loro squadra è trovare la vera identità del maggiore. Dopo aver sfogliato le foto dei migliori soldati del Dipartimento della Difesa, Saanvi individua il maggiore che l’ha ingannata per tutto il tempo: il maggiore generale Kathryn Fitz.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi. E passate sulla pagina dedicata a questa serie Manifest Italia – Italian Fanpage

Reading Time: 4 minutes

Manca poco meno di una settimana al ritorno delle Terrificanti Avventure di Sabrina (qui per vedere il trailer musicale nel caso ve lo foste persi) e ormai non ne possiamo proprio più di questa lunga attesa. Tutto ci manca di questa serie, soprattutto le peripezie della famiglia Spellman: ecco di seguito le 7 citazioni che hanno reso questa famiglia la più terrificante di sempre!

1) Fredda, cinica, schietta Zia Zelda

A primo impatto non si è ben capito se Zia Zelda facesse parte degli antagonisti o meno. Sin dal primo momento si è sempre presentata una donna dura, di ghiaccio, dalle frasi sempre affilate, dette ogni volta al momento giusto. Poi abbiamo capito che dietro quella sigaretta sempre fumante si nasconde una donna con un gran po’ di cuore, e nonostante il suo cinismo l’abbiamo amata comunque!

Abbottona il labbro o lo farò per te, letteralmente.

2) La terrificante dolcezza di Zia Hilda

Se avevamo seri dubbi su Zia Zelda, per quanto riguarda Zia Hilda non c’è alcun timore: la sua dolcezza ce l’ha fatta adorare fin da subito. Ma come si è solito dire, “l’abito non fa il monaco”. Anche se Zia Hilda ha dimostrato una grande dolcezza e un immenso affetto per i suoi nipoti, sotto sotto un lato perverso lo ha anche lei. Sa essere sadica anche molto più del Signore Oscuro, e quando qualcosa va storto, è la prima a sbattere in faccia la realtà dei fatti.

Alcuni giorni, alcune notti, sogno di camminare nei boschi di Greendale, nel pieno della stagione secca, con una torcia accesa in ogni mano, in modo da vedere bruciare l’intera foresta […] Dormi bene, tesoro mio.

3) Quando “Sabrina Spellman” è sinonimo di “Coraggio”

Per avere solo sedici anni la nostra cara protagonista Sabrina Spellman è uno di quei personaggi che ha coraggio da vendere. Ha affrontato ostacoli che nessun altro riuscirebbe ad affrontare (stiamo parlando del famigerato Lucifero eh, non è mica cosa da poco) e al sentire il suo nome GreendaleRiverdale tremano per il terrore. E continueranno a tremare, perché Sabrina sta per tornare.

My name is Sabrina Spellman and I will not sign it away.

4) L’indispensabilità delle Zie Spellman

Diciamocela tutta, le Zie Spellman sono un vero genio. Gli Spellman sarebbero davvero persi senza di loro. Entrambe le zie sanno sempre come risolvere le situazioni più pericolose: incantesimi, pozioni e riti non hanno alcun segreto per loro.

Ricorda, il registro di Yule non è una decorazione, è una protezione. Deve bruciare continuamente da oggi, attraverso il giorno più corto, attraverso la notte più lunga, fino all’alba. Altrimenti, Satana sa quali forze malevoli potrebbero scendere dal nostro camino. Creature con intenzioni forse mortali.

5) Ambrose e le sue filosofie di vita

Nelle sue riunioni con se stesso, tenute rigorosamente a casa SpellmanAmbrose è sempre intento a trovare le giuste ragioni, la giusta filosofia, la causa e gli effetti delle varie azioni che la sua famiglia compie (e può compiere, a differenza sua) al di fuori di casa. Questo lo rende un mago molto saggio, dal cuore d’oro e da una grande mente

La legge delle streghe è l’esatto contrario. Colpevole fino a prova contraria

6) Sabrina Power Spellman

Mezza strega, poi (purtroppo o per fortuna) strega a tutti gli effetti. Sabrina si lega così tanto alla scuola di magia che inizia a trascurare la scuola dei mortali, la quale era molto legata. Ma le lezioni di magia le fanno molto bene, tant’è vero che è una delle prime del suo corso. Non c’è nulla da fare, Sabrina Spellman è destinata a primeggiare.

Non sono sicura di riuscire a interpretare un personaggio così sottomesso. Non è proprio il mio stile.

7) Quando Zia Hilda dice una parola di troppo e Zia Zelda la uccide a suon di palate

E concludiamo questo articolo con un punto ironico ma la tempo stesso molto raccapricciante. In uno dei primi episodi della prima parte vi è un breve battibecco tra Zelda e Hilda che si conclude con l’inaspettata morte di quest’ultima. Ovviamente, noi siamo rimasti a bocca aperta. Mai ci saremmo aspettati una cosa del genere, mai ci saremmo aspettati che Zelda uccidesse sua sorella e la seppellisse anche. E mai ci saremmo aspettati che Hilda resuscitasse improvvisamente, sporca ovviamente di sangue e terra. Mi vengono i brividi solo a ricordarlo.

She annoyed me so I killed her.

Siete pronti al ritorno della terza parte delle Terrificanti Avventure di Sabrina? Fatecelo sapere con un commento sulla nostra pagina Facebook!!

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi