fbpx

Killing Eve 2 x 06 “I Hope You Like Missionary!” Recensione

Killing Eve 2 x 06 “I Hope You Like Missionary!” Recensione
Reading Time: 5 minutes

Niko Polastri potrebbe sembrare un paio di baffi incollati su un po’ di caramello, ma è altrettanto capace di canalizzare strane, sadiche, sensazionali sensazioni da serial killer come Villanelle, grazie mille. Sei stato sorpreso? (Io si!) L’ultimo episodio di Killing Eve mostra un lato inedito di Niko, dando il via a uno scontro che ha una gamma emotiva: arrabbiato, erotico e, infine, piuttosto triste. Tornando a casa dopo la sua sorpresa con Villanelle, Niko finalmente capisce perché le cose siano state così strane con la moglie negli ultimi tempi – e lui farà qualcosa al riguardo.

“Cosa vuoi da me, Eve? Vuoi che ti ami, o vuoi che ti spaventi?” Ringhia, prima di mandarla di sopra. C’è un cut-away (da quello che possiamo solo presumere è un amore insolitamente terrificante), ma la mattina dopo va tutto bene!

…O è? Eve è entusiasta, ma Niko è infelice – non perché non gli piacesse, ma perché lo ha fatto. E lui se ne va. Voglio dire, se ne va . Lui la lascia! Quindi, per riassumere, Niko era disposto a tollerare di essere stato spinto, urlato e insultato, ma una notte di sesso radicale e stravagante con sua moglie è la cosa che lo manda a correre fuori dalla porta.

Eve non è l’unica ad avere una strana mattina dopo; a casa di Carolyn, il suo ultimo fidanzato arriva al piano di sotto a torso nudo e trova Konstantin che si aggira in cucina. Si ha la sensazione che questo non sia il primo (o anche il decimo) momento in cui c’è stato un confronto come questo in casa di Carolyn, ma solo Kenny sembra sentirsi a disagio. (Riflessione: Spero davvero che Eve annulli presto il licenziamento di Kenny: questo povero ragazzo ha bisogno di qualcosa di più da fare che stare in piedi cercando un pizzicotto mentre Konstantin cerca di svergognare sua madre.)

La presenza di Konstantin a casa di Carolyn sottolinea che il team-up della scorsa settimana non è stato solo una tantum. La banda è tornata insieme, e questo include Villanelle, nel bene e nel male. E onestamente, è soprattutto in peggio! Quando non sta minando Eve di fronte ai suoi colleghi, sta entrando in casa sua e facendo cose strane e oscene al suo spazzolino da denti. Nota a se stessi: quel ragazzo Martin e la sua presentazione in PowerPoint di Psychopath meritano le scuse.

Sfortunatamente, Villanelle è essenziale per il nuovo piano della squadra: infiltrarsi nella ristretta cerchia di Aaron Peel, meglio capire il tipo di cose nefande che ha fatto, cioè, oltre all’ordinazione dell’omicidio di suo padre e di una dozzina di associati , che è già piuttosto brutto. L’unica vera connessione di Peel è sua sorella, Amber. È una tossicodipendente in fase di recupero che potrebbe usare disperatamente una bella ragazza con cui legarsi, quindi inserisci “Billie”, l’alter ego americano di Villanelle: un influencer millenario annoiato con capelli color oro rosa, un problema con l’alcol e un “accento davvero fastidioso”. Anche se questa nuova operazione ha i suoi benefici – tra cui uno di quei momenti regolarmente programmati in cui Eve e Jess flettono la loro autorità e sovvertono gli stereotipi di genere gestendo bruscamente Hugo in giro – creano anche nuove tensioni tra Eve e Villanelle, che è palesemente insubordinato e troppo felice per l’impatto distruttivo che ha avuto sul matrimonio di Eva. Quando Eva cerca di rimproverarla per non aver fatto i compiti, Villanelle diventa fredda e minacciosa.

Questo dovrebbe essere un ricordo abbastanza per Eve che lei, alla fine della giornata, lavora fianco a fianco con un serial killer. Ma eccone uno in più! Amber Peel ha una persona che continua a interferire con i tentativi di Villanelle di fare amicizia con lei. Villanelle lancia sfacciatamente la donna di fronte a un autobus, uccidendola in piena vista di Eve, un ricordo agghiacciante di chi ha davvero il controllo.

Nel frattempo, Niko non risponde alle chiamate o ai messaggi di Eve, quindi lo rintraccia. Alla casa di Gemma. Perché, naturalmente, quando lasci tua moglie, il tuo primo stop dovrebbe essere la casa della collega che, ovviamente, prova apertamente qualcosa per te. Gemma invita Eve dentro per una tazza di tè, un’offerta che Eve chiaramente non è destinata ad accettare – così lo fa, assolutamente disgustosa di quanto sia scomoda fare a tutti. È una mossa molto Villanelle, proprio nella parte in cui sale al piano di sopra, va attraverso il cassetto della biancheria intima di Gemma, e rompe la piccola ballerina di twirly nella sua scatola dei gioielli, che al tempo stesso è terribilmente scortese e incredibilmente necessaria. Guarda, Gemma, tutti noi dobbiamo fare delle scelte: puoi avere la tua ballerina twirly, oppure puoi avere una sordida avventura sessuale con Niko che è sposato con una spia del MI6. Queste sono le regole.

È tutto un po’ brusco, ma con un colpo di addio (“Spero che ti piaccia la posizione del missionario”, dice Eve, a cui Gemma replica, “Io, in realtà la adoro”), sembra che il matrimonio Polastri potrebbe essere davvero finito. Certamente, Eve è più interessata a ciò che viene dopo: l’invio di Villanelle in incognito per una cena dai Peel. Eve e Konstantin controllano l’operazione da un furgone mentre “Billie” mette in ombra il giudizio beffardo di Aaron Peel. Peel è ancora più sinistro a casa di quanto lo sia in ufficio; quando Villanelle va a curiosare per le informazioni, in realtà appare da dietro una porta scorrevole segreta in una libreria come un cattivo di James Bond per chiedere cosa sta facendo. E ora, Villanelle tira fuori una pagina dal playbook di Eve: ingoia segretamente l’auricolare, chiama Peel un bullo, e lo colpisce in faccia con il libro che sta usando per provocarla. Cosa significa questo per l’operazione? Chi lo sa, ma è terribilmente soddisfacente.

E qui, l’episodio termina – un po’ in modo ambiguo. Villanelle sta al bancone di cibo d’asporto untuoso, guardando incuriosita il kebab del doner che volteggia dietro il bancone. Chiede se puoi farlo con qualsiasi tipo di carne, e la risposta del cassiere sembra infausta: “La gente mangerà qualsiasi cosa se la affetterai abbastanza sottile e metterai su di essa salsa piccante”.

Se ti stai chiedendo se questo è il modo in cui lo show fa presagire una vera trama del cannibalismo, allora, a) anche io, e b) Dio, lo spero! Ma potrebbe anche essere un tipo più ampio di commenti, sulle minacce che passano tra noi inosservate perché sono così ben mimetizzate. Nei momenti finali dell’episodio, Villanelle insegue due giovani donne attraverso le strade buie e deserte – solo quando si mostra, non urlano o scappano. La invitano a camminare con loro. Pensano che sia proprio come loro. E lo fanno a loro rischio e pericolo … che finiscano o meno per essere trasformati in kebab.

Commento personale alla puntata

Finalmente abbiamo visto lavorare insieme Villanelle e Eve e bisogna affermare con certezza che anche se non si amino alla follia non riescono comunque a fare a meno l’una dell’altra. Eve ormai ha sempre più le stesse caratteristiche personali di Villanelle e la cosa mi piace molto. Se devo essere sincera sono felice che Niko si sia tolto dalle scatole, non so ultimamente mi sembra un personaggio un po’ inutili all’interno della serie, rispetto a tutti gli altri! Voi cosa ne pensate?

COME SEMPRE VI RICORDO DI CONTINUARE A SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
SHOWTELLER & DRAMAADDICTED

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page