Here and Now 1 x 02 “It’s Coming” Recensione

Reading Time: 3 minutes

Greg Boatwright è in procinto di avere un esaurimento nervoso. Se questo non era ovvio dopo la premiere della serie la scorsa settimana, in cui la sua ragazza preferita gli ha regalato per il suo sessantesimo compleanno X-rated e ha regalato ai suoi ospiti del party un discorso che rinnegava il lavoro della sua vita, è certamente ora.

A metà dell’episodio di questa settimana, Greg ordina ai suoi giovani studenti di filosofia di mettere via i loro laptop e smartphone in modo da poter consegnare un altro monologo profondamente pessimistico. Questa volta, il soggetto è l’empatia.

“Immagina”, li istruisce, “che io sono un uomo di immensa ricchezza e potere, che potrebbe fare molte cose buone per molte persone – e per il mondo. Ma a causa del mio paralizzante disprezzo di me stesso, continuo a prendere più di tutto per me stesso. Se riesci ad immaginare una persona del genere esiste.”

Una risata amara riempie la stanza, e ciò che era implicito nella prima è diventato esplicito: la crisi di Greg riguarda Donald Trump.

Mentre lo vede, l’empatia non è più una modalità praticabile di dissenso. Certo, sostiene, si può riconoscere che il “dolore psichico” detta questo, ehm, il comportamento dell’uomo immaginario. Ma riconoscere che l’angoscia non ha nulla da fare se non cullare una persona nel compiacimento. “Stai suggerendo che non ci sforziamo di scegliere l’empatia per la paura?” Chiede il suo nervoso assistente. “Perché è una specie di pietra angolare della tua filosofia.”

Questo ha il potenziale per essere una conversazione ricca, anche se non condividi il cupo punto di vista di Greg. Spero solo che Alan Ball, il creatore di “Here and Now” e l’autore dei suoi primi due episodi, abbia trovato un modo diverso per avviarlo. Ma l’agenda politica di uno spettacolo non deve essere sottile per essere efficace.

Ashley è lo schermo sul quale si proietta il razzismo della società. Kristen, che parla apertamente di puttane e mestruazioni in classe, sta diventando l’avatar dello show per il femminismo. Ha avuto la sfortuna di contrarre la clamidia sin dal suo primo incontro sessuale, e quando Ashley la porta a Planned Parenthood, Kristen picchia un contestatore anti-aborto che la definisce una “puttana stupida”. Entrambe le sorelle vengono arrestate, ma mentre i poliziotti scherzano con Kristen, che trova l’esperienza esilarante, un ufficiale donna umilia Ashley, costringendola a rimuovere la sua parrucca, interrogandola sulla sua costosa borsa e cracking che il tampone che trova al suo interno spiega il cattivo umore di Ashley.

A parte la mia certezza che anche il più disgustoso poliziotto non avrebbe fatto quella battuta a tampone, la cosa più irritante di questa trama è che è altrettanto didattica della lezione di Greg. Non ci dà alcuna idea di chi siano Ashley e Kristen come individui. Dal clunkiness della sua trama punta alla lista della lavanderia di questioni razziali e di genere che controlla accuratamente, l’episodio riduce un personaggio all’archetipo della donna nera oppressa e l’altro all’archetipo intitolato white girl.

La trama di Audrey, che la getta come un vero sostenitore del potere dell’empatia, è altrettanto frustrante. Scopriamo cosa fa realmente la sua Empathy Initiative, quando il preside della scuola superiore di Kristen cerca i suoi consigli su cosa fare di una “Società per il patrimonio nordico-europeo” che alcuni studenti hanno recentemente organizzato. Molti studenti sono comprensibilmente arrabbiati per ciò che considerano un’organizzazione neo-nazista autorizzata dalla scuola. Quindi, Audrey riunisce le fazioni e, grazie alla magia delle affermazioni “I feel”, fa precipitare rapidamente i ragazzi bianchi. Bene, è stato facile.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page