Allied – Un Ombra Nascosta Recensione

Reading Time: 5 minutes

Brad Pitt e Marion Cotillard sono spie della seconda guerra mondiale che si innamorano in un thriller romantico spionistico vecchio stile senza fiato.

Robert Zemeckis ha al suo attivo una vasta gamma di film, ma non è ingiusto associarlo con una certa fissazione tecnologica. In quasi 40 anni di regia, ha impiantato cartoni animati nel mondo reale (Chi ha incastrato Roger Rabbit), ha inserito attori in cinegiornali (Forrest Gump), è diventato il caotico bardo del motion capture (The Polar Express, Beowulf, A Christmas Carol), e ha usato effetti di sfiducia della morte per mettere il pubblico su un filo metallico tra le torri del World Trade Center (The Walk). Una volta tanto, però, Zemeckis realizza un film che ricorda quello che può essere un regista eccezionale quando lavora alla vecchia maniera, mettendo in scena un dramma umano senza spigoli senza la rete di sicurezza del flim flam visivo d’avanguardia.

Allied, interpretato da Brad Pitt come ufficiale dei servizi segreti canadesi e Marion Cotillard come una combattente della Resistenza francese che si alleano per una missione durante la seconda guerra mondiale e, naturalmente, si innamorano, è un thriller romantico spionistico di alto stile che sembra sia stato realizzato negli anni ’40 (almeno, se Ingrid Bergman fosse stata autorizzata a pronunciare la parola f***k). È un film pieno di nazisti e lampadari, aerei di supporto e passione nascosta. Ciò potrebbe colpire alcuni spettatori come una svolta un po’ noiosa – una feticizzazione del passato – ma Zemeckis, lavorando da una sceneggiatura di Steven Knight, è vivo per ciò che è bello dei vecchi film: il mestiere flessibile, quasi invisibile che permette alle scene di pulsare con suspense emotiva. Allied non è basato su una storia vera; è una mistura cinematografica in flagrante. Ma come Il ponte delle spie di Steven Spielberg, è stato realizzato con un classicismo così vecchio e nuovo che viene eseguito con abbastanza stile da attirare il pubblico.

Quanto è antiquato Allied? È così vecchio stile che l’intera prima sezione del film è ambientata a Casablanca – e sì, è una Casablanca che ricorda quella “Casablanca”, un luogo di intrighi e di pericoli “esotici” che sembra, a volte, come se fosse ostentato dal fatto che si tratti di un set cinematografico. Nella scena di apertura, Max (Pitt) si paracadutava nelle fossette delle dune arancioni del deserto marocchino, quindi gironzolava nel labirinto oscuro di una città dalle pareti bianche. Una volta lì, deve fingere di essere il marito di Marianne (Cotillard), che è stata in giro nei nightclub, diventando accogliente con i collaboratori collaborazionisti del governo di Vichy. L’illuminazione è di lusso, così come lo sono gli abiti – abiti che coprono con perfezione dea, cravatte che sembrano opere d’arte. Quando Max si presenta per la prima volta davanti agli amici di Marianne, le due coccole sono le più intime di quelle che non si sono mai incontrate: un buon set-up. Al loro appartamento, lei gli dice il suo credo: “Io mantengo le emozioni reali. Ecco perché funziona.” Apre anche i bottoni in alto della sua camicetta per metterlo alla prova. Se lui si lancia verso di lei, è un segno che gli manca il controllo necessario per eseguire la missione.

Questo è tutto, naturalmente, il modo elaborato del film per generare calore a vapore, e funziona. Pitt e Cotillard si connettono, perché c’è una tenacia di corrispondenza per la loro sensualità. Cotillard agisce con un’astuzia leonina, il tipo di cosa che può disarmare un conquistatore tutto-visto come Pitt. Marianne stuzzica Max, che viene dal Quebec, a proposito del suo pessimo accento parigino (non è solo presa in giro, dato che potrebbe essere abbastanza per farli uccidere), ma il pubblico ha una reazione diversa: guardare Brad Pitt parlare francese è un po ‘come vedere un cane stare sulle zampe posteriori – più impressionante del fatto che lo faccia bene è il fatto che lo fa affatto.

Max e Marianne appartengono insieme perché sono una star del cinema bellissima, e perché queste spie condividono una certa consapevolezza di ciò che accade in ogni stanza. Il loro incarico prevede il bando di un invito a una festa lanciata dall’ambasciatore tedesco, e la scena in cui inchiodano l’invito è piena di succulenti inganni. La festa è ancora meglio. Zemeckis ci tiene all’oscuro su cosa sia, esattamente, la missione, e poi si rivela: una catarsi infuocata che suggella il loro amore. Come non potrebbe? La coppia che fa la fredda materia esplosiva della guerra di Bondian rimane insieme.

Zemeckis, utilizzando la luminosità interiore della cinematografia di Don Burgess, mette in scena questa prima metà del film con una precisione senza intoppi – una fusione di azione e sentimento – che ti cattura. Eppure è tutto un grande piedistallo per la seconda metà del film, ambientato in un sobborgo di Londra, dove Max e Marianne, ora sposati con un bambino, stanno facendo la cosa più vicina che possono per vivere un’accogliente vita domestica insieme dopo il vento del Blitz.

Sarebbe uno spoiler importante rivelare cosa succederà dopo, quindi diciamo solo questo: è possibile che Marianne non sia chi Max pensava che fosse. Tocca a Max scovare la verità, e lo fa con l’ostinazione, la passione e l’inganno di qualcuno la cui esistenza dipende dalla conoscenza della risposta. A volte, la situazione ricorda ampiamente un precedente film di Pitt, Mr. & Mrs. Smith, ma quel thrick del thriller Brangelina era molto pesante con un sottotesto meta-gossip; questo è ciò che ha venduto il film. L’attuale ruolo scandalistico di Pitt come un divorziato papà non può fare molto per aiutare le fortune di Allied, ma il modo in cui lui e Cotillard danzano l’un l’altro crea una visione molto più suggestiva del matrimonio come una sorta di zona di spionaggio quotidiana.

Allied è teso e coinvolgente, eppure l’atto climatico del film in qualche modo non è all’altezza. Zemeckis e la compagnia non fanno alcun ovvio passo falso, ma il film, nel tentativo di raggiungere e strattonare le corde del cuore, si lamenta di ciò che la Marianne con cui ci presentiamo avrebbe scelto di fare. (Potrebbe, e dovrebbe, diventare più scuro.) Credi di amare Max, ma c’è un altro lato della sua devozione che lava via troppo facilmente. Il risultato è che Allied ispira la maggior parte delle reazioni del vecchio film che sta accadendo tranne una: non ti fa mai svenire.

TRAILER

Consiglio/Sconsiglio

Consiglio per chi ama il genere storico anni ’40. Il film fin da subito ci fa sentire parte di quegli anni quindi per gli amanti di quel periodo e sopratutto per chi ama scoprire qualcosa in più di quegli anni è da non perdere. Inoltre i due attori sono molto bravi nei loro ruoli e dico che ne vale davvero la pena.

Sconsiglio se si parte già con il presupposto del fatto che sarà il solito film dedicato al periodo nazista e quindi ci si domanda “Perchè ancora un film sul nazismo?” Certamente lo è, però è qualcosa di più che non sempre si sa o che non viene affrontato!

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page