Candy Jar (Dolci scelte) Recensione – Originale Netflix

Reading Time: 3 minutes

Passiamo a qualcosa di diverso sulle nostre recensioni dei film originali netflix. Abbiamo visto come Netflix si sia concentrato molto sulla fantascienza in questo anno ma ci sono anche altri generi differenti e che vanno ad indagare altre situazioni attuali e del periodo in cui stiamo vivendo. Con questo film Netflix affronta le dinaiche scolastiche del gruppo di dibattito ma anche come sia difficile entrare all’università non solo per i ricchi e chi fa mille attività extracurricular ma anche per i più poveri.

Candy Jar racconta l’intensa rivalità tra due campioni di dibattito, Lona (Sami Gayle) e Bennett (Jacob Latimore). Sono rivali per tutta la vita che non possono sopportarsi … senza una buona ragione. Le loro mamme, Amy (Christina Hendricks) e Julia (Uzo Aduba), erano rivali del liceo e le donne hanno passato questa rivalità ai loro figli. La rivalità tra Lona e Bennett non sembra mai reale. È come guardare due cuccioli competere per l’attenzione. La mancanza di tensione nella loro relazione rende trasparenti le macchinazioni dei personaggi. Alla fine della loro prima scena, sai già dove saranno alla fine del film.

L’artificioso fondamento della dinamica di Lona-Bennett rischia di trascinare il film verso il basso. Gayle e Latimore hanno abbastanza chimica per portare avanti il ​​film fino a quando la storia non prende il sopravvento nella sua seconda metà. Il film affonda o nuota sulle loro spalle. Gli adulti nel film sono per lo più personaggi di facciata elevati da attori forti, ma solo la consulente di Helen Hunt, la signora Kathy, ha un impatto. Aduba e Hendricks vendono bene le loro scene quando vengono chiamate in causa, ma non gli viene dato molto da fare. E meno ha detto di Mr. Johnson (Paul Tigue), che è l’insegnante strambo richiesto in questa storia. Parla principalmente per citazioni cinematografiche.

Candy Jar è infine ostacolato dalla sceneggiatura, da Chad Klitzman, che manca di intelligenza e di qualcosa che si avvicina alla sorpresa. La storia è prevedibile ad ogni turno e occasionalmente elevata dal cast. Non è male, manca solo una scintilla. Detto questo, ci sono un paio di momenti che risaltano, in particolare nel dibattito culminante. Quando Klitzman e il regista Ben Shelton mirano a un momento emozionante, hanno colpito nel segno il più delle volte. “Candy” risulta essere il modo più appropriato per descrivere Candy Jar . È affidabile dolcemente e vuoto, una scelta eccellente per chiunque cerchi un’opzione leggera.

TRAILER

Consiglio / Sconsiglio

Consiglio per chi vuole vedere un’altra faccia dell’istruzione americana e quanto siano stressati i ragazzi americani per poter entrare nell’università che vogliono, scordandosi ale volte di essere solamente adolescenti e godersi quel periodo di spensieratezza che gli è tutto di diritto. Sopratutto lo consiglio per chi cerca qualcosa di leggero da guardare!

Sconsiglio se non state cercando un film così prevedibile e quasi futile.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page