The Woman in The Wall 1 x 04 “The Cruelty Man” Recensione

Reading Time: 3 minutes

Indice

Recensione puntata precedente The Woman in The Wall

Questo è il nostro punteggio 4/5

Commento personale alla puntata

Performance stellari e molti colpi di scena rendono The Woman in the Wall un dramma assolutamente avvincente.

Nell’episodio 3 di The Woman in the Wall , Lorna ha finalmente confessato di aver ucciso Aoife Cassidy e di aver nascosto il suo corpo dietro il muro del soggiorno. Ma ha davvero compiuto il gesto?

Questo rimane un punto controverso dal momento che il corpo di Aoife non è dove lo ha lasciato, non ci si può fidare del cervello confuso e sonnambulo di Lorna e, come rivela chiaramente l’episodio 4, c’è davvero una cospirazione in gioco qui secondo cui Lorna è più vicino al fondo di quanto si renda conto.

the woman in the wall 1x04 the cruelty man recensione

Ma ecco cosa ci mostra il 4° episodio di The Woman in The Wall

La confessione di Lorna causa tutti i tipi di problemi al Garda e al Colman poiché il primo non può indagare ulteriormente sulle affermazioni di Lorna poiché non ha alcun ricordo dell’evento o idea di dove potrebbe essere stato spostato il corpo, e il secondo era di sua proprietà. interrogandola senza mandato.

Massey, ben intenzionato ma bloccato tra la roccia religiosa e il limite della responsabilità personale, ordina a Colman di tornare a Dublino e di lasciare la questione in pace.

Le affermazioni di Lorna non giovano nemmeno alla sua reputazione pubblica, dal momento che tutti vengono subito a conoscenza delle sue confessioni di omicidio, mettendo in discussione la veridicità di tutte le altre sue stravaganti affermazioni, anche quelle che riguardano i soldi.

Massey, ad esempio, è riluttante a indagare “sulla donna che afferma di essere la figlia di Aoife Cassidy” su indicazione di Lorna, anche se si tratta di una pista solida. Tentando di condurre le proprie indagini sui registri di sepoltura di sua figlia, non riesce a trovare alcuna menzione al cimitero e la sua evidente mancanza di stabilità costringe l’impiegato dell’ufficio della contea a farla rimuovere con la forza dall’edificio.

Come è stato adottato Colman?

Allo stesso modo Colman non è disposto a lasciare mentire i cani che dormono. È anche tormentato da un incubo ricorrente in cui da bambino viene inseguito attraverso tunnel umidi. Quando la sua madre adottiva afferma che ha avuto gli stessi incubi quando lo ha portato a casa per la prima volta da Lazarus House, chiede se padre Percy abbia qualcosa a che fare con quel posto.

La madre di Colman dice che è stato padre Percy a dare loro il numero della Casa del Sacro Pastore, che ha gestito la procedura di adozione. Ciò è avvenuto almeno un decennio dopo che l’organizzazione ha formalmente cessato la sua attività, cosa che Colman chiama Massey per rivelare.  

Ciò significa che la Casa del Sacro Pastore ha trasportato illegalmente bambini per anni, senza alcuna supervisione. E questa è solo la punta dell’iceberg.

the woman in the wall 1x04 the cruelty man recensione
Cosa scopre Lorna?

Dopo essere stata cacciata dagli archivi del paese, Lorna torna per irrompere e rubare un mucchio di dischi. Ancora una volta, non trova informazioni su sua figlia. Con Michael, incrocia questi documenti con la scorta che ha trovato in un episodio precedente e scopre che solo 3 dei 298 bambini hanno documenti di sepoltura.

Con questa evidente cospirazione che inizia davvero a svilupparsi su scala e forma, diventa sempre più ovvio che sia Lorna che Colman vengono messi a tacere.

Nel primo caso, un incontro con la sorella Eileen, che la incolpa della morte di Agnes, porta a chiamare il Garda e Massey, che era solito riportare le donne fuggite, inclusa Clemence, al convento, avvertendola. che non può continuare a lasciare che il suo comportamento scivoli via.

Nel caso di quest’ultimo, fa visita a un prete della Lazarus House che scopre in una foto con padre Percy, che successivamente sporge una denuncia ufficiale contro di lui, portandolo all’esclusione dal caso.

Spiegazione del finale dell’episodio 4 di The Woman in the Wall

Dopo aver visitato Lazarus House di persona ed essere caduto sul pavimento, rendendosi conto che i tunnel dei suoi incubi sono molto reali, Colman affronta la madre adottiva per maggiori dettagli sulla sua adozione.

Dopo aver appreso il nome della sua madre biologica e che è stato prelevato dalla “stanza dei rifiuti”, dove lui e altri bambini indesiderati erano stati tenuti per il peccato di non essere bianchi o per qualche altra qualità “indesiderabile”, visita gli archivi nazionali. per maggiori informazioni.

Trova il suo certificato di morte, che porta a Lorna. Se ha un certificato di morte ed è comunque vivo, anche Agnes potrebbe esserlo.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You cannot copy content of this page