The Trial of Chicago 7 Recensione

Reading Time: 4 minutes

Questo è il nostro punteggio 5

Commento personale al film

Viviamo in un mondo di estremi. Dalle ideologie politiche estreme divise tra la sinistra e la destra alle guerre per console estreme mentre le persone combattono per Playstation e Xbox, queste intense rivalità si sono infiltrate in ogni parte della nostra cultura. Mentre la maggior parte sono partite verbali combattute su Internet, ultimamente abbiamo visto questo riversarsi nelle strade.

Dalle proteste di massa sulle mascherine e sulla Brexit agli scontri più violenti negli Stati Uniti per l’uguaglianza razziale, questi estremi stanno raggiungendo un punto apparentemente di non ritorno. È giusto quindi che The Trial Of The Chicago 7 venga pubblicato proprio nel mezzo di tutta questa tensione ribollente in tutto il mondo.

the trial of chicago 7 recensione

Ma ecco cosa ci racconto The Trial of the Chicago 7

Nella sua forma più semplice, The Trial of the Chicago 7 è un semplice dramma giudiziario che descrive il caso della vita reale che ha attirato l’America negli anni ’60.

La guerra del Vietnam è in pieno svolgimento, le persone stanno iniziando a ribellarsi contro il governo e numerosi assassini a grandi personalità dell’epoca (Martin Luther King, Malcolm X ei Kennedy Brothers per citarne alcuni) fanno poco per sedare il caldo in aumento nelle strade. Nel 1968, quel calore è diventato tossico e qualcosa doveva cedere.

E quel qualcosa è arrivato sotto forma di violenti scontri tra polizia e manifestanti in primo piano in un centro congressi che discutevano della guerra del Vietnam. Questo fu in seguito noto come la battaglia di Michigan Avenue e il sito per 8 uomini di cui fare un esempio contro tutti gli altri manifestanti.

Rennie Davis, David Dellinger, John Froines, Tom Hayden, Abbie Hoffman, Jerry Rubin, Bobby Seale e Lee Weiner sono stati incriminati ai sensi del Civil Rights Act del 1968, approvato di recente, e così inizia la nostra storia.

the trial of chicago 7 recensione

Scritto e diretto da Aaron Sorkin, The Trial of the Chicago 7 intreccia tutti i soliti tratti distintivi di Sorkin in questa sceneggiatura. La fotografia scattante, il montaggio meraviglioso e i frammenti di filmati d’archivio dell’epoca funzionano perfettamente per dipingere esattamente ciò che è accaduto in queste rivolte.

Piuttosto che iniziare il film con queste rivolte, sono invece riecheggiate per tutto il tempo di esecuzione fino all’atto finale culminante in cui viene mostrato un quadro più ampio di ciò che è realmente accaduto. Invece, il film inizia con un semplice montaggio che raffigura il clima politico del tempo.

La maggior parte del film fa molto affidamento sui dialoghi e il cast di talento al timone di questo film è più che all’altezza del compito. Che si tratti del rapporto velenoso di Frank Langella nei panni dello sprezzante giudice Julius Hoffman o dell’incredibile performance di Sacha Baron Cohen nei panni di Abbie Hoffman, ogni singola persona porta il proprio talento in questo film.

the trial of chicago 7 recensione

Se il monologo di A Few Good Men (ironicamente scritto anche da Aaron Sorkin) ti ha fatto venire la pelle d’oca, questo film cattura i barlumi di quella brillantezza e lo sparge in vari momenti diversi del film.

Ascoltare William Kunstler (Mark Rylance) perdere la pazienza in tribunale o Tom Hayden (Eddie Redmayne) alzarsi in piedi per pronunciare le sue battute finali da brivido sono esempi perfetti della sceneggiatura che luccica sullo schermo.

Proprio come 12 Angry Men e When They See Us , in parte il motivo per cui Chicago 7 funziona così come funziona è grazie alla sua rilevanza oggi. Le proteste pacifiche che diventano violente fanno eco a ciò che stiamo vedendo in questo momento, le scene distorte delle aule di tribunale sembrano stranamente simili.

E il mondo intero dovrebbe guardare questo film. Non solo è politicamente stimolante, è un film dannatamente bello di per sé. Dato che la maggior parte di questo si svolge all’interno di un’aula di tribunale, c’è un costante ronzio ed energia che emana in questo che mantiene le cose in ballo sul filo della tensione attraverso il film.

the trial of chicago 7 recensione

Questo per non parlare della colonna sonora, che è magistralmente cantata da Daniel Pemberton (che ha anche composto l’incredibile Into The Spiderverse) per appoggiarsi davvero alla tensione o al dramma della scena.

C’è un magistrale equilibrio tonale tra commedia, dramma, shock, suspense, tensione e azione che rende The Trial of the Chicago 7 una delle migliori performance di regia di Aaron Sorkin fino ad oggi. Questo è semplicemente un film straordinario e vale ogni minuto del tuo tempo.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page