The Devil All the Time Recensione

Reading Time: 3 minutes

Questo è il nostro punteggio 4

Commento personale al film

In tutta la storia tentacolare di The Devil All the Time – che si svolge attraverso generazioni, famiglie e due guerre che le hanno plasmate tutte – gli uomini vanno nei boschi per cercare Dio, e invece trovano l’orrore, di solito di loro creazione. Quell’orrore si estende fino alle piccole città rurali di Knockemstiff, Ohio, e Coal River, West Virginia, di solito all’ombra di una croce o non lontano da una. In questo film, essere una persona timorata di Dio è un esercizio inutile perché questa è una terra senza Dio.

the devil all the time recensione

Ma vediamo cos’è successo in The Devil All the Time

Il film Netflix, basato sull’omonimo romanzo acclamato di Donald Ray Pollock e diretto da Antonio Campos, è un racconto gotico rurale a combustione lenta che inizia con Willard Russell (Bill Skarsgård) che torna a casa dalla Guerra nel Pacifico. Mette su famiglia, e i suoi traumi diventano i loro traumi mentre un uomo violento cerca e non riesce a sopperire alle sue mancanze con la fede. Col tempo, sua moglie Charlotte (Haley Bennett) soccombe alla malattia e muore, e Russell non si riprende mai, morendo suicida e lasciando suo figlio Arvin (Tom Holland) orfano.

La vita di Arvin è plasmata da tragedie al di fuori del suo controllo e della sua conoscenza. Eredita poco da suo padre se non una pistola e la brutalità, gli ha insegnato a punire gli uomini che fanno torto agli altri. A sua insaputa, altre tragedie circondano la sua vita: Roy Laferty (Harry Melling), un ministro che pensa che Dio gli darà il potere di resuscitare i morti, uccide sua moglie Helen (Mia Wasikowska). Nel frattempo, Sandy e Carl Henderson (Jason Clarke e Riley Keough), una coppia di serial killer sposati, iniziano la loro lunga serie di omicidi, uccidendo infine Roy e lasciando sua figlia Lenora (Eliza Scanlen) orfana. Gli anni passano, diventando sempre più cattivi.

the devil all the time recensione

Mentre The Devil All the Time si insedia negli anni dell’adolescenza di Arvin, circa 45 minuti – dove per lo più rimane – una nuova serie di tragedie, a partire dall’arrivo di un predicatore opportunista e squallido (Robert Pattinson) riunisce i fili disparati del film per una raccapricciante ma tranquilla conclusione.

Narrato dall’autore del libro su cui si basa il film, The Devil All the Time assume la trama di un romanzo ma manca di profondità. Il suo cast di talento offre performance che sono avvincenti da guardare anche se sono profondamente spiacevoli, ma il film girato ad arte non riesce a realizzare gran parte delle immagini caricate che riempiono ogni fotogramma. 

La guerra infesta i margini di questa storia e Dio infesta il suo cuore, eppure The Devil All the Time è spesso poco più di un esercizio voyeuristico. I suoi personaggi interagiscono raramente senza il pretesto della violenza e la sua portata resiste a momenti di interiorità di cui il film ha disperatamente bisogno. Alla fine, tutto ciò a cui gli spettatori devono aggrapparsi è la miseria creata con amore.

the devil all the time recensione

Forse quella miseria è il punto. Durante i suoi 138 minuti di durata, diventa più difficile ignorare che The Devil All the Time è incentrato senza batter ciglio su facce bianche, ignorando, come molti pezzi d’epoca, l’esistenza di qualsiasi americano nero nel suo racconto gotico del Midwest. È una carenza curiosa e fastidiosa nel film, ma è anche centrale per il suo orrore e per il motivo per cui viene ammantata di gospel. Non importa quanto duramente preghino o quanto fervente sia la loro fede, gli abitanti di Knockemstiff e Coal River soccombono alla mostruosità, un male che viene spesso esportato in nome della fede e che finalmente sta tornando a casa. Forse le montagne di Knockemstiff mancano di facce di colore perché sono state tutte costrette a uscire e lasciate a raschiare altrove. Forse cosa succede in The Devil All the Time è il rimborso per quello e per la violenza perpetrata su altri all’estero. Forse al film semplicemente non interessa.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page