The Father – Nulla è come sembra Recensione

The Father – Nulla è come sembra Recensione
Reading Time: 6 minutes
TRAMA THE FATHER – NULLA E’ COME SEMBRA

The Father – Nulla è come sembra, film diretto da Florian Zeller, racconta la storia di Anthony (Anthony Hopkins), un uomo di 80 anni, che nonostante l’età avanzata, non vuole aiuto e assistenza da sua figlia Anne (Olivia Colman). L’anziano, però, ha davvero bisogno di cure, soprattutto perché la sua mente inizia a vacillare a causa della demenza senile.

Giorno dopo giorno Anthony perde la percezione della realtà, che sotto i suoi occhi inizia a mutare in qualcosa di estraneo. Fatica a riconoscere anche la stessa Anne, che gli appare diversa e sconosciuta e inizia a dubitare della sua mente, dei suoi cari e di tutto ciò che ha intorno. Addolorata, Anne vede suo padre rinchiudersi sempre più in se stesso e il non essere riconosciuta da lui le appare come un lutto: ha perso il genitore, nonostante questi sia ancora vivo…

the father nulla è come sembra recensione

Questo è il nostro punteggio 5/5

Commento personale al film

Anthony Hopkins interpreta Anthony e Olivia Colman interpreta Anne. Nel corso di “The Father”, tenta di convincere suo padre a trasferirsi dal suo appartamento in una casa di cura dove può essere curato meglio e lui cerca di resistere a questi suggerimenti poiché la sua casa è il suo castello. Crede di essere capace di prendersi cura di se stesso. E questa è la trama. 

Ciò che accade attorno a questo schema, certamente abbozzato, è ciò che rende “The Father” un pezzo drammatico straordinariamente avvincente. Non lo descriverei come intrattenimento, anche se lo è, ma è divertente per un difetto. Meravigliosamente, infatti. 

Costruito per confondere, immagina una mente che immagina senza confini, un affascinante personaggio centrale affetto da demenza. I dilemmi morali vengono posti ma non vengono risolti. A che punto uno deve prendere il controllo della vita di un altro, rubando la sua autodeterminazione contro la sua volontà per mantenere la sua dignità? 

Dopotutto, senza la consapevolezza dello spazio e del tempo per fondare la propria immaginazione, come si può distinguere tra realtà e finzione, realtà e fantasia, un sogno e un incubo? La più fragile è la mente: ‘Il Padre’ te lo ricorderà.

Ma ecco cosa ci mostra The Father

Nominato per sei Oscar e sei BAFTA, tra cui rispettivamente Miglior Film e Miglior Film, Hopkins ha portato a casa il suo secondo (dal primo) e il quarto (dal secondo) trofeo del miglior attore mentre Zeller e Hampton hanno trionfato nella categoria Miglior sceneggiatura non originale in entrambi cerimonie di premiazione, e meritatamente. 

Mentre Hopkins sarà senza dubbio definito (forse per sempre) per la sua prima interpretazione vincitrice di un Oscar in “Il silenzio degli innocenti” 30 anni fa, con la sua agghiacciante incapsulamento clinico dello psicopatico Dr. Hannibal Lecter che eleva il personaggio allo status di icona culturale nonostante solo 16 minuti di tempo sullo schermo, la sua interpretazione mesmerica del padre nel film omonimo è il punto in cui si concludono i confronti. Entrambi erano degni di Oscar per meritare un lavoro di pari statura, ma per ragioni opposte.

In “The Father”, Hopkins domina quasi ogni scena per 90 minuti, oscillando tra monologhi escorianti che denunciano coloro che crede essere suoi subordinati intellettuali (comandanti nella destrezza della loro liberazione) e esaurimento emotivo dopo una completa perdita di controllo, dignità e identità affidandosi alle rassicurazioni consolanti degli estranei (strazianti nella loro tragedia e mozzafiato nella loro crudezza). 

Mentre la scenografia simile a un labirinto, un miraggio convincente, si degrada gradualmente da un ricco appartamento di città a un’ala povera di una casa di cura, l’Anthony di Hopkins si ritira da una posizione di re sul suo dominio a prigioniero al suo interno. Diventa sempre più confuso, isolato e spaventato, un’esistenza dolorosa condivisa da coloro che lo circondano anche se attraverso un dolore di vetro che impedisce a entrambe le parti di connettersi. 

the father nulla è come sembra recensione

Perché, ovviamente, questo è ciò che fa la demenza. Tutte le parti soffrono a causa dell’impotenza; non c’è cura per il malato mentre coloro che li circondano devono prendersi cura senza l’aiuto di cui hanno bisogno, portando purtroppo a esasperazione, rabbia e risentimento. Nei panni di Anne, Colman mostra questo dolore, per la perdita di una persona prima della sua morte, con una sottigliezza dolorosa e un equilibrio stimolante che risuonerà oltre ogni descrizione. 

Per questi motivi, The Father e l’uomo che lo interpreta sono ammirevolmente coraggiosi nel navigare vicino al vento, andando avanti con materiale essenziale dove altri hanno temuto di calpestare. Hopkins condivide lo stesso nome e data di nascita del suo personaggio, il che porta inevitabilmente a immaginare che potrebbero anche condividere lo stesso futuro, per quanto inimmaginabile possa essere l’idea di una delle più grandi menti distrutte da questa malattia. 

Hopkins sta interpretando una versione futura di se stesso? Improbabile, ma il punto è che si è costretti a confrontarsi con il fatto che questo potrebbe accadere a chiunque. Anche, forse, il migliore. 

Più cinicamente, la demenza fa miracoli per lo sviluppo del personaggio fornendo agli scrittori i loro veicoli per colpi di scena dal punto di vista di un narratore inaffidabile e attori con le personalità complicate necessarie che attirano l’attenzione significativa della stagione dei premi. Infatti, Meryl Streep, Julianne Moore e Glenda Jackson hanno tutte ricevuto un BAFTA per i loro brillanti ruoli come malati di demenza rispettivamente in “The Iron Lady”, “Still Alice” ed “Elizabeth Is Missing”. 

Meno cinicamente, tuttavia, è giusto che vengano realizzati e discussi più film che trattano della malattia poiché sempre più popolazione soccomberà alle sue grinfie e non avrà accesso all’aiuto di cui ha bisogno. In questo caso, The Father si distingue anche dal resto nella sua rappresentazione lacerante del deterioramento della salute mentale dal punto di vista di un uomo – si sforza di sottolineare che non ha bisogno di aiuto e può cavarsela perfettamente da solo. Risuonante, tanto?

the father nulla è come sembra recensione

Naturalmente, gli attori sono bravi quanto i loro sceneggiatori e registi ed è qui che l’altro aspetto da Oscar di questa storia lascia il segno. A parte alcune inquadrature all’inizio, al centro e alla fine del film, ‘The Father’ si svolge interamente all’interno dei confini del ricco appartamento di città, invocando abilmente la claustrofobia di un ritiro per poi intrappolarsi nella propria mente. 

Zeller adatta la sua commedia del 2012 “Le Père”, vincitrice del Premio Molière per la migliore opera teatrale (l’equivalente francese dei Tony e Olivier Awards), con Hampton per il film che crea un capolavoro di sceneggiatura, audace nella trama ed estatico nei dialoghi e dirige il film con uno stretto controllo che non toglie nulla all’azione. 

La ripetizione dell’inizio e della fine delle scene con lo stesso testo e le stesse posizioni della telecamera e il dialogo con più personaggi sono dispositivi intelligenti che catturano lo stato di disorientamento che può solo immaginare un malato di demenza. 

Presentato per la prima volta sul palcoscenico francese quasi un decennio fa, i suoi temi di negazione, rabbia e paura dell’ansia, dell’invecchiamento e della disperazione sono senza tempo, ma il suo targeting specifico di queste immagini attraverso il prisma della perdita di memoria rende questa storia un capolavoro premonitore per questi tempi come i sintomi della demenza saranno stati esacerbati per molti dal danno incalcolabile causato dall’isolamento, dalla solitudine e dall’abbandono dei blocchi nazionali imposti per combattere la pandemia di coronavirus in corso. 

La più fragile è la mente: senza stimoli vagherà, riempirà gli spazi vuoti e invertirà la realtà, creando un nuovo e spaventoso universo parallelo dal mondo reale per sé come luogo di rifugio e cura di sé, forse, da una realtà forse troppo dura da sopportare ma che ora è indistinguibile dal vecchio mondo dove, purtroppo, la cura altri vogliono fornire ancora risiede. Qual è allora la maggiore crudeltà? Per chi?

the father nulla è come sembra recensione

Come per la sua interpretazione di supporto nel ruolo di Papa Benedetto XVI nel film del 2019 “I due papi”, che ha portato anche a nomination agli Oscar e ai BAFTA, il dinamismo di Hopkins con una sceneggiatura così feroce è straordinario. Nominata per un Oscar e un BAFTA per il suo ruolo di supporto qui, Colman trasmette la preoccupazione dello spettatore che sta combattendo consapevolmente una battaglia persa, i suoi occhi le zampillano sia per l’umiliazione che per la gentilezza che brillavano nella sua direzione dal padre malato mentre la loro relazione già tesa diventa sempre più teso. 

Poiché è lei a sfidare la sua autorità, per quanto passivamente, lui la sceglie per sublimare la sua vendetta come forma di autoprotezione. Alla fine, entrambi sono lasciati a se stessi, rendendo ciascuno allo stesso tempo una presenza rassicurante e minacciosa per l’altro. Un’altra tragedia.

Il notevole supporto di Rufus Sewell, Olivia Williams e Mark Gatiss nei panni di marito frustrato, assistente compassionevole e invasore domestico (dove hanno il maggiore impatto sulla storia), rispettivamente, è la chiave per una maggiore simpatia per Anthony di Hopkins; un focolare un tempo fiammeggiante ridotto a brace ardente anche se non dalle sue stesse mani. 

Una tragedia domestica di proporzioni shakespeariane, “The Father” è operistica, devastante e inquietante. E, si spera, un talismano per una maggiore consapevolezza. Come studio artistico sulla demenza, è il migliore che abbia mai visto. Finora.

Voi cosa ne pensate?

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page