The Power of the Dog Recensione

The Power of the Dog Recensione
Reading Time: 4 minutes
TRAMA THE POWER OF THE DOG

Il potere del cane, il film diretto da Jane Campion, ambientato negli anni ’20, precisamente nel 1925, vede al centro della storia la coppia dei ricchi fratelli Burbank, Phil (Benedict Cumberbatch) e George (Jesse Plemons), proprietari di un enorme ranch in Montana che domina la vallata.

I due sono molto diversi tra loro: Phil è un uomo brillante ma crudele, con un atteggiamento prepotente e violento, mentre George è una persona testarda e puntigliosa, ma sempre gentile. Quando George sposa in segreto la vedova Rose (Kirsten Dunst), Phil non accetta la cosa e inizia una guerra spietata contro la donna usando suo figlio Peter (Kodi Smit-McPhee) come pedina.

the power of the dog recensione

Questo è il nostro punteggio 4.5/5

Commento personale al film

The Power Of The Dog è un film lento, tranquillo e stimolante. Certamente non è per tutti, e devi assolutamente affrontarlo senza distrazioni. Assicurati che il tuo telefono sia nell’altra stanza, spegni tutte le luci e preparati per un film sorprendentemente snervante e maturo. Non c’è nessuna presa per mano qui; i temi sono tutti sparsi come pezzi di un puzzle nell’arco di 2 ore. E sta a te metterli insieme in un modo che abbia senso. Il bello di questo film, però, è che c’è più di una soluzione.

Ma ecco cosa ci mostra The Power of the Dog

Il film si apre sul retro di un grande funerale. In realtà non lo vediamo accadere, ma la morte di Bronco Henry pesa molto sui nostri personaggi. Come una solitaria nuvola nera attraverso lo splendido skyline della Nuova Zelanda, le emozioni sono viola, contuse e pronte a scoppiare in qualsiasi momento.

Al centro di questo ribollente vaso di emozioni c’è il carismatico allevatore Phil Burbank. È arrabbiato e avvolto più stretto di una vite. Invoca paura e meraviglia in tutti coloro che lo circondano. Quando suo fratello George porta a casa una nuova moglie in Rose e il suo figlio “mezzo spirito” Peter, Phil si scaglia contro i cambiamenti nella sua vita.

Ciò che è particolarmente intelligente qui, tuttavia, è il modo in cui The Power Of The Dog non espone tutto con grandi discariche e dialoghi. La sceneggiatura ha anche un modo molto intelligente di spostare i tuoi sentimenti verso ciascuno dei personaggi durante il runtime.

Prendi Phil (portato in vita nella perfezione assoluta da Benedict Cumberbatch). Inizi odiando l’uomo, scuotendo la testa alle sue battute meschine verso Peter e chiamando suo fratello fatso. Eppure, mentre il film va avanti, la sua rabbia repressa si manifesta in dolore, quando finalmente comprendiamo i suoi legami con Bronco Henry. Non ci è stato detto, però, ma attraverso alcuni spunti visivi intelligenti (come un panno con le iniziali BH) arriviamo a entrare in empatia con l’allevatore emotivamente lacerato.

Allo stesso modo, il personaggio di Peter inizia come questo ragazzo timido e timido che presto cresce per diventare qualcosa di molto più sorprendente. L’unico personaggio qui che rimane piuttosto sgradevole per la maggior parte del tempo è Rose, anche se Kirsten Dunst dà vita a questo personaggio magnificamente.

Come ho detto prima, The Power Of The Dog non sarà per tutti. Molte persone usciranno da questo lamentarsi di quanto sia noioso e lento questo film. Ed è sicuramente un’ustione lenta.

the power of the dog recensione

The Power of the Dog lo sa, anche lanciando una bella metafora a metà strada. Phil è costantemente affascinato da qualcosa all’orizzonte, sulle colline. “È un animale?” chiede uno dei bovari. Non lo è, a quanto pare, e solo Peter può vedere ciò che vede Phil – qualcosa di più profondo nell’ombra che è significativamente più significativo delle semplici colline ondulate.

E quella metafora alla fine si estende al film nel suo insieme. Alcune persone verranno via e vedranno questo come un laborioso test di pazienza, che non va assolutamente da nessuna parte. Altri lo vedranno come una prova di carattere; un dramma umano sul non giudicare un libro dalla copertina. Altri ancora lo vedranno come l’ultimo thriller di vendetta. Ad ogni modo, The Power of the Dog risuonerà fortemente con alcuni e per quelli (me compresa), questo è un dramma western stranamente allettante che è facilmente uno dei migliori film di quest’anno.

the power of the dog recensione

Voi cosa ne pensate?

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page