Dune Recensione

Dune Recensione
Reading Time: 6 minutes
TRAMA DUNE

Dune, film diretto da Denis Villeneuve, è ambientato in un lontano futuro, controllato da un impero interstellare, nel quale vige una sorta di feudalesimo e ogni feudo è governato da una casa nobiliare. Racconta la storia del giovane Paul (Thimothée Chalamet), rampollo della casata degli Atreides, che si trasferisce sull’inospitale pianeta Arrakis, noto come Dune, insieme al padre, il Duca Leto (Oscar Isaac), alla madre Lady Jessica (Rebecca Ferguson) e alcuni consiglieri.

Leto ha preso in gestione il pianeta nella speranza di scovare un posto sicuro, adatto alla sua famiglia e alla sua comunità. Dune, però, è sotto il mirino di tutte le forze dell’universo, decise a ottenerne il suo dominio per una rarità che cresce solo sul suo suolo. Si tratta di una preziosa risorsa, esistente solo qui, che permette a chi la possiede di sbloccare il più grande potenziale umano; infatti, chi assume questa spezia può viaggiare nello spazio, ottenere capacità sovrumane e può vivere più a lungo.

L’estrazione di questa materia prima, però, non è ostacolata soltanto dai vari nemici di Leto, che cercheranno di tendergli più di una trappola, ma anche da enormi vermi della sabbia e dai Fremen, popolo nativo di Dune, che abita i deserti più profondi del pianeta.

Inoltre, il controllo esclusivo di questa materia prima scatenerà una vera e propria guerra, ma solo chi riuscirà a superare le proprie paure e a sopravvivere su Dune potrà ottenete la sostanza più ambita dell’universo. Il giovane Paul, ignaro del suo destino, si ritroverà al centro di questo scontro, nel corso del quale compirà grandi gesta.

dune recensione

Questo è il nostro punteggio 4/5

Commento personale al film

Bello da vedere Dune di Denis Villeneuve, fedele adattamento del romanzo di Frank Herbert. O della sua prima metà, cioè. E qui sta il problema che il film deve affrontare, perché nel tagliare questa storia in due parti, Villeneuve ha anticipato Dune con molte impostazioni e nessun modo ovvio per porre fine alle cose… e quindi indugia, e alla fine si ferma oltre il suo benvenuto . Questo è un film tecnicamente brillante e visivamente sorprendente con un cast di prim’ordine e profondi concetti di fantascienza. Un peccato, quindi, che si senta come un freno nella sua metà posteriore.

Ma ecco cosa ci mostra Dune

Quando Denis Villeneuve ha firmato per dirigere una versione del 21° secolo del classico romanzo di fantascienza di Frank Herbert Dune , era senza dubbio a conoscenza della lunga e spesso tormentata storia del libro a Hollywood. Un tempo ritenuto non filmabile – chiedi a Jodorowsky – è stato finalmente adattato da David Lynch in un film notoriamente fuori luogo nel 1984, e poi anche una versione della miniserie di Sci-Fi Channel ha avuto successo nel 2000. Ma quelle riprese non sono riuscite a farlo. tradurre le qualità più epiche e spirituali dell’opera di Herbert. 

Potrebbe Villeneuve, che aveva realizzato l’apparentemente impossibile con il suo fantastico sequel di Blade Runner, finalmente rendere giustizia al racconto di Paul Atreides? Sfortunatamente, la risposta è… non del tutto. Nonostante tutte le sue fantastiche immagini e le stelle di serie A e le interpretazioni molto interessanti degli aspetti più nerd del libro di Herbert, questa versione di Dune non si fonde completamente.

Il regista, i suoi co-sceneggiatori Jon Spaihts ed Eric Roth, e il produttore Legendary Pictures hanno preso la decisione apparentemente sana di dividere il romanzo tentacolare in due film separati, quindi in effetti il ​​titolo sullo schermo di questa puntata è in realtà Dune, Part One. Il risultato di questa divisione non è solo una licenza per far respirare di più molti dei momenti più piccoli del libro o dei personaggi secondari, ma anche per essere forse troppo devoti al lavoro di Herbert. Eresia, urla il fan di Frank Herbert! 

Ma sappiamo tutti che ciò che funziona in un romanzo potrebbe non funzionare sotto forma di film, e viceversa, e il più grande passo falso di Villeneuve con Dune, Part One è quanto si senta deforme e faticoso nella sua seconda metà, come se il film non fosse del tutto sapere come o dove finire… prima che accada all’improvviso.

Timothée Chalamet interpreta Paul Atreides, rampollo della potente Casa Atreides in un futuro lontano in cui una sostanza conosciuta come la Spezia è il bene più prezioso dell’universo conosciuto. Il padre di Paul, il duca Leto Atreides (il Premio Oscar Isaac pesantemente responsabile), viene inviato dall’imperatore sul pianeta deserto Arrakis per assumere la produzione della Spezia. 

E così l’intera famiglia fa le valigie e cambia casa, inclusi i consiglieri militari del Duca (e tutori di Paul) Duncan Idaho (Jason Momoa), Gurney Halleck (Josh Brolin) e quello che sembra essere ogni soldato e domestico che lavora per gli Atreides . Cosa li aspetta sul pianeta noto anche come Dune? Un futuro incerto, certo, ma il Duca ha un piano: sfruttare il “potere del deserto”.

dune recensione

Nel frattempo, il Paul di Chalamet – per quanto sognante, incompreso e torturato si possa desiderare che il rubacuori sia qui, e lo intendo come un complimento – sta facendo sogni profetici di una ragazza misteriosa, uno dei nativi di Arrakis noto come Fremen. Questo è il personaggio di Zendaya, Chani, che alcuni spettatori potrebbero essere angosciati nell’apprendere che è a malapena in questo film oltre i suddetti sogni. Ancora una volta, nel titolo c’è scritto la prima parte, quindi sii paziente.

Il film si apre con la voce fuori campo di Zendaya che spiega quanto sia bello il suo pianeta natale e riassume in modo succinto la violenta storia di Arrakis, colta com’è nel mezzo di grandi preoccupazioni galattiche a causa della sua naturale abbondanza di Spezie. Questa sequenza è un trionfo sull’esposizione che minaccia continuamente di far crollare qualsiasi adattamento di Dune, ma sfortunatamente i realizzatori non sempre riescono su questo stesso fronte andando avanti. 

Forse il tutorial che verrà dopo sulle tute fisse – l’abbigliamento salvavita dei Fremen che conserva l’acqua – sarà affascinante per chi non lo sapesse, ma coloro che hanno familiarità con il materiale originale potrebbero scoprire che questi momenti rovinano le opere di Dune, come la sabbia di Arrakis che devasta il macchinario delle spezie.

dune recensione

Eppure, Villeneuve impressiona spesso con la sua capacità di prendere concetti di fantascienza veri e provati e dargli una nuova svolta. Prendi le Bene Gesserit, una specie di streghe spaziali con poteri mentali extraumani, se vuoi. La madre di Paul, la Lady Jessica di Rebecca Ferguson, è un membro di questo ordine, e all’inizio la vediamo istruire Paul nella strana capacità di costringere mentalmente gli altri attraverso una modulazione della propria voce. 

Qui Villeneuve si affida al sound design per evidenziare la manipolazione bizzarra e compensativa delle parole di Chalamet, ma riprende anche il momento come una serie di immagini lampeggianti in cui il tempo sembra essere spostato. È scoraggiante ed efficace, mettendoci nella stessa mentalità della persona su cui viene utilizzato l’attacco vocale.

La sceneggiatura beneficia anche dell’iniezione occasionale di umorismo negli eventi che danno forma all’universo del film e il casting di attori carismatici come Momoa e Brolin aiuta a riportare a casa quegli elementi umanizzanti. I personaggi di entrambi gli attori servono essenzialmente come figure di fratello maggiore/zio per Paul, insegnandogli a combattere e aiutandolo a capire che lui è l’erede apparente di questa grande famiglia. 

La Jessica di Ferguson, nel frattempo, sa che forse qualcosa di ancora più inebriante attende suo figlio su Arrakis. In effetti, questo alla fine porta a un doloroso momento di accusa che Paul rivolge a sua madre, e lo sguardo sul viso di Ferguson ci dice … potrebbe non aver torto?

dune recensione

In effetti, il cast è solido su tutta la linea e pieno di volti familiari, da Javier Bardem come leader dei Fremen a Charlotte Rampling come la spaventosa Reverenda Madre Bene Gesserit a David Dastmalchian, Stephen McKinley Henderson e altri. E poi ci sono i cattivi. 

Stellan Skarsgård è effettivamente grottesco e sinistro nei panni del barone Vladimir Harkonnen, il flagello della Casa Atreides, mentre suo nipote, la “Bestia” di Dave Bautista Rabban, è abbastanza crudele che qualsiasi ricordo di Drax sarà scomparso da tempo mentre guarda questo film.

E Dune è sicuramente in grado di trasportarci nei suoi paesaggi alieni attraverso i suoi numerosi risultati tecnici nella scenografia, nei costumi, nella fotografia, nel suono, negli effetti visivi e altro ancora. Dai panorami mozzafiato e dagli strani spazi e velivoli, agli enormi e spaventosi vermi della sabbia che divoreranno una nave con la stessa facilità con cui divoreranno una nave di cattivi (e talvolta bravi ragazzi), e fino al luccicante bagliore del La spezia stessa mentre luccica sulla superficie di Arrakis, non vengono risparmiati dettagli nell’immergerci in questo mondo fantastico.

Vale a dire, c’è così tanto da amare in Dune, ma non mi sono innamorato del film in sé. Villeneuve ha dimostrato di essere un maestro del tipo di fantascienza intelligente ed elegante che un moderno adattamento di Dune richiede, e il film è un trionfo quando si tratta di immagini e suoni. 

Ma c’è un’informe nell’ultima parte del film che lo trascina verso il basso e lo distrae dalla sua bellezza; è una storia che finisce all’Atto 2, e si vede. Proprio come lo stesso Duke Leto avrebbe scoperto, sfruttare il potere di Dune non è un compito facile.

Voi cosa ne pensate?

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page