Sense8 2 x 12 “Amor Vincit Omnia” Recensione – Originale Netflix Series Finale

Reading Time: 6 minutes

E’ arrivato il momento per scrivere la recensione più difficile che io debba scrivere e che abbia dovuto scrivere fino ad adesso. Premetto una cosa io all’inizio quando uscì la prima stagione di Sense8 non lo avevo considerato, si sono quella che arriva dopo, ma il dopo a volte è meglio. Mi sono innamorata fin dalla prima puntata di questa serie e quando ho appreso che fosse stata cancellata non potevo crederci. Sense8 è una serie diversa da tutte le altre e che doveva durare per un altro po’ ma ciò non è stato possibile.

Ora bando alle ciance e vediamo cos’è successo in queste due ore e mezza di #seriesfinale

“Il dolore ci lega meglio di ogni altra cosa”, dice Jonas a Will all’inizio del finale di Sense8, della durata di due ore e mezza. Per quanto sia vero per alcuni aspetti, sembra che una delle ultime figure rimaste di un cluster sensato fallito non faccia che raggiungere a metà la verità che Sense8 sta spingendo. Mentre i segreti vengono fuori nel finale, apprendiamo le ragioni più profonde dei vari tradimenti all’interno del gruppo di Jonas, che illustra ulteriormente la differenza tra loro e il gruppo di Will di individui connessi.

La loro relazione a otto vie è stata costruita sull’empatia e sull’amore sin dall’inizio, e quindi quegli ideali sono diventati la prerogativa che lo spettacolo ha sempre proposto. Sia che si tratti di Nomi che lotta per l’accettazione della sua famiglia, Kala che lotta con le aspettative della sua cultura, o di qualunque altra colpa dei singoli individui, il loro dolore condiviso li ha sempre portati a un’accettazione più ampia e onnicomprensiva dell’amore dell’altro. Uno dei tanti messaggi di questo spettacolo è che è l’amore a rendere durevole il dolore. Dopotutto, è stato l’amore dei fan di questo show che ha resuscitato Sense8 dalla morte, quindi ha potuto concludere.

E alla fine lo fa certamente. Appropriatamente intitolato “Amor Vincit Omnia”, il film finale diretto da Lana Wachowski è un caloroso saluto ai fan che riempiono tutto con Sense8: azione, fantascienza, umorismo, sentimentalismo e oh sì, un’orgia – nel tempo appena sufficiente per soddisfare.

La prima ora è in gran parte dedicata alla risoluzione del cliffhanger principale della seconda stagione, la cattura di Wolfgang. Qui, “Amor Vincit Omnia” prende una pagina da Return of the Jedi (o The Matrix Revolutions, se vuoi mantenerlo nel canone dei Wachowski) dedicando il suo intero primo atto a un piano elaborato da il resto degli eroi per salvare il loro unico anello mancante, così come tutti i molti modi in cui il piano va storto. Sono fortunati, tuttavia, ad avere un enorme chip di contrattazione: Whispers. Con il loro nemico principale catturato, i sense8, molti dei quali ora sono fisicamente insieme a Parigi, sono in grado di organizzare uno scambio di prigionieri tra loro e Lila, che ora sappiamo essere governati dal misterioso presidente mascherato che gestisce questa intera organizzazione malvagia.

Perché ciò funzioni, Wolfgang deve voler essere salvato. Alcuni degli otto principali hanno archi di personaggi durante il finale, ma questo iniziale per l’assassino tedesco è sia il più necessario e, per fortuna, dato più tempo. La scena di apertura del finale ci mostra dei flashback alla sua infanzia, dove l’ombra di un padre violento appare in lontananza. Quando Wolfgang telepaticamente dice a Kala che non vale la pena di essere salvato, rispecchia le parole che sua madre gli ha detto in un momento terribile. Nonostante la sua violenta occupazione, ha cercato di salvare la gente per tutta la vita, a cominciare da sua madre, un salvataggio terminato molto violentemente, con suo padre avvolto dalle fiamme.

Kala, dopo un paio di tentativi, vuole che Wolfgang trovi di nuovo il suo lato combattivo dentro di sé, continuando la prima battaglia da molto tempo che non è solo per se stesso, ma per la famiglia che gli è stata donata tramite questi doni. Lana Wachowski spara il mix di armi e combattimenti corpo a corpo del suo tentativo di fuga con un vigore sfrenato, creando una delle migliori scene d’azione del film finale. Ma finisce comunque nelle grinfie di Lila perché lo scambio di prigionieri avvenga.

Naturalmente, a 90 minuti dalla fine, lo scambio di prigionieri, ambientato in una discoteca per il “fattore cool” più che per qualsiasi motivo logico, va pazzamente storto. Wolfgang si ricongiunge con il suo gruppo, ma Lila riesce a farcela con Whispers prima che possano riprenderlo.

Le conseguenze sono dove “Amor Vincit Omnia” inizia davvero a sembrare un finale. Con i problemi legali e familiari di Sun finalmente risolti, è pronta a riprendere la sua storia d’amore con Suuku. Nel frattempo, Kala deve ora arrivare a una sorta di decisione sui due uomini che ama (la risposta: poliamore!).

Mentre è indubbiamente divertente avere così tanti personaggi di supporto della serie che si incontrano da ogni parte del mondo, comunque convenientemente la sceneggiatura li permette, è un po’ frustrante che così tanto tempo nell’episodio finale sia passato con Sukku e Rajan, per esempio, a spese di giocatori importanti come Lito e Riley. Il ruolo troncato dell’ex è particolarmente deludente, poiché è sempre stato un punto culminante in tutta la serie e uno dei personaggi più rumorosi e orgogliosi che hanno esposto i temi dell’accettazione e dell’uguaglianza dello show.

Dopo essersi verificato con i singoli dilemmi di alcuni personaggi, il finale torna alla trama poiché lo show sembra rendersi conto all’improvviso di dover ricomporre le cose. Un’apparizione vaga e un po’ confusa di una figura da oracolo che sostiene di essere una madre per tutti i sense8, ma soprattutto Whispers, poiché è uno degli ultimi membri del suo gruppo, è in grado di dare al nostro ensemble la sua posizione per uno scontro finale.

Il piano prevede un po’ sciocco (anche se accattivante) dove il gruppo, i loro amici e la famiglia fingono tutti di essere turisti in un tour in autobus per entrare nella struttura dove Lila sta tenendo Whispers. Ma il climax che segue è qualcosa di deludente. In primo luogo, Lila spara a Kala, che sembra ucciderla prima di essere salvata da Wolfgang e Rajan e il raid può continuare. Poi, i malvagi si riuniscono tutti per un momento prima che Jonas uccida senza tante cerimonie il presidente appena rivelato (che Angelica ha quasi fatto saltare in aria prima della sua morte), lasciando Lila a cercare di scappare con Whispers in elicottero. La risoluzione, infuriante, è che Wolfgang tiri fuori dal baule un lanciarazzi e faccia saltare in aria l’elicottero. È chiaro che gli sceneggiatori non avevano davvero idea di cosa fare con questa scena, dal momento che il gruppo si guardava l’un l’altro come “Immagino sia così, allora”.

Ma la più grande forza degli scrittori di Sense8 non è mai stata la trama fantascientifica, ma le piccole e grandi interazioni tra il cluster. E così, gli ultimi 30 minuti della serie riescono ancora ad essere un successo. La raccolta finale di scene inizia con il matrimonio di Nomi e Neets all’interno della Torre Eiffel. Doveva. Con tutto l’amore che lo show ha proposto sin dall’inizio, e con i Wachowski che sono venuti fuori come trans nel corso degli anni, rendendo la serie probabilmente il loro lavoro più personale fino ad oggi, Sense8 ha dovuto concludersi con una celebrazione imperdonabile dell’amore che serve come un promemoria di tutto il terreno che questa serie ha rotto.

Ci sono tocchi deliziosi in tutto il ricevimento, dalla madre di Nomi che finalmente trova l’amore per sua figlia, attraverso alcuni potenti brownies, al breve contatto visivo di Angelica con Will, che richiama il modo in cui è iniziata la serie. Ma su Sense8, la celebrazione dell’amore deve finire in camera da letto. E così la serie si conclude con un’ultima classica scena di un’orgia, anche se molto più emotiva delle precedenti due.

Questo spettacolo è responsabile di alcune delle più belle scene di sesso della TV, ma c’è anche poesia per quest’ultima – una dolcezza che comunica amore e passione, che termina con un mare di corpi di tutti i colori e credenze in cui non si può davvero dire chi è chi. Con un colpo finale che atterra e poi svanisce su un cinturino arcobaleno, che funge da promemoria che induce il potere dell’amore, Sense8 arriva a finire la sua corsa, forse non esattamente come previsto, ma senza perdere un’oncia di per sé. Che regalo è per i fan che si sono visti, forse anche per la prima volta, in questi personaggi. Per questo, Sense8 ha guadagnato un’eredità lunga e amorevole che, si spera, continuerà a mostrare al pubblico sotto rappresentato che ci sono storie per loro.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page