Mrs. America 1 x 01 “Phyllis” Recensione

Reading Time: 5 minutes

Questo è il nostro punteggio 3.5

Commento personale alla puntata

Con questo episodio Mrs. America è riconoscibile come retorica nelle guerre della cultura contemporanea che può essere un po’ stonante quanto piccole cose sembrano essere cambiate. L’idea di controllare i propri privilegi non è mai stata così appropriata come qui, dal momento che Phyllis parla costantemente per altre donne, rifiuta di considerare prospettive opposte e accusa i suoi avversari di elitarismo senza identificarne i propri. Ciò che è cruciale nello show, e forse il suo elemento più forte, è come consente a Phyllis di avere ragione su alcune cose e di sbagliare su altre, e incoraggia il pubblico a rendersi conto che è tutto nella sua prospettiva ristretta e non uno sforzo deliberato per propagare un punto di vista in cui capisce di essere errata o dannosa. Ignora i suoi preconcetti, i suoi vantaggi e il quadro sociale che tiene sotto controllo le donne, compresa lei. Mrs. America incoraggia il suo pubblico a fare ciò che Phyllis Schlafly non fa, e considera entrambe le parti.

Mrs. America , la nuova serie FX su Hulu del creatore e showrunner Dahvi Waller, le protagoniste sono star di talento che interpretano icone femministe, ma la sua figura centrale, omonima di questo episodio della premiere, è l’attivista conservatrice Phyllis Schlafly. Phyllis si è opposta, tra l’altro, all’aborto, al femminismo e all’emendamento sulla parità dei diritti alla Costituzione degli Stati Uniti – in altre parole, è il tipo di figura per la quale hai bisogno di un’attrice rispettata e versatile come Cate Blanchett.

Iniziamo la nostra storia da una raccolta fondi del 1971 per il deputato Phil Crane (James Marsden, sempre con un sorriso vincente). Ci presentiamo a Phyllis in costume da bagno, sul palco che sostiene il deputato in carica. Mentre i partecipanti potrebbero aver cancellato Phyllis a causa delle scorse elezioni perse per entrare al Congresso, lei vede questo come un modo per farsi strada nel settore politico. Grazie al suo supporto, Phyllis ottiene un posto con Phil su “Conservative Viewpoint”, uno spettacolo di dibattito che sembra un precursore di Fox News. Phil pensa che avrà un dibattito amichevole e facile. Tuttavia, Phyllis si dedica ai colloqui sulla limitazione delle armi strategiche, dimostrandosi più che un degno collega politico.

Questo episodio colpisce una parte interessante nel personaggio di Phyllis Schafley. Stiamo per guardare una miniserie in cui una donna repubblicana abbatte l’emendamento sulla parità dei diritti e annulla l’agenda femminista. Tuttavia, l’emendamento sulla parità dei diritti non è mai stato al centro delle sue priorità politiche. Al salone di bellezza pochi giorni dopo la sua apparizione in “Conservative Viewpoint”, la sua amica Alice Macray (Sarah Paulson) si chiede perché non abbia parlato dell’emendamento. “Non so di cosa si tratta. Ci sono molte altre questioni urgenti, come la sicurezza nazionale”, risponde Phyllis.

Un’incredibile Alice si lancia in una tirata di come l’emendamento sulla parità di diritti riporterà le donne ad essere sole. Secondo lei, le loro figlie verranno inviate in Vietnam e verranno lasciate dai mariti e non riceveranno alimenti. “Il resto di loro capisco, ma Gloria Steinem, è così carina. Come mai non ha trovato marito“, chiede un’altra donna al salone. Non è che Phyllis Schafley non abbia queste convinzioni. Lei le ha. Tuttavia, capisce che questo è un problema su cui le casalinghe di tutta l’America hanno espresso opinioni contrapposte.

Durante un viaggio a Washington per un incontro di Goldwater, Phyllis incontra un certo numero di deputati e senatori di Nixon che vogliono firmare un trattato di controllo degli armamenti con la Russia. Sebbene questa sia la sua area di competenza, viene prontamente interrotta, le viene semplicemente chiesto di prendere appunti per gli altri senatori. Mentre recupera carta e penna, Phyllis si rende conto che l’unico argomento su cui le persone si interesseranno nella sua prospettiva è l’emendamento sulla parità di diritti. “Presto avremo ragazze in guerra e poi saremo davvero nei guai”, interviene Phyllis per trasformare la conversazione. Evitare il superamento dell’emendamento sulla parità di diritti sarebbe ciò che ha portato Phyllis in stanze con politici di spicco che desiderava chiamare colleghi.

Al ritorno a casa in Illinois, vediamo i modi in cui questo spostamento dell’attenzione cambia le priorità di Phyllis. Suo marito, Fred (John Slattery), e gli amici a cena, notano che non esiste una forza di opposizione concordata contro l’emendamento sulla parità dei diritti, anche sul fronte repubblicano. “Nessuno vuole votare contro un disegno di legge che abbia pari diritti nel titolo.” Fred e Phyllis si guardano l’un l’altro attraverso il tavolo da pranzo. Questo è il loro punto di vista e questo è ciò che stanno affrontando.

Phyllis sceglie il pranzo madre-figlia del DAR (Daughters of the American Revolution) per presentare l’appassionato appello contro gli emendamenti sulla parità dei diritti. Piuttosto che parlare della minaccia sovietica, struttura il suo impegno di parola sul perché queste donne dovrebbero temere l’emendamento sulla parità dei diritti. Non solo, scatena una retorica contro i progressisti, definendoli “un piccolo gruppo elitario di liberali dell’establishment nord-orientale [che hanno messo giù] i padroni di casa”. Phyllis continua a sviluppare l’orgoglio che le casalinghe dovrebbero provare, guadagnandosi il sostegno delle mogli e delle madri nella stanza.

Il grado di interesse aumenta mentre Phyllis prende sempre più vigore enunciando la sua idea sull’emendamento. Dice che le persone che vogliono che le donne non siano le caregiver primarie dovrebbero “parlarne con Dio”. Se le donne sono costrette a trovare un lavoro, ciò significa “avranno due lavori”, quello della forza lavoro e quello a casa. Questo porta le donne ad essere troppo esauste per avere più figli. “Forse è questo l’obiettivo dei liberazionisti. Dopotutto, il loro eroe è Gloria Steinam, una donna single senza figli che ha quasi quarant’anni,” continua Phyllis, ricevendo una risatina dal pubblico rapito. Mentre incolpa la loro crociata sulla loro incapacità di sposarsi, Phyllis si avvicina alla quasi caricatura, ma sigilla il suo sostegno con le donne. È una mentalità simile per come Trump ha ottenuto e ottiene supporto durante i suoi raduni. Se dici alla gente quello che vogliono sentire, ascolteranno.

Non abbiamo finito l’episodio in questo momento così euforico per i repubblicani. Invece, lo spettacolo ci introduce al “piccolo gruppo elitario di liberali dell’est del Nordest” che Phyllis detesta. Le riprese del cinegiornale riguardano l’elezione di Shirley Chisholm (Uzo Aduba), la prima donna di colore al Congresso che diventa anche la prima donna di colore a candidarsi alla presidenza. Nel frattempo, l’ERA arriva agli Stati per la ratifica dopo l’approvazione al Congresso. È qui che raggiungiamo il movimento di liberazione femminile, una cavalcata di volti famosi, che sperimenta una certa discordia. Abbiamo preso in giro alcuni combattimenti tra Gloria Steinem (Rose Byrne) e la più conservatrice Jill Ruckelshaus (Elizabeth Banks). Tuttavia, le donne anziane nella stanza vogliono celebrare la loro vittoria. Questo include Bella Abzug (Margo Martindale) e Betty Friedan (Tracey Ullman), che riceve la newsletter di Phyllis contro l’ERA.

“Non dirò mai più il nome di quella donna,” Betty Friedan ridacchia mentre getta via la newsletter. Questa strizzatina d’occhio fin troppo consapevole sembra che la nota compiaciuta “Vice” potrebbe essere finita. In che modo questi “libber” sottovalutano una conservatrice timorata di Dio? Tuttavia, questo pone le basi per un’interessante esplorazione di questo momento cruciale della storia. Se i titoli degli episodi sono indicativi, nei prossimi episodi ci concentreremo su Betty, Shirley e il resto del Fronte di liberazione femminile. Io, per esempio, non vedo l’ora di vedere cosa verrà dopo.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page