Maniac 1 x 02 “Windmills” Recensione – Originale Netflix

Reading Time: 3 minutes

Il secondo episodio di Maniac si concentra sul personaggio di Emma Stone e bisogna dire che lei è perfetta nel ruolo ma soprattutto sa gestire divinamente questo episodio da protagonista a tutto tondo. Si può quasi dire che Windmills approfondisce maggiormente il personaggio di Emma Stone, scavando nella sua storia passata in pezzi e mostrando la sua dipendenza.

Annie è essenzialmente una drogata, agganciata a una pillola McGuffin che le aiuta a dimenticare il trauma che ha subito quando ha avuto un incidente in macchina con sua sorella. Sepolti sotto le spoglie di quello sputo sono brutti ricordi che accennano a un destino orribile per sua sorella. Quando i suoi rifornimenti finiscono, Annie cerca di infiltrarsi e fare amicizia con una certa Patricia Lugo che lavora nella struttura farmaceutica che sta conducendo prove del suddetto farmaco. Nonostante non abbia superato il test che Owen ha in qualche modo chiarito nel primo episodio, riesce a ricattare la sua nuova “amica” e entrare nell’esperimento clinico. La sua reazione nei momenti finali è volutamente ambigua e ci fa domandare se sia stata traumatizzata o esaltata dal destino della sorella.

Alcune cose risaltano in questo episodio. C’è un’intera pubblicità fittizia creata e mostrata per spiegare come procederanno le sperimentazioni sui farmaci. La quantità di dettagli e creatività che trasudano dalla pubblicità che è una parodia su annunci pubblicitari della vita reale simili, è impressionante come lo stesso annuncio si inserisce nei confini dello spettacolo di commedia oscura e satirica. Anche umoristico è il servizio proxy amico attraverso il quale Annie incontra Patricia, che è quasi un colpo a Tinder e Facebook. La sua esistenza, insieme ai robot disinfettanti, alle bambole di intelligenza artificiale che giocano a scacchi e ai supercomputer che emulano rendono l’universo di Maniac uno strano mix di realtà e finzione, quasi come una realtà parallela, se vuoi.

La relazione tra Annie e sua sorella è mostrata durante un’ultima vacanza che le due fanno prima di separarsi. Emma Stone interpreta una versione adolescente di se stessa in modo piuttosto convincente e accade molto in un breve lasso di tempo mostrandoci e facendoci conoscere il loro legame arrugginito. In effetti il ​​montaggio su questo è sorprendentemente buono e nonostante alcuni bit confusi che forse alludono a eventi futuri sconosciuti, gli eventi dello show passano semplicemente inosservati e i titoli di coda iniziano a passare ancora prima che tu te ne accorga. Forse ha a che fare con la durata degli episodi relativamente abbreviata; mentre la maggior parte degli spettacoli di Netflix presenta episodi lunghi 53-55 minuti, Maniac sembra rimanere attaccato a 45 minuti, il che è davvero il punto forte che vorrei che altri show Netflix adottassero.

Alla fine dell’episodio, la posta in gioco è piuttosto chiara. Sappiamo molto di più sul mondo di Maniac rispetto a quello che abbiamo visto nel primo episodio ed entrambi i nostri personaggi centrali sono ora sufficientemente sviluppati da poter avere interazioni giocose tra loro. In effetti, è quasi sconcertante quanto questo episodio sia tutto Emma Stone; ho quasi dimenticato quale fosse la patologia e il ruolo chiave di Jonah Hill (sto scherzando ovviamente). Anche se non è ancora un capolavoro, l’episodio 2 mi fa sperare che questo si rafforzerà quando avremo superato la metà.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv Time

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page