A Beautiful Boy Recensione

Reading Time: 3 minutes

Questo è il nostro punteggio 4

Commento personale al film

A Beautiful Boy è quel tipo di film che guardi quando non sai cosa guardare o hai già visto quasi tutto ciò che ti interessava e quindi cerchi qualcosa di diverso. Certo è un film che fa male e che fa riflettere ma è qualcosa di bello e buono, di quanto nonostante i genitori ce la mettano tutta per i propri figli alle volte non basta e bisogna lasciarli andare e fargli fare i loro errori.

Alcuni film sono difficili da consigliare. Non perché non vanno bene, ma perché sono così bravi a presentare qualcosa di così duro e così vicino alla realtà in cui ognuno di noi può immaginarsi.

E’ così sconvolgente, ti senti quasi male a raccomandare che le persone decidano di guardare questo film. Beautiful Boy è uno di quei film. Basato sulle memorie di David e Nic Sheff, non è solo un ritratto pungentemente crudo della tossicodipendenza, ma raffigura anche una relazione padre-figlio che è spinta ai limiti da una situazione apparentemente senza vincita.

La sua efficacia dipende in gran parte dalla performance di Timothée Chalamet nei panni di Nic, una persona così dolorosamente convincente da ripetere l’attenzione che il 23enne ha guadagnato per Call Me By Your Name . Il suo Nic è vulnerabilmente fragile ma ferocemente indipendente, che nonostante tutto il suo apparente essere un ragazzo con la testa sulle spalle e molto intelligente, non riesce a resistere al richiamo acutamente evasivo di ogni tipo di droga e in particolare al meth, o alla discesa autodistruttiva in cui lo fa precipitare. In una scena passa dall’arrogante alla supplica all’autocoscienza fino alla rabbia con tutta la naturalezza di un giovane De Niro. È sorprendente, ma solo sulla riflessione, perché al momento sei assorbito dal suo naturale esprimere tutto ciò.

Il che dà a Steve Carell , avido e “serio” padre barbuto, probabilmente il lavoro più duro del film come suo padre, David. Non in termini di ruolo, ma nel mantenere il proprio contro Chalamet – un compito che si compie con aplomb. Mentre la prospettiva cambia tra padre e figlio, è la visione di David che domina: una principalmente di confusione e frustrazione – quando gli viene detto che la ricaduta fa parte del recupero, dice, “È come dire che lo schianto è parte dell’addestramento del pilota” – e un po’ un brutale auto-esame.

Qui Carell è aiutato dal regista belga Felix van Groeningen (The Broken Circle Breakdown / Alabama Monroe – Una storia d’amore ), che spezza la cronologia narrativa, perseguitando David con improvvisi flashback a tempi più felici – ascoltando Nirvana con il giovane Nic, o portandolo a navigare – ogni volta che il suo regalo serve un trauma fresco correlato alla Nic. È un dispositivo efficace, che accentua il “dove ho sbagliato di David?” angosciante, che è più acuto quando vediamo la coppia che condivide una canna, il padre avverte suo figlio di “stare solo attento”.

L’attenzione padre-figlio ha comunque un problema. Le donne nelle vite di Nic e David sono messe da parte, facendo apparire Maura Tierney e Amy Ryan con ruoli minori ingrati rispettivamente come la matrigna e la mamma di Nic, le prima che offre supporto per lo più passivo, la seconda come una sorta di ricettacolo di colpa. Mentre a ciascuno viene dato un momento per brillare, si sentono ancora sottoscritti in un dramma altrimenti straordinariamente intimo che osa rappresentare i limiti dell’amore dei genitori.

Voi cosa ne pensate?


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page