1899 1 x 01 “The Ship” Recensione

1899 1 x 01 “The Ship” Recensione
Reading Time: 4 minutes

Indice

Qui il nostro articolo su 1899

Questo è il nostro punteggio 4/5

Commento personale alla puntata

Il primo episodio volge al termine e sembra destinato a prendere le parti migliori di Dark, Ghost Ship e Man of Medan, fondendole tutte insieme in questo dramma deliziosamente sinistro e misterioso. Il cast è fantastico nei loro ruoli e con alcuni degli sceneggiatori a bordo di Dark, puoi davvero sentire lo stesso tipo di vibrazioni emanate dal loro lavoro precedente a questo.

1899 potrebbe benissimo essere una vera sensazione di mistero quest’anno se riesce a tirare fuori la sua storia e costruire sulle basi poste qui. C’è sicuramente molto da apprezzare e per fortuna non dobbiamo aspettare un’intera settimana per scoprire cosa succede dopo. Alla prossima!

1899 1x01 the ship recensione

Ma ecco cosa ci mostra il 1° episodio di 1899

L’episodio 1 di 1899 inizia con una donna isterica in un istituto psichiatrico, che lotta per ricordare chi è e vuole sapere cosa è successo a suo fratello. “Svegliati.” Una voce sussurra, e con quella la nostra protagonista, Maura Franklin, lo fa.

Maura è a bordo di una grande barca diretta a New York chiamata Kerberos, ma si stanno diffondendo notizie sulla Prometheus, una nave scomparsa da quattro mesi. È interessante notare che la cabina di Maura ha lo stesso numero di quella in cui è stata trascinata nel reparto psichiatrico. Sul bancone c’è una lettera di suo fratello, che chiede di incontrarci a New York, spiegando cosa sta facendo a bordo della nave. Anche lei è un medico, avendo studiato il cervello per un po’.

C’è un gruppo piuttosto eterogeneo di personaggi a bordo di questa nave, di tutti i ceti sociali e che vantano nazionalità diverse. C’è la snob Mrs Wilson che ha un’alta opinione di tutti, una coppia di sposini francesi – Lucien e Clemence – che chiaramente non si amano e persino immigrati cantonesi sotto forma di Ling-Yi e sua madre

Tutti a bordo sembrano scappare da qualcosa, ma proprio così, tutti bevono dalle loro tazze nello stesso momento. All’improvviso, un uomo arriva di corsa, con cicatrici su un lato del viso. Ha bisogno di un dottore, ma non lo trova, almeno finché Maura non lo insegue e lo aiuta. Uno dei passeggeri è molto incinta e soffre molto perché il bambino si è voltato. Maura riesce ad aiutare a salvare la situazione.

Quando torna sul ponte, si ritrova di fronte al capitano Eyk Larsen, che le fa notare che non dovrebbe essere in terza classe. Dato che Maura è una passeggera di prima classe, non ha affari lì. Tuttavia, vengono interrotti da una trasmissione in arrivo, quando uno degli ufficiali – che assomiglia in modo sorprendente ad Adam Driver, potrei aggiungere – rivela che hanno ricevuto messaggi negli ultimi 20 minuti.

È un segnale di soccorso e sembra provenire dal Prometheus. L’unica cosa inviata sono le coordinate. Ma sembrano essere in contrasto con dove dovrebbe essere la nave, dato che si è spostata a nord, non a sud. Il capitano decide di indagare e li incoraggia a cambiare rotta.

Maura si presenta nelle stanze di Eyk, interrogandolo sul Prometheus. Parla chiaramente e ammette di avere le coordinate ma non sono sicuri che provengano dalla barca o meno. Dato che sono passati quattro mesi, sembra improbabile che l’equipaggio sia sopravvissuto ma non si sa mai. Larsen suggerisce che sarebbero potuti sopravvivere se l’equipaggio avesse razionato il cibo.

È chiaro che Maura conosce qualcuno a bordo ma rimane in silenzio, abbastanza a lungo perché il Capitano ammetta che più tardi informerà la nave e farà loro sapere cosa sta succedendo. Ricordi la lettera che aveva Maura? Bene, anche Larsen ha una lettera, scarabocchiata sul retro: “Ciò che è stato perso sarà ritrovato“.

I passeggeri non sono contenti quando scoprono che la nave ha cambiato rotta, mettendo in dubbio i metodi del Capitano e sottolineando che hanno tutti pagato fior di quattrini per arrivare a New York in sette giorni senza deviazioni. Eyk non ha parole. Invece si volta e se ne va.

Nel frattempo, Jerome e Olek finiscono per lavorare nelle viscere della nave, spalando carbone nei fuochi per far girare la barca e arrivare – presumono – al Prometeo. Sopra diversi mazzi però c’è Maura, che decide di non cenare e finisce per chiacchierare con Larsen, che è interessata al suo background con la medicina. Maura ribatte e fa notare che anche lui ha molti segreti.

I due vengono interrotti quando notano una nave proprio davanti all’orizzonte. Mentre si avvicinano, sparano un bagliore rosso e sembra che la nave sia stata abbandonata. Gli ufficiali – compreso il primo ufficiale – ritengono di dover avvisare prima la Compagnia, ma il Capitano ha altre idee. Chiede che venga calata una scialuppa di salvataggio e decide di andare a indagare. Quelli rimasti indietro possono avvisare il quartier generale.

Nelle cabine di prima classe, uno degli uomini – che assomiglia molto a Jamie Bell – suggerisce di portare con sé un prete sulla Prometheus. Un prete come padre Ramiro. Eyk crede che sia una buona idea e gli permette di seguirlo, anche se non parla inglese. Eyk Larsen crede però che sarà di grande conforto per l’equipaggio.

La minuscola scialuppa di salvataggio è sminuita dalle dimensioni del Prometeo, e mentre si avvicinano alla barca, ognuno di loro sale sul ponte principale, uno alla volta. Qualcuno deve aver inviato il segnale, ma sembra che la nave sia completamente deserta. Infatti, una volta entrati, il segnale smette di trasmettere.

Eyk Larsen trova un nastro sul pavimento, disposto secondo uno strano schema. Tuttavia, la stranezza non si ferma qui. La macchina del telegrafo è stata completamente distrutta… quindi come è stato inviato un segnale? Bene, una figura bagnata fradicia potrebbe essere la risposta, poiché vediamo quest’uomo uscire dall’acqua e apparentemente inseguire gli altri sul Kerberos.

Tornati sul Prometheus, il nostro gruppo arriva in sala da pranzo ma trova uno strano armadio chiuso da un tubo. Dall’altro lato sembra provenire un rumore minaccioso, ma quando Maura lo apre, trovano un ragazzino seduto dietro. Si dirige silenziosamente fuori e sta con loro. Gli capita di tenere in mano un aggeggio piramidale nero e lo porge a Maura.

Nel frattempo, questo strano uomo – che sembra una versione più vecchia del bambino sul Prometheus, potrei aggiungere, finisce gocciolante e usa uno strano insetto verde per dirigersi sotto la porta della stanza 1013, (due porte più avanti rispetto alla cabina di Maura) e aprirla. Mentre l’uomo entra, l’episodio volge al termine.

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page