White Noise (Rumore Bianco) Recensione

White Noise (Rumore Bianco) Recensione
Reading Time: 5 minutes

Indice

Qui il nostro articolo su White Noise
Trama del film White Noise (Rumore Bianco)

Rumore Bianco (White Noise), film diretto da Noah Baumbach, racconta i tentativi di una famiglia americana dei nostri tempi nell’affrontare quelli che sono i conflitti mondani della quotidianità, mentre sono alle prese con i grandi misteri universali, come l’amore, la morte e la questione se sia possibile essere felici in un mondo incerto.

Questo è il nostro punteggio 4/5

Commento personale al film

White Noise mostra uno specchio all’America contemporanea, costringendo a un autoesame che diverte e terrorizza allo stesso tempo. Potrebbe essere ambientato negli anni ’80 ma è più preveggente che mai, costringendoci a esaminare i fallimenti della cultura postmoderna e ad affrontare la commedia e il terrore insiti nella nostra società. Può essere divertente, anche spensierato in alcuni punti, ma White Noise affronta argomenti pesanti e toccanti con un livello di consapevolezza che ti farà ridere mentre ti accappona la pelle. 

Una performance sgargiante di Adam Driver approfondisce le nostre stesse inadeguatezze, mentre Babette di Greta Gerwig tiene insieme l’intero pasticcio con una graziosa banalità che è bella nella sua ordinarietà. White Noise è una versione apertamente strana ma quasi banale di alcune pesanti questioni esistenziali. Dopotutto, non siamo tutti provvisoriamente programmati per morire?

white noise rumore bianco recensione

Ma ecco cosa ci mostra Rumore Bianco (White Noise)

Nulla è certo tranne la morte e il consumismo. White Noise (Rumore Bianco) ci offre entrambi, per non parlare di una sana dose di satira accademica grazie al professor Jack Gladney (Adam Driver), stranamente affascinante e assolutamente ignaro. 

Basato sul romanzo di successo di Don DeLillo, White Noise è una fetta molto specifica Americana, accresciuta e amplificata a proporzioni assurde con la divertente recitazione di Driver e una sceneggiatura appassionata e gioiosamente sovrascritta dallo scrittore e regista, Noah Baumbach.

La famiglia al centro della storia

I Gladney sono allo stesso tempo una normale famiglia americana e anche così lontana dall’ordinario da essere francamente assurda. Sia Jack che la sua ultima moglie Babette (Greta Gerwig) sono ossessionati dalla morte al punto da preoccupare le loro vite e il loro rapporto reciproco. 

Le loro discussioni su chi avrà il cuore più spezzato se l’altro muore per primo sottolineano la stranezza delle loro vite, ma offrono anche un commento accurato sull’America postmoderna… ma ci arriverò più tardi.

Jack è un professore presso il locale College-on-the-Hill e un pioniere degli studi su Hitler. Una rock star sia tra gli studenti che tra i suoi colleghi accademici, Jack nasconde tuttavia i propri sentimenti di inferiorità sotto una patina di eccessivo intellettualismo. 

white noise rumore bianco recensione

Driver percorre questa linea alla perfezione, ritraendo la dilagante ed esasperante accademia di Jack come il difetto più profondo del personaggio, analizzando il significato e il contesto di una situazione pericolosa per la vita piuttosto che uscire da Dodge. È sia un oratore sgargiante che un uomo quasi paralizzato dai dubbi su se stesso… e Driver indossa entrambi i volti con un’autenticità senza pari.

Allo stesso modo, Gerwig è meravigliosa nei panni di Babette, la moglie che si cura da sola la cui costante preoccupazione per la morte la spinge a fini sgradevoli, se non altro per trovare una cura per la sua “condizione”. Una voce dolce e uno sguardo vacuo proiettano una visione straziante della domesticità: Babette è spesso ridotta al suo ruolo di badante e madre. 

Jack diventa persino lirico sul “punto” di Babette che è gioiosa e non soccombe alla tristezza o all’autocommiserazione… allontanando completamente i suoi pensieri intellettuali sulla natura della vita, della morte e di tutto il resto. Nonostante i suoi licenziamenti, Babette è il collante che tiene insieme i Gladney e Gerwig si avvicina al ruolo con una tenerezza e una moderazione che sembrano appropriate.

white noise rumore bianco recensione

Certo, Driver è al suo meglio quando è più sgargiante: una famosa scena del libro in cui Jack e il suo amico Prof. Murray Siskind (Don Cheadle) tengono una conferenza congiunta improvvisata su Elvis e Hitler è sublime. Satirando l’inadeguatezza del mondo accademico moderno, è assemblato con un perfetto tempismo comico di Baumbach e l’esilarante recitazione di Driver che enfatizza il ridicolo dell’ego di Gladney.

Ci sono scene come questa attraverso White Noise, l’esilarante assurdità dei suoi dialoghi che punteggiano l’assurdità della difficile situazione di Gladney. La sceneggiatura di Baumbach non tira pugni, catturando con gusto l’essenza del romanzo di DeLillo.

La storia del film

Per un film che si preoccupa di grandi problemi esistenziali, Rumore bianco sembra molto più leggero di quanto dovrebbe. Questo non vuol dire che non ci siano alcuni momenti veramente drammatici, specialmente nel suo secondo atto, che vede la città natale dei Gladney, Blacksmith, sotto l’ombra minacciosa di un evento aereo tossico. 

C’è sia il terrore che l’umorismo nel cuore di White Noise, e questo è il punto: alzare uno specchio sull’America contemporanea per vedere l’assurdità della sua stessa dualità. Jack Gladney è vittima del suo stesso privilegio: l’arroganza di un uomo bianco della classe media di fronte a eventi disastrosi rivela una verità scomoda ma risibile. Prendendo la storia originale e aumentando il ridicolo in una miriade di modi, Baumbach mostra una sottile comprensione dei suoi soggetti esattamente come loro stessi non lo fanno.

white noise rumore bianco recensione
La colonna sonora

Una colonna sonora impeccabile di Danny Elfman serve solo ad aumentare tutto ciò che vediamo sullo schermo, dalla stranezza alla tensione, con momenti in stile film di serie B che sembrano prevedibilmente minacciosi. Le immagini evocano all’improvviso un momento e un luogo particolari mentre si è seduti in modo ridicolo al di fuori di esso, amplificando lo stile anni ’80 del film per diventare una parodia di se stesso.

I Gladney come unità familiare rappresentano uno spaccato frenetico e vibrante della vita americana che è punteggiato dalla banalità di momenti dolorosamente ordinari di fronte al vero e proprio terrore.

Cosa ci mostra realmente Rumore Bianco?

White Noise offre una visione postmoderna dei pasticci dell’umanità, con una dissezione focalizzata al laser del mondo accademico, del consumismo e persino della religione. Costringendoci ad affrontare la nostra stessa umanità usando i Gladney come proxy, Baumbach prende la storia originale di DeLillo e ne esagera le proporzioni, il che aumenta ed elettrizza in egual misura. 

Il commento è nitido, la sceneggiatura è superbamente esagerata e potrebbe essere solo l’opera magnus di Baumbach. 

Driver e Gerwig sono al top della forma mentre le loro crisi emotive raggiungono punti di rottura, mentre Baumbach stupisce e delizia con questa tagliente storia di esistenzialismo in una cultura incentrata sul consumatore. White Noise è un’esilarante dissezione dell’espressione postmoderna e non potrebbe arrivare in un momento migliore.

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page