The First Lady 1 x 01 “That White House” Recensione

The First Lady 1 x 01 “That White House” Recensione
Reading Time: 5 minutes

Indice dei contenuti

QUI IL NOSTRO ARTICOLO SU THE FIRST LADY

Questo è il nostro punteggio 3/5

Commento personale alla puntata

Cosa hanno in comune Eleanor Roosevelt, Betty Ford e Michelle Obama? Il titolo del nuovo dramma antologico di Showtime The First Lady offre la risposta ovvia a questa domanda. Il primo episodio tenta di tracciare parallelismi più profondi oltre l’uomo con cui sono sposate con risultati contrastanti. 

Ma ecco cosa ci mostra il 1° episodio di The First Lady

Dal montaggio di apertura che ritrae ogni donna seduta per il proprio ritratto ufficiale, è chiaro che la serie rimbalzerà tra le tre linee temporali; e il colpo di frusta inizia presto. Con pesi massimi come Viola Davis, Michelle Pfeiffer e Gillian Anderson che raffigurano ogni donna, il desiderio di soffermarsi su ogni personaggio aumenta e c’è una forte sensazione che ogni personaggio possa essere il protagonista della propria serie. Il tessuto connettivo che collega i tre archi può essere ridotto a come sono diventate la first lady, un trio di viaggi distinti. 

Dopo i titoli di testa ricchi di filmati d’archivio, Michelle Obama (Davis) viene mostrata alle prese con il simbolismo del luogo che chiamerà casa dopo la storica vittoria elettorale nel 2008. Davis ha la voce riconoscibile di Michelle Obama e probabilmente ha il lavoro più difficile perché di quanto il pubblico abbia familiarità con la cadenza di Obama. 

the first lady 1x01 that white house recensione

Laura Bush (Kathleen Garrett) fa un tour dell’Ala Est e Michelle (e lo spettacolo) fa il punto di salutare lo staff per lo più nero. Un dipinto raffigurante uno schiavo è indugiato e lo showrunner Aaron Cooley è tutt’altro che sottile nei punti che martella a casa durante il pilot.

Il nostro primo assaggio di Betty Ford (Pfeiffer) nel 1973 è spensierato e pieno di anticipazioni. “Coconut” di Harry Nilsson accompagna una giocosa sessione di preparazione di cocktail diurna e questa festa per uno sta per essere bruscamente interrotta da un’amministrazione della Casa Bianca coinvolta nello scandalo. Chiunque abbia un minimo di conoscenza dell’alcolismo di Betty vedrà questa scena e ogni altro momento carico di alcol come una bandiera rossa, ma il suo umore celebrativo è perché presto si imbarcherà in una vita senza politica sotto il sole di Palm Springs. 

the first lady 1x01 that white house recensione

La figlia Susan (Dakota Fanning) torna a casa da scuola e dice: “Grazie a Dio, papà va in pensione” mentre il conduttore della CBS Walter Cronkite discute del pasticcio di corruzione repubblicana. Ancora una volta, è piuttosto sul naso. “C’è tempo per il sole”, Betty in seguito scherza con suo marito Gerry (Aaron Eckhart) mentre viene scelto per essere il nuovo vicepresidente di Richard Nixon, sottolineando la sua riluttanza a diventare la seconda donna.

La storia di Eleanor Roosevelt (Anderson) inizia nel decennio prima della vittoria elettorale di Franklin (Kiefer Sutherland) e nelle ore prima che la polio facesse sembrare la sua candidatura alla presidenza come un sogno irrealizzabile. La storia di Eleanor è quella che copre più terreno e si aggiunge solo agli elementi sparsi del pilot. La vediamo da giovane nel 1892 al funerale di sua madre, come se avessimo bisogno di una spiegazione della sua capacità di recupero. Inoltre si assicura che gli spettatori sappiano che Teddy Roosevelt è suo zio ed è stata a lungo circondata da grandezza politica. 

the first lady 1x01 that white house recensione

Quando Eleanor arriva alla Casa Bianca nel 1933, c’è molto da fare per sistemare la crisi finanziaria e gli alti tassi di disoccupazione. Sfortunatamente, non c’è posto per la nuova first lady al di là di un titolo a cui si riferisce come sua circostanza e non come lavoro. È chiaro che ogni donna non è incline ad appoggiarsi alle aspettative da stampino di questo ruolo.

Eleanor e Michelle condividono la voglia di lavorare, mentre Betty sente di aver servito il suo tempo come moglie politica in 13 campagne. Sono legati dall’amore che hanno per i loro mariti e dalla riluttanza a perdere la loro identità quando entrano alla Casa Bianca. Michelle è anche preoccupata che Barack (OT Fagbenle) finirà per condividere lo stesso destino di Martin Luther King Jr., Malcolm X e JFK; il dettaglio dei servizi segreti fa ben poco per rimuovere dalla sua mente l’immagine dell’abito Chanel rosa macchiato di sangue di Jackie Kennedy.    

Fotografie di MLK e Malcolm X sono appese al muro della casa d’infanzia di Michelle nel Southside di Chicago e queste immagini sono un’altra scelta di design di produzione. Tuttavia, questa scena con sua madre è una delle più forti e la qualità vissuta di questa dinamica è evidente dal momento in cui Marian (Regina Taylor) entra sullo schermo. Più tardi, quando Michelle torna a casa per riconciliarsi con suo marito, le ricorda che la Davis è un’esperta banditrice sullo schermo.

Ma questo non è tutto, perché c’è un problema di fondo in questo episodio

Il problema in questo primo episodio non sono le interpretazioni – che sono tutte eccellenti – piuttosto è la leggerezza di ogni storia a cui non viene concesso spazio per respirare prima di rimbalzare in un’altra era. Sì, sono i primi tempi, ma non è un buon segno che ogni sezione sia simile alla lettura di una voce di Wikipedia. Immaginare la vita privata di queste donne straordinarie fa parte del fascino, eppure è tutto così fugace in questo formato. 

Betty riceve l’inizio più forte e beneficia di una sequenza temporale più condensata, che descrive i suoi tentativi di mostrare compassione e trasparenza. Un discorso al Congressional Club mette in evidenza la sua disponibilità a discutere di argomenti tabù come la salute mentale. 

Quando diventa la seconda donna, Betty va contro il consiglio di Donald Rumsfeld (Derek Cecil) ed è l’unica persona dell’amministrazione di Nixon che partecipa al funerale di Alberta King. Pfeiffer spazia tra nervosismo e testardaggine, chiedendo ancora una volta perché questa serie antologica non possa dedicare una stagione a ogni donna. Ecco perché l’apertura di The First Lady è un po’ una delusione. 

La regista Susanne Bier fa un ottimo lavoro nel catturare ogni trama e le diverse tavolozze di colori per ritrarre ogni periodo di tempo sono sottili. Il cast di supporto vanta diversi grandi nomi che non mettono in ombra le tre protagoniste e l’uso di filmati d’archivio aggiunge un’autenticità che non mette a fuoco. Tuttavia, ci sono altre distrazioni, come la dentiera di Anderson, e ci vogliono alcuni battiti in ogni scena per riabituarsi ancora una volta. È un inizio accidentato per la nuova scintillante serie Showtime e un’altra sfida da superare per i personaggi titolari.   

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page