The Crown 2 x 08 “Dear Mrs Kennedy” Recensione

Reading Time: 3 minutes

Elizabeth si lega a Jackie Kennedy ed è gloriosa.

In alcuni episodi di questa seconda serie frammentaria, la rivelazione che anche la Regina ha un televisore in affitto sarebbe stato il punto di interesse più notevole. Questo episodio, Dear Mrs Kennedy, non ha un inizio molto promettente, con un po’ di affari pesanti sulle grandi querce e sul declino dell’Impero.

Ma, fortunatamente, si evolve per permettere a The Crown  e soprattutto grazie allo scrittore Morgan a tessere una trama tra il politico e il personale con una destrezza non sempre in evidenza quest’anno, come la geopolitica della guerra fredda si scontra con le insicurezze private della monarca.

I due luoghi sono Buckingham Palace, pronto a ricevere i Kennedy universalmente festeggiati, e la capitale del Ghana di Accra, dove il presidente Kwame Nkrumah ha annunciato la sua intenzione di guidare la sua nazione indipendente tra le braccia della Russia comunista, attualmente superando gli Stati Uniti per costruire la diga Volta.

C’è, giustamente, un senso palpabile ora che la Gran Bretagna è una pedina in un gioco molto più grande: una nazione degna di essere consultata ma raramente in grado di dettare gli eventi post-Suez. Una breve menzione di De Gaulle e della CEE suggerisce una probabile futura narrazione che sarà tutta lasciata sia per gli spettatori che per Olivia Colman nella prossima stagione.

Bloccata nel mezzo della sua vita Elizabeth, preoccupata per la sua età e senso di emarginazione o persino anacronismo. Queste preoccupazioni sono difficilmente eliminate o quantomeno messe da parte soprattutto a causa della seduzione di Jackie Kennedy da parte del resto d’Europa con le sue qualità fisiche e intellettuali. Philip, alla cena per i Kennedy ovviamente come tutti gli uomini vuole sedersi vicino a Jackie e lo ottiene sotto uno sguardo ormai avvilito e sempre più sconsolato di Elizabeth.

La visita dei Kennedys dimostra un evidente trionfo per tutti quelli che mettono a tacere tutti i consiglieri  del Palazzo che sono sconvolti dal loro disprezzo del protocollo. Elizabeth accompagna Jackie in un tour del suo palazzo, trovando un terreno comune sulla timidezza, i cani e la rivalità fraterna – receè fantastica qui, catturando pienamente l’innocenza di una donna non abituata a rapporti personali onesti, e poi la sua devastazione quando sente parlare del che Jackie abbia fatto commenti poco gentili, su di lei, in una cena successiva.

E per fortuna, potremmo dire, che c’è quella piccola crisi nel Commonwealth che potrebbe solo consentirle di dimostrare alcuni punti sulla scena mondiale. È emozionante vedere di nuovo Elizabeth, un agente attivo e indipendente piuttosto che un osservatore passivo, schiaffeggiato dagli eventi e dalle azioni degli altri. Sfidando il suo primo ministro, i suoi consiglieri, la stampa e suo marito, lei si reca in Ghana decisa a riportare la Nazione nel Commonwealth con ogni mezzo necessario.

Consentendo un fox-trot con Nkrumah, riesce a ottenere di più in pochi minuti di quanto i diplomatici britannici siano riusciti in poche settimane. È ridicolo ma glorioso, scritto e interpretato con vero fascino ed energicamente diretto da Stephen Daldry.

Altrettanto pazza è l’idea che la First Lady castigata si rivolga alla Regina sulla sua depressione postnatale, su suo marito e sui loro regimi di droga, ma Foy ancora una volta recupera le cose con il suo controllo, versando il tè e maneggiando scones mentre si sente male a mostra la stessa onestà con il Principe Filippo.

Hall è un raro pezzo di miscellanea, che favorisce l’impersonificazione sulla caratterizzazione, ed è appena aiutato a consegnare una gigantesca e ridondante lastra di esposizione che spiega a sua moglie perché è successo tutto quello che è successo. Fortunatamente, non ci riesce, quindi non sbilancia il pezzo. Jodi Balfour (Rellik) va bene come Jackie, e Danny Sapani (quest’ultimo di Penny Dreadful e Harlots) fa un eccellente Kwame Nkrumah – imperioso, orgoglioso e pragmatico.

È un episodio avvincente, uno dei migliori finora, deluso solo dal suo quarto finale. Se sembra strano dire che qualcosa potrebbe “spegnersi” con l’assassinio di Kennedy, questo almeno dimostra l’eccellenza di ciò che è venuto prima. E l’osservazione conclusiva di Sua Maestà sull’infelicità – “basta che arrivi qualcosa di peggio e ti rendi conto che è stata la felicità per tutto il tempo” – fa presagio di qualcosa di brutto per lei ma bene per gli altri due episodi.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulla pagina di The Crown Italia. E sulle altre nostre pagine affiliate Serie Tv News e Tutta colpa delle serie TV

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page