Nell’erba alta Recensione – Originale Netflix

Come Charles Dickens e Natale, Halloween è intrinsecamente legato al Maestro dell’orrore, Stephen King. Dagli anni ’80, gli adattamenti cinematografici delle opere di King hanno un pubblico spaventato ed elettrizzato (con vari gradi di successo. Ora, proprio sulla scia di It: Chapter 2 Netflix ha presentato una nuova voce formidabile per il canone, adattata da una storia di King e diretto da Vincenzo Natali (CubeSplice), In the Tall Grass remixa alcuni degli elementi preferiti dell’autore per un filato familiare, ma non troppo spaventoso.

Sulla loro strada verso ovest, Becky (Laysla De Oliveira) e Cal (Avery Whitted) si fermano sul lato della strada da qualche parte in America centrale. Il tempismo non è eccezionale; Becky è incinta e soffre ancora di nausea mattutina. Ma in lontananza da qualche parte nel campo di erba lungo la strada, sente un bambino in preda al panico che chiede aiuto. Becky e Cal vagano nell’erba ma sembrano non riuscire a trovarlo, e alla fine anche loro sono separati e intrappolati con un’altra famiglia: Tobin (Will Buie Jr.), suo padre Ross (Patrick Wilson) e Natalie (Rachel Wilson).

Nell’erba alta è un misterioso tipo di male, un luogo che non aderisce alle leggi della fisica e dello spazio, intrappolando le sue vittime in un ciclo continuo fino a quando non le attira verso un’antica forza oscura al suo centro. Dopo settimane senza notizie da Becky, Travis (Harrison Gilbertson), va alla ricerca dei due fratelli scomparsi e cade anche lui nelle grinfie di Tall Grass.

È merito di Vincenzo Natali che questi gambi d’erba possano sembrare minacciosi. Gioca con primi piani, illusioni ottiche e ampi scatti che trasformano il labirinto che tiene in ostaggio i nostri poveri personaggi in un’anima infernale. In lontananza, c’è una pista da bowling abbandonata che è inspiegabilmente ai margini dell’erba e una chiesa dall’aspetto inquietante che tiene l’erba sopra ogni tipo di dio. Forse è per collegare la religione moderna al culto antico che adora l’erba, ma il film non entra mai in qualcosa di troppo profondo. È una premessa semplice che mantiene i suoi temi a livello della superficie, non più profondi della tua sala degli specchi mediamente infestata.

Oltre alle paure, i fan di King dovrebbero deliziarsi con la manciata di cenni ai suoi precedenti adattamenti. C’è un accenno di Children of the Corn nell’isolamento doloroso della cornice e nell’ignota presenza malvagia che si insinua nell’erba. C’è una vecchia macchina che ricorda Christine nel parcheggio della chiesa sul lato della strada. Il personaggio del padre di Wilson sembra subire una simile discesa nella follia che colpisce Jack Torrance in The Shining e il Dr. Louis Creed nel Pet Sematary. King preferisce anche gli scenari impossibili da sfuggire, che si tratti di un’auto malvagia in Christine, un fan impazzito in Misery, un clown killer soprannaturale in It o legato a un reggisella a The Gerald’s Game. Un campo di erba fluttuante si sente proprio nel suo vicolo da incubo.

Sebbene non sia la più acuta delle storie di King, il cast di Natali riscatta le carenze del film. Patrick Wilson è delizioso come un padre che fa l’immobiliare impazzito dalla fonte malvagia dell’erba. Le sue espressioni squilibrate e la natura imprevedibile dell’erba gli danno tutto ciò di cui ha bisogno per essere un malvagio fantastico. Delle vittime nell’erba, il personaggio di Gilbertson ha l’arco più espressivo. Dopo aver pensato che potrebbe aver perso la sua ragazza per sempre, ora ha una possibilità di redenzione e di salvare la vita a tutti.

Il nucleo emotivo del film sta con Travis e Becky, che prima di entrare nell’erba stanno discutendo se mantenere o meno il suo bambino. Su questo punto, il film inciampa mentre si immerge in cliché sul mettere in pericolo le donne incinte e i loro bambini, ma rimane poco chiaro sul suo effetto finale. Tuttavia, per quanto riguarda i difetti, non è fatale e non distrae troppo dal vero male del film: l’erba minacciosa ma pacifica che ondeggia dolcemente nella brezza.

TRAILER

Commento personale al film

Il film rimane misterioso, non c’è una vera e propria spiegazione di ciò che è la pietra e che senso abbia sia lei che l’erba alta. La nota positiva sono i vari richiami ai film di King e devo dire che un po’ mi ha ricordato la serie di Hulu Castel Rock, dove ci sono richiami di ogni suo racconto. I complimenti, come dicevo prima, vanno fatti sicuramente a Natali, per come ci fa sentire l’angoscia di stare all’interno di questo labirinto senza trovare mai l’uscita, ma soprattutto l’idea geniale del fatto che le cose morte non si spostano mai, quindi in qualche modo c’è una sorta di mappa o senso logico in tutto questo ma che io sinceramente non ho capito. Voi cosa ne pensate?


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

COME SEMPRE VI RICORDO DI CONTINUARE A SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
SHOWTELLER & DRAMAADDICTED