Crea sito

High Flying Bird Recensione – Originale Netflix

Reading Time: 4 minutes

Mentre gli atleti professionisti continuano a lavorare per controllare sempre di più la loro immagine pubblica attraverso i social media, la loro mercificazione diventa un argomento di discussione sempre più interessante. Soprattutto per i giovani giocatori di basket appena entrati in campionato, quanta parte della loro personalità e anche la loro vita quotidiana che danno alla NBA possono avere un impatto su come vengono percepiti sia dal pubblico sia dalle persone che firmano i loro assegni. Basta ascoltare Karl Anthony-Towns o Donovan Mitchell, intervistare i soggetti in “High Flying Bird” di Steven Soderbergh , mentre discutono su cosa significhi essere nella NBA nel 2019 – le aspettative sono ovunque, da quanti soldi stanno prendendo nel loro primo anno ai follower di Instagram.

La nostra finestra su questo mondo è Ray (un ottimo André Holland), un agente di grande potenza che sta lottando per tenere la testa fuori dall’acqua durante un blocco NBA. Se i giocatori non vengono pagati, Ray non viene pagato. E uno dei suoi più grandi giocatori è la scelta numero 1, Erick Scott (Melvin Gregg), che vuole solo uscire e iniziare a farsi un nome. È anche morto, e il film si apre con Ray che ammonisce Erick di uno stupido prestito che ha appena accettato. E poi la carta di credito aziendale di Ray viene rifiutata. Queste sono persone che dovrebbero rotolare su letti di denaro, ma il blocco li ha completamente neutralizzati. In un certo senso, “High Flying Bird” significa rifiutarsi di rimanere nel limbo, di fare qualcosa per potenziare se stessi per trovare il successo.

Dopo aver appreso dal suo assistente (Zazie Beetz) e poi dal capo (Zachary Quinto) che i suoi conti di spesa e persino il suo stipendio sono stati congelati, Ray mette in moto un piano. Ci sono in realtà echi dei film di rapina di Soderbergh nel modo in cui Ray è un po’ il Danny Ocean di questa faccenda mentre cerca di parlare velocemente come il rappresentante dell’Unione NBA Player (Sonja Sohn), capo del gruppo dei proprietari (Kyle MacLachlan), e persino la madre / agente per la potenziale competizione di rookie di Erick nella squadra, se mai giocassero di nuovo. Vuole la fine del blocco? O forse vuole un’evoluzione radicale del gioco?

La sceneggiatura di “High Flying Bird” di Tarell Alvin McCraney (“Moonlight”) è estremamente nitida, derivante chiaramente da una profonda ricerca sui problemi e le preoccupazioni che definiscono l’atleta moderno e che allo stesso tempo ricorda di essere maliziosamente divertente. Questo non è un “messaggio film” e tuttavia è impossibile non allontanarsene e pensare che qualcosa nel sistema degli sport professionistici sia rotto. Ray e altri (incluso il leggendario Bill Dukecome allenatore di basket locale) parlano regolarmente del “gioco in cima al gioco”, riferendosi a come i proprietari bianchi hanno creato un sistema progettato non solo per trarne profitto, ma per controllare i loro giocatori per lo più neri. Era qualcosa di più necessario negli anni ’70 e ’80 di quanto non lo fosse nell’era di Instagram. Immagina se Lebron e Steph annunciassero che avrebbero giocato uno contro uno allo Staples Center domani. Quanto tempo pensi che ci voglia per vendere? Eppure i giocatori non sono autorizzati a fare nulla che non sia sanzionato dall’NBA. Perché? Ti diranno che è per mantenere l’immagine della NBA, ma è anche così che si assicurano di ottenere il taglio più grande.

Per “High Flying Bird”, Soderbergh ha girato ancora una volta con un iPhone, usando ancora meno effetti digitali rispetto a “Unsane”. Ha parlato nell’eccellente intervista di Q & A per la premiere del film di Slamdance su come ama il modo in cui gli scatti dell’iPhone gli permettono di sapere immediatamente cosa ha. Non deve aspettare che il film sia sviluppato. Può guardare le riprese di quel giorno a casa e regolare il programma di riprese del giorno successivo, se necessario. Affinché pensi che questo sia puramente un elemento tecnico di produzione, aggiunge un’energia al filmmaking di “High Flying Bird” che puoi percepire sullo schermo. Puoi provare l’eccitazione che Soderbergh ricava dalla sperimentazione di una nuova forma di produzione cinematografica.

Almeno ha il permesso di sperimentare. Un aneddoto interessante nella Q & A pre-screening ha rivelato che “Out of Sight” è stato per lui un importante punto di svolta. Come ha detto, aveva fatto diversi film di fila che la gente non gli piaceva, e non poteva permettersene un altro. Se “Out of Sight” avesse perso, potrebbe non essere stato a Park City questo fine settimana. E poi ha sottolineato come aveva 35 anni quando è arrivata quella svolta, un’epoca in cui la maggior parte degli atleti professionisti sono in pensione. Questi giovani hanno una finestra così piccola da trasformare il loro talento in qualcosa che li sosterrà per il resto della loro vita. C’è da meravigliarsi che stiano cercando di assumere un controllo sempre maggiore su ciò che accade all’interno di quella finestra? 

La maggior parte dei film sportivi moderni si ritagliano alcuni anni dietro la storia, volutamente nostalgici per una storia sentimentale e motivante. “High Flying Bird” sembra un prodotto della stagione NBA 2018-19, che potrebbe non avere un blocco ma ha a che fare con gli stessi problemi. Vorrei poter essere nella stanza quando alcune delle giovani star del gioco come Anthony Davis o Joel Embiid guardano questo film. In realtà, vorrei ancora di più che potrei essere nella stanza quando i proprietari delle loro squadre lo guardano. 

TRAILER

Commento personale al film

E’ un film non – film, non è nemmeno un docufilm, è qualcosa d’altro un qualcosa che ci apre al mondo del basket dei professionisti, come potrebbe essere visto anche il calcio dei professionisti. Dove tutto quello che conta è appunto il tuo profilo Instagram, Twitter; quali scarpe ti metterai per la partita e come le indosserai. Provate a guardarlo e a domandarvi ma davvero è così destante essere un giocatore professionista? A quanto pare lo è, almeno da quello che emerge da questo film. Voi cosa ne dite?

COME SEMPRE VI RICORDO DI CONTINUARE A SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK
SHOWTELLER & DRAMAADDICTED

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: