Looking For Alaska 1 x 01 “Famous Last Words” Recensione – PILOT

Reading Time: 4 minutes

Hulu ha riportato gli spettatori al 2005 ma soprattutto me nella terra dei dolci momenti e melodie di The OC con la premiere di venerdì di Looking for Alaska.

Adattata da Josh Schwartz e Stephanie Savage (The OC, Gossip Girl) dal romanzo di John Green, la serie limitata ambientata nel 2005 segue Miles (Charlie Plummer di Boardwalk Empire), un’adolescente che ama leggere specialmente biografie di Orlando ed affascinato dalle ultime parole dette dalle persone famose. Lascia la sua casa per frequentare un collegio in mezzo al bosco, dove era stato anche suo padre da giovane, in Alabama, nel tentativo di trovare il significato dietro la sua citazione preferita delle “ultime parole”: “Vado a cercare un Grande Forse”.

La prima scena della serie rivela un orribile incidente d’auto in una notte piovosa, una margherita su un parabrezza rotto. Quindi la carta dal titolo “Before” lascia il posto al primo giorno di Miles nella sua nuova scuola. Il suo compagno di stanza è uno studente con una borsa di studio, noto come il colonnello (Empire Denny Love), che è venuto a scuola in modo da poter leggere grandi libri senza farseli tirare contro da suo padre. Miles conquista il colonnello con la sua morbosa ossessione e guadagna l’ironico soprannome di Pudge/Ciccio dal suo nuovo compagno di stanza.

Il Colonnello introduce Miles al suo onnisciente amico Takumi ( American Vandal Jay Lee) e lo porta a prendere le sigarette da Alaska (The Society Kristine Froseth), fornitore della scuola di merci proibite. Capita anche di essere la seducente, imprevedibile, femminista della terza ondata che Miles ha visto poco prima in un parcheggio mentre si recava a scuola. (Il tempo è rallentato, i loro occhi si sono incontrati, conosci poi come vanno a finire queste cose.) La stanza di Alaska è un labirinto di libri, e usa Miles per dimostrare come un ragazzo ha palpato il suo seno durante l’estate. Quindi, naturalmente, Miles è incantato da lei.

Mentre Miles e il colonnello si recano nel luogo segreto per fumare, Alaska sta seppellendo l’alcol che ha comprato quando sente un fruscio. Quando in seguito incontra Miles, sembra un po’ sconvolta prima di presentargli uno dei suoi libri preferiti: Il generale nel suo labirinto di Gabriel García Márquez. Se Miles capisce cos’è il labirinto e come uscirne, lo farà scopare, promette Alaska. Parlando di sesso, la compagna di stanza di Alaska viene sorpresa a fare sesso con il suo ragazzo (con una fantastica cover di “Milkshake”), provocando entrambe le loro espulsioni.

The Weekday Warriors (Girl Meets World Uriah Shelton e Jordan Connor di Riverdale ), alias i famosi studenti ricchi che tornano nelle loro dimore nei fine settimana, cercano di reclutare Miles per spiare il colonnello, ma ricorda l’avvertimento del colonnello di non essere mai e poi mai una spia. Il colonnello ha una relazione amore/odio con la sua fidanzata Weekday Warrior Sara (Fuller House Landry Bender), ma il suo rapporto con il resto del gruppo è solo odio/odio. E i Weekday Warriors sono così convinti che Il Colonnello abbia fatto un duro colpo con la compagna di stanza di Alaska e il suo ragazzo WW che prendono Miles nel cuore della notte e lo avvolgono nella plastica per poi gettarlo nel lago. Miles sfugge a malapena al cigno malvagio della scuola e nuota in salvo, dopo di che vede Alaska piangere nella sua stanza e mettere le margherite in un vaso. Quando cerca di parlarle, lei è fredda e cattiva con lui. Il giorno dopo, tuttavia, si scusa. Miles chiama i suoi genitori per dire loro che pensa di aver trovato il suo Grande Forse.

Ma ci sono problemi in corso: la guerra con Weekday Warriors è iniziata, e ancora più preoccupante, sono solo “102 giorni prima” quella margherita sul parabrezza rotto.

L’ensemble dello spettacolo include anche Sofia Vassilieva (Black Lightning, Medium) nel ruolo della nuova studentessa Lara, che ha una cotta per Miles; Timothy Simons (Veep) nei panni del preside severo della scuola; e Ron Cephas Jones (This Is Us) come insegnante di religione.

Commento personale alla puntata

Questo è il momento in cui confesso di non aver letto l’acclamata critica di Green, quindi per favore non ditemi alcuni dettagli che forse anzi quasi sicuramente avranno cambiato perché non lo so. A giudicare dal ritmo della serie e da come sia una serie limitata di 8 episodi, è lecito ritenere che si stia avvicinando abbastanza al materiale originale con alcune cose cambiate qua e là. È anche lo spettacolo perfetto se stai cercando di perderti in una serie che ha un inizio, una metà e una fine chiari, e se conosci le opere precedenti di Green, conosci i tipi di personaggi che incontreremo lungo la strada e alcune delle lezioni di vita che potremmo imparare. Inoltre questo primo episodio termina in modo molto simile a quello di un film, con un montaggio e una musica emotiva, anche se a questo punto è difficile capire perché il gruppo di amici a volte iperdrammatici di Miles costituisca il suo “Grande forse”. Ma considerando che non ha mai avuto amici prima, forse ha un po’ più senso. E il sinistro “Before” proprio prima del lancio dei crediti assicura che continuerai a guardare questa limited series. Benvenuti al Culver Creek Preparatory High School. Voi cosa ne pensate?


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page