fbpx
Crea sito

Prodigal Son 2 x 02 “Speak of the Devil” Recensione

Reading Time: 4 minutes
RECENSIONE PUNTATA PRECEDENTE PRODIGAL SON

Questo è il nostro punteggio 2

Classificazione: 2 su 5.

Commento personale alla puntata

L’anno scorso, Prodigal Son ha realizzato un gioco eccentrico, esagerato e divertente che ha mescolato alcuni casi oscuri e intriganti con una complicata relazione padre/figlio. Con il mistero che circonda il passato di Malcolm usato per spingere lo spettacolo in avanti, c’è sempre stato un elemento di intrigo per farti tornare per ulteriori informazioni.

Avanti veloce alla seconda stagione e tutto è cambiato in peggio. Senti, so che non è facile con un certo virus fuori, ma ci sono esempi di spettacoli che eccellono – per lo più fuori da Hollywood e nei paesi asiatici – nel bel mezzo di quello che sta succedendo.

La scrittura qui è piuttosto scarsa a tutto tondo, con due casi stereotipati di fila che ora prendono spunto dai film mainstream popolari. Questa volta è L’Esorcista.

Il problema più grande, però, viene dalle questioni sociali gettate dentro un po’ a caso. Senza riferimenti alla pandemia di questa settimana, invece otteniamo un’intera sotto trama sottosviluppata per JT per occuparsi di un poliziotto razzista. Invece di mostrarlo come un detective fiducioso, intelligente e brillante che sappiamo essere, JT è invece ridotto a un’ombra spaventata e indifferente dell’uomo che era nella prima stagione.

A peggiorare le cose, Dani è stata usata come dispositivo di commento piuttosto che come personaggio poliedrico, con il monologo della scorsa settimana sul mondo seguito da una generalizzazione ancora peggiore e ampia su come i poliziotti in ogni paese sono razzisti. Indipendentemente da quanto siano brutte le cose, ci sono ancora buoni agenti di polizia là fuori e questo spettacolo non si sta facendo alcun favore con ampie generalizzazioni come questa.

Per me puzza di intromissione in studio e immagino che i superiori della Fox siano probabilmente riusciti a infiltrarsi nella stanza dello scrittore e massacrare le sceneggiature per aggiungere questi segmenti. Anche se apprezzo che questi siano argomenti importanti, c’è un diritto e modo sbagliato di farlo e questo è decisamente dalla parte del sbagliato.

prodigal son 2x02 speak of the devil recensione

Ma ecco cos’è successo nel secondo episodio di Prodigal SOn

L’episodio 2 della seconda stagione di Prodigal Son inizia con Martin in terapia, discutendo di come i suoi figli siano in un buon posto ora. Malcolm, nel frattempo, è turbato e incapace di parlare dei suoi problemi con qualcuno… a parte suo padre ovviamente. Bene, quando Malcolm telefona a Claremont, suo padre gli chiede di presentarsi e parlare.

Malcolm decide di non farlo e invece si siede con Ainsley e Jessica. L’umore vivace di Jessica fa suonare improvvisamente il campanello d’allarme di Malcolm, credendo che sia perché esce con Gil.

Comunque, Malcolm va in chiesa perché c’è un caso nuovo di zecca da affrontare. Un prete morto di nome Reyes viene appeso e lasciato a testa in giù. Suor Agnes è stata colei che ha trovato il corpo e racconta cosa è successo. Stavano restaurando dei quadri e mentre lei era via, il prete è stato trovato così. Agnes evita le domande, ma qualcosa di più interessante suscita l’interesse di Malcolm.

Le parole in aramaico sul terreno indicano un indizio su chi avrebbe potuto farlo: Abaddon The Destroyer – angelo dell’abisso dal Libro delle Rivelazioni. Bene, si scopre che padre Reyes era un esorcista durante il suo mandato e il suo collega non è disposto a divulgare nessuno dei documenti.

In un vicolo cieco, Malcolm si dirige con riluttanza a Claremont da Martin. Lì incontra un vecchio prete di nome Pete. Dato che il corpo di Reyes aveva 44 tagli, la natura metodica di questo porta Malcolm a uno degli ultimi pazienti di Reyes, Norman.

Norman chiaramente non è sano di mente, tenuto nella sua stanza con linee di sale sul pavimento. A Malcolm e agli altri viene detto di restare indietro mentre discutono di padre Reyes. Si scopre che ha visto il prete una settimana fa. Lo stato mentale di Norman corrisponde decisamente a quello del colpevole e confessa addirittura di aver ucciso anche padre Reyes… dopo che Malcolm si è antagonizzato con lui e ha forzato una confessione. Caso risolto, vero? Forse no.

Data la cieca rabbia di Norman, il metodo per uccidere padre Reyes è troppo metodico per Norman che sembra infuriato e fuori controllo.

A proposito, Prodigal Son torna al discorso BLM mentre Malcolm torna a casa con Dani, discutendo del male e della società. “È sempre brutto, la differenza è che le persone stanno prestando attenzione adesso. È come se le persone si rendessero conto che il mondo è razzista e la polizia prende di mira i neri”.

Sono due volte ora che il personaggio di Dani è stato caricaturato per produrre questi segmenti importanti ma senza fare nulla di concreto in realtà. Comunque, torniamo alla chiesa per ora, poiché Malcolm scopre che Jonah è il responsabile delle uccisioni. Solo che sta iniziando ad avere allucinazioni grazie alla vernice al piombo a cui è stato esposto. Si fa chiamare Abaddon e si avvicina a Malcolm.

Con Pete al telefono con Martin, Malcolm è costretto a ripetere le parole e cercare di esorcizzare i demoni che Jonah pensa siano dentro di lui. Sembra funzionare e Malcolm torna alla stazione per affrontare ancora una volta la sotto trama poliziesca razzista con JT. Non molto tempo dopo, Gil si dirige da Jessica ma lei decide di rompere le cose perché non vuole ferirlo.

Malcolm torna a Claremont e discute di Endicott e copre tutto. Dopo una breve conversazione, Malcolm decide di provare a chiuderlo fuori. Martin però prende misure drastiche e decide di cercare di scappare da Claremont. Per fare ciò, si unirà al gruppo dell’esodo di Pete.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: