The Rain Recensione Serie – Originale Netflix

Reading Time: 4 minutes

The Rain potrebbe essere la prima serie danese di Netflix, ma la sua premessa sembra un po’ familiare a chiunque guardi The Walking Dead. No, The Rain non contiene zombi. Ma entro i primi dieci minuti, diventa ovvio che sarà un altro dramma post-apocalittico su un virus che devasta l’umanità, lasciando poche persone preziose dietro a capire come aprirsi la strada verso la sopravvivenza continua.

Se ti piace questo genere di cose, attirerà subito la tua attenzione e, basandoti sui primi tre episodi messi a disposizione dei critici, molto probabilmente lo manterrà. Ma se sei del tutto affaticato dai drammi sulla scomparsa dell’umanità, potresti trovare difficile il soldato, specialmente se cerchi di ingoiare tutti e otto gli episodi in una o due sedute.

Creato dai cineasti danesi Jannik Tai Mosholt, Christian Potalivo e Esben Toft Jacobsen, The Rain non perde assolutamente il tempo di ambientare la scena o di presentarci lentamente ai suoi personaggi principali. Siamo immediatamente coinvolti in una situazione di tensione che coinvolge qualcosa di abbastanza banale: un gruppo di studenti che si prepara a sostenere un esame finale orale e fuori di testa perché quello con la presentazione, Simone, è in ritardo e si affretta a raggiungere classe in tempo. Pochi secondi dopo il suo arrivo e sembra che tutti possano espirare, il padre di Simone si fa vedere in preda al panico e la trascina via, insistendo minacciosamente che sta per piovere e non possono essere lì quando inizia.

Simone viene rapidamente spinta in una macchina con il resto della famiglia, che finisce in un bunker nascosto, da qualche parte al di fuori della Danimarca, che sembra essere di proprietà della compagnia di suo padre, Apollon. Per motivi diversi, mamma e papà vengono rapidamente rimossi dalla foto, lasciando solo Simone e Rasmus. Rimangono nel bunker per sei anni, diventando giovani adulti mentre sopravvivono con prodotti alimentari non resistenti. Tutto ciò che sappiamo, e tutto ciò che sanno, è che la pioggia che cadeva portava una specie di virus che uccide le persone. Attraverso i flashback, sappiamo anche che il loro padre ha creato il virus per curare un giovane Rasmus di qualche precedente malattia sconosciuta. Ma quello che sta succedendo fuori e se c’è qualche possibilità di ricongiungersi al mondo fuori terra è un mistero. Alla fine esplorano quel mistero, ovviamente.

The Rain, la cui tavolozza di colori è brillante e allegra come la serie Dark di Netflix, ovvero non brillante e allegra, è molto efficiente nel modo in cui disegna la trama, condividendo solo quante più informazioni di cui gli spettatori hanno bisogno per capire cosa sta succedendo di fronte a loro mentre trattenete i dettagli chiave. Ciò lo rende ideale per questa piattaforma, in cui le domande senza risposta invitano gli streamer a continuare ad abbuffarsi finché non ottengono finalmente delle risposte.

Sebbene la serie diventi sempre un pezzo d’insieme, almeno nei primi episodi, Simone funge da ancora. August interpreta questo ruolo in modo convincente, mostrando occasionalmente sprazzi di paura ma continua ad avanzare con intraprendenza e determinazione per proteggere suo fratello e confermare se uno dei loro genitori è ancora vivo. Il fatto che lei assomigli assurdamente ad un’altra giovane donna coraggiosa ma in conflitto che al momento sta avendo un momento in televisione – che sarebbe Holly Taylor, che interpreta Paige Jennings negli Americani – rafforza solo la sensazione che Simone abbia riserve di forza.

Vari momenti durante i primi tre episodi richiamano alla mente scene di altri film e spettacoli recenti a tema simile, tra cui non solo il franchise di Walking Dead, ma film come Annihilation e 10 Cloverfield Lane. Questo è il mio più grande problema con The Rain, almeno sulla base della prima metà di questa stagione: c’è stata una sensazione che mi ha reso difficile continuare a guardare.

Naturalmente, il tuo chilometraggio può variare su questo punto. La popolarità del prezzo post-apocalittico negli ultimi dieci anni suggerisce che molte persone potrebbero diventare immediatamente dipendenti da The Rain , e posso capire perché. È uno spettacolo ben fatto se sei dell’umore giusto per abbandonarti al suo universo. Avendo appena letto molto ultimamente sulla killer lattuga romana , e sul fatto che Bill Gates crede che gli Stati Uniti siano completamente impreparati a una vera e propria pandemia che potrebbe spazzare via 33 milioni di persone, forse non ero dell’umore giusto. Ma non posso necessariamente biasimarlo su The Rain.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV , Serie Tv News e Noi siamo Fanvergent

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page