The Resident e il salto temporale: qualche notizia in più

The Resident e il salto temporale: qualche notizia in più
Reading Time: 4 minutes

Articolo preso e tradotto da tvline.com

Ah, ragazzi, crescono così in fretta, no? Soprattutto quando c’è un salto temporale improvviso di diversi anni.

the resident salto temporale

L’episodio di The Resident a tema Halloween di martedì si è concluso con lo show che ha compiuto un significativo balzo in avanti – per essere precisi, “tre anni e cambiamento”, come conferma a TVLine il co-showrunner Peter Elkoff. Quando Conrad ha aperto la porta della camera da letto di Gigi alla fine della puntata, si è invece aperta per rivelare Gigi da bambina, vestita da astronauta per Halloween e che si preparava a fare dolcetto o scherzetto con suo padre.

Il dolce momento di Conrad con Toddler Gigi è stato l’unico assaggio del salto temporale che abbiamo avuto prima della conclusione dell’episodio, lasciando domande sullo stato attuale degli altri protagonisti del Chastain. Di seguito, Elkoff anticipa alcuni dei cambiamenti personali e professionali che verranno rivelati nei prossimi episodi e fa luce su come il salto temporale si sia concretizzato. 

Scorri verso il basso per vedere la nuova key art dello show dopo il salto temporale, quindi continua a leggere per le intuizioni di Elkoff.

the resident salto temporale

TVLINE Quando abbiamo parlato dopo l’episodio 3, hai alluso alla difficoltà di decidere quando superare la morte di Nic. Spiegami come hai deciso di fare questo salto temporale.
Il personaggio di Conrad – qualsiasi uomo che perde l’amore della sua vita e la madre del suo bambino di nove mesi – è una lunga guarigione. Quel tipo di dolore non è una guarigione istantanea. Non te lo dimentichi. Sentivamo di doverlo fare, in un vero momento emotivo, sarebbe stato buio. Non volevamo che Conrad fosse addolorato per un’intera stagione televisiva, capisci? Abbiamo fatto due episodi su come Conrad ha affrontato quelle prime fasi del dolore e abbiamo deciso, lasciamolo passare. Mettiamolo in un posto in cui lei sia ancora nei cuori e nelle menti di tutti, ma che sia in grado di essere una persona completa e felice nel perseguire la sua vita e crescere sua figlia e capire cosa conta.

TVLINE A tal fine, c’è stato qualche dibattito su quanto tempo per fare il salto temporale? Altre opzioni ti sono sembrate un salto troppo grande?
Sai, molto ha a che fare anche con l’aspetto delle persone. Non puoi saltare sei o sette anni e non cambiare l’aspetto delle persone, perché le persone invecchiano. E anche allora bisogna catturare il pubblico e restare ancorati alla storia. Tre anni sembravano, OK, tutti possono sembrare più o meno uguali, pettinature leggermente diverse, peli del viso diversi, forse. Ma nessuno sembrerà drasticamente diverso, ed è anche un periodo di tempo di cui possiamo parlare, di sfuggita, in termini di dove sono stati per quei tre anni e cosa è successo. I cambiamenti non devono essere  così enormi che il pubblico sarebbe solo come, “Cosa?!”

TVLINE Hai intenzione di incorporare dei flashback di quei tre anni nel mezzo?
Non siamo atterrati su questo. Ad essere onesti, non abbiamo ancora capito se ci sono storie che devono essere raccontate in flashback, o se continueremo ad andare avanti. Ma ci riferiamo [a quel tempo perso] nelle conversazioni che le persone hanno. Sai, “Hey, è necessario avete fatto questo , perché guardare ora.” So che è una cosa terribilmente blanda da dire, ma ci sono alcuni personaggi che hanno una relazione diversa quando arriviamo a un paio di episodi oltre il salto temporale, e ti stai chiedendo: “Aspetta, come sono cambiati quei sentimenti?” E noi diciamo: “Oh, eri in terapia”. Ride] Impari piccole curiosità su ciò che le persone fanno, ma abbiamo cercato di farlo in modo organico e nel modo in cui le persone parlavano effettivamente delle cose.

TVLINE Quali sfide hai incontrato durante la scrittura del salto temporale, in termini di quanto cambiare? Presumibilmente non stavi cercando di rompere ogni coppia o cambiare  il lavoro di tutti in ospedale.
Vuoi cambiarlo in modo che il pubblico senta che è eccitante. È il quinto anno di uno spettacolo, ed è sempre bello scuotere le cose per quattro, cinque, sei anni in uno spettacolo con un pubblico molto fedele e dare loro qualcosa di nuovo, ma  non così tanto che li butti giù dal treno e loro dicono “Whoa! Non lo riconosco. Raptor è un giocatore di baseball professionista? Che cosa?” Questa era esattamente la sfida. Nell’episodio 5 ci sono davvero poche informazioni sui cambiamenti. È solo in quel piccolo finale, che è fantastico, ma non ti dice nulla. I cambiamenti arrivano nell’episodio 6 e volevamo fare quel piccolo pezzo alla fine dell’episodio 5 per dare alla gente un senso di “Oh, amico, non vedo l’ora di vedere cosa succederà tra tre anni”.

Ci sono alcune nuove relazioni che si stanno riscaldando. Kit e Bell, come probabilmente avrai capito, sono una coppia, che penso sia qualcosa che il pubblico apprezzerà davvero. Tutti li amano così tanto insieme, anche solo come amici. I ruoli sono cambiati in ospedale. Uno dei nostri personaggi più grandi non sta facendo quello che aveva fatto in precedenza. Ci sono alcuni grandi cambiamenti che sono inaspettati. Quando arriviamo all’episodio 6, compare un nuovo personaggio che penso sorprenderà il pubblico in modo eccellente. Anche nell’episodio 7 abbiamo un nuovo personaggio in arrivo che metterà a soqquadro l’ospedale in modo eccellente. Abbiamo cercato di attenerci davvero a quella linea sottile di dare ai nostri personaggi nuovi elementi alle loro vite, pur mantenendo la loro identità.

TVLINE Da quale dei nuovi sviluppi pensi che gli spettatori rimarranno particolarmente sorpresi?
Penso che le persone saranno molto sorprese, quando guarderanno l’episodio 6, nell’apprendere… [ pausa ] E non voglio dirvi di quale personaggio si tratta, ma c’è un personaggio le cui circostanze sorprenderanno sicuramente il pubblico. 

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page