Serie TV Battle: The Exorcist VS The Haunting of Hill House

Reading Time: 5 minutes

Oggi essendo la notte di Halloween non poteva mancare la serie TV battle tra due serie horror che sono più che ideali da guardare in questa notte da paura. Stiamo parlando di The Exorcist che è stata cancellata questa primavera solo due stagioni e la nuova serie Netflix di cui trovate le nostre recensioni settimanalmente e stiamo parlando di The Haunting of Hill House. Ma bando alle ciance e vediamo perché una è migliore dell’altra!!

serie-tv-battle-the-exorcist-vs-the-haunting-of-hill-house

MOTIVI PER CUI THE EXORCIST E’ MIGLIORE DI THE HAUNTING OF HILL HOUSE

1. Non è un reboot
Negli ultimi anni, abbiamo visto molte reti immergersi nei contenitori della storia per estrarre ciò che possono da spettacoli e film popolari passati. Nel bene e nel male, ora abbiamo MacGyver e Lethal Weapon , Frequency e The Rocky Horror Picture Show , e almeno alcuni reboot che stanno continuando a fare bene, come Hawaii Five-0.

Per fortuna, scrittori e produttori hanno deciso che il riavvio di The Exorcist non era nell’interesse di nessuno, soprattutto in considerazione del formato televisivo. Invece, questa è una continuazione della mitologia e del mondo a cui il film originale ci ha presentato. La storia originale viene abilmente referenziata tramite una ricerca su Internet sull’esorcismo condotta da padre Tomas. Questa storia moderna ha luogo 40 anni dopo gli eventi che hanno tormentato la famiglia MacNeil, solo che questa volta sembra che i demoni abbiano in mente grandi ambizioni.

2. Casting Eccellente

Mentre le attrici che interpretano le figlie (Hannah Kasulka e Brianne Howey) potrebbero non essere ancora nomi familiari, il duo di talento si regge su un elenco di costar esperti. In cima al cast c’è Geena Davis, un’attrice ben nota per decenni di ruoli cinematografici, oltre a scrivere e produrre. Dà una prestazione raffinata di una donna in carriera che cerca di bilanciare i ruoli di manager, moglie, custode e madre.

A interpretare suo marito è un attore forse più noto per le sue performance comiche, Alan Ruck. Qui interpreta impeccabilmente la parte di un padre sommerso che sembra aver ceduto all’Alzheimer ad esordio precoce. Non ricorda molto e ha difficoltà a rimanere nel momento durante le conversazioni. È affascinante ed educato nei suoi momenti di lucidità, ma straziante, confuso e scoraggiato, un uomo che capisce la sua situazione a un livello più profondo e sa di non poter fare nulla al riguardo. Ma mentre questi due sono straordinari nei loro ruoli, i due che reggono davvero lo spettacolo sono Alfonso Herrera (padre Tomas) e Ben Daniels (padre Marcus).

serie-tv-battle-the-exorcist-vs-the-haunting-of-hill-house

3. Padre Tomas
Interpretato da Alfonso Herrera, padre Tomas è una stella nascente del clero. È un uomo molto radicato nel presente, credendo che i demoni e simili siano fittizi e nient’altro che una metafora dell’oscurità che può essere trovata in tutti noi. È con una certa riluttanza che ascolta Geena Davis mentre rivela la sua convinzione che qualcosa di minaccioso risiede in casa sua. La maggior parte del pubblico occidentale potrebbe non avere familiarità con Herrera, che ha lasciato il segno come membro del gruppo pop latino RBD. Dal momento della scissione del gruppo nel 2008, si è fatto un nome come attore messicano. Ha realizzato quasi una dozzina di film ed è apparso in innumerevoli serie TV, tra cui Sense8.

4. Padre Marcus
Questo ci porta a padre Marcus, l’altro pilastro che sostiene lo spettacolo. In contrasto con padre Tomas, Marcus conosce molto bene la realtà dei demoni e degli esorcismi e, nel bene o nel male, è considerata l’autorità preponderante in materia. Si presenta come un uomo che interroga il suo ruolo nel piano di Dio, eppure ha una fede così radicata che indossa sempre il cappello e si mette in viaggio quando viene chiamato. È un uomo combattuto tra i fallimenti del passato e il dovere di riprovare. Nonostante la sua conoscenza, si ha la sensazione che si sia appena aggrappato alla lotta contro il male. Marcus è interpretato da Ben Daniels, un attore inglese con un vasto repertorio che spazia dal palcoscenico a Broadway, alla televisione e al cinema.

MOTIVI PER CUI THE HAUNTING OF HILL HOUSE E’ MIGLIORE DI THE EXORCIST

1. Questo spettacolo è davvero spaventoso
Non sto parlando delle tipiche scariche di salto che sembrano quasi inutili e in sostanza diventano prevedibili, dato che puoi quasi fare il conto alla rovescia per il momento successivo che ti farà morire di paura. Gli spaventi di questo spettacolo non sono forzati e si collegano senza interruzioni con il resto della trama, il che li rende molto più terrificanti secondo me. Potresti avere incubi su “The Bent-Neck Lady” come me, ma lo spettacolo continuerà a darti momenti degni fino alla fine. Mi sono ritrovata a dover guardare lo spettacolo con tutte le luci accese, anche durante il giorno. È davvero spaventoso e anche se non ti spaventi facilmente, apprezzerai il modo in cui questi momenti terrificanti emergeranno.

2. E’ qualcosa di diverso
Mentre alcuni fan del libro si sono preoccupati che la serie stesse seguendo una trama diversa, questo funziona a vantaggio della serie stessa. Ci permette di essere dentro un mistero del tutto unico nel territorio familiare e si estende ulteriormente per formare una propria identità, separata dal romanzo e dai film. Se stai cercando un altro remake dei film, questo non è lo spettacolo per te, ma ti incoraggio comunque a provarlo perché vale la pena guardare.

serie-tv-battle-the-exorcist-vs-the-haunting-of-hill-house

3. Il cast

Inizialmente sono stato sopraffatta dalle grandi dimensioni della famiglia Crain. Incontriamo Hugh e Olivia Crain, interpretati da Timothy Hutton e Carla Gugino, e i loro figli: Steven, Shirley, Theo, Luke e Nell. Lo spettacolo torna tra passato e presente abbastanza spesso e tutti nel cast erano assolutamente fantastici. La serie permette di creare straordinarie esibizioni a Carla Gugino, Kate Siegel (più vecchia Theo) ed Elizabeth Reaser (più vecchia Shirley), ma veramente tutti erano fantastici. Sembra quasi che tutti fossero della famiglia e quasi ti ritrovi connesso tra di loro mentre le puntate avanzano.

4. Il dramma familiare funziona

Parte di ciò che mi ha fatto piacere di questa serie è stato il fatto di essere completamente connessa ai personaggi. Non ero disposta a separarmi da nessun personaggio e mi sono ritrovata a fare il tifo per loro più di quanto farei normalmente guardando un film dell’orrore. Lo spettacolo fa un ottimo lavoro nel combinare i momenti terrificanti e inspiegabili con l’orrore di cui ci occupiamo nella vita di tutti i giorni.

Sto parlando di crimini inenarrabili che sono commessi, dolore che dobbiamo sopportare, dipendenza e senso di colpa che ci divorerà dall’interno se lo permettiamo. Lo spettacolo mescola perfettamente gli orrori soprannaturali con questi molto reali, connettendoci molto di più ai personaggi e alla storia. Mentre inizialmente pensavo che forse la serie avrebbe potuto essere più adatto come film, mi sono subito reso conto che non era così. Si perderebbe la connessione con questi personaggi e il mistero si dipana in perfetto tempo, portando ad un soddisfacente crescendo alla fine.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page