I Migliori Sci – fy Fantasy e Dystopian Drama della decade 2010 – 2019

Reading Time: 5 minutes

Ci stiamo avvicinando verso la fine di questo decennio e noi di ShowAddicted abbiamo pensato di dedicare fino alla fine dell’anno una volta settimana un articolo dedicato alle serie che si sono susseguite in questo decennio!!

Questa settimana è il turno delle migliori serie TV sci – fy, fantasy e dystopian del decennio!!

SPOILER ALERT

SE NON AVETE VISTO QUALCUNA DELLE SERIE SOTTO ELENCATE NON PROSEGUITE NELLA LETTURA. MA SE SIETE CURIOSI DI SAPERE QUALE SERIE ABBIAMO SCELTO PROSEGUITE SENZA NESSUN INDUGIO E PERICOLO! PS L’ELENCO PROPOSTO NON È MESSO IN UN ORDINE PRECISO, SONO SOLO I MIGLIORI DI TUTTE LE SERIE USCITE NEL DECENNIO!!


Sense8 (2015 – 2018)

Non c’era una serie TV più grande al mondo di Sense8. Questa serie fantascientifica al trotto e sfarzosa, creata da Lana e Lilly Wachowski (condirettori della trilogia di The Matrix ) e dall’ex showrunner di Babylon 5 J. Michael Straczynski, ci trasporta in un mondo in cui otto sconosciuti in diverse parti del pianeta sono in qualche modo collegati psichicamente ed emotivamente. Strambo e esagerato come Sense8 spesso può sembrare, la serie rimane importante in quanto affronta questioni di sessualità e identità di genere attraverso il lavoro dell’attrice trans Jamie Clayton e degli attori Miguel Silvestre e la rappresentazione di Alfonso Herrera di una coppia gay a Città del Messico.  Se ancora non l’avete vista recuperatela subito!!

The Handmaid’s Tale (2017 – oggi)

The Handmaid’s Tale può inevitabilmente essere vista come la serie che ha catturato meglio l’umore di una nazione instabile. Benedetto e gravato da una terribile rilevanza, l’adattamento di Hulu del romanzo distopico classico di Margaret Atwood ha debuttato nel 2017 come una forza da non sottovalutare, alimentato dalle esibizioni magnifiche di Elisabeth Moss e Yvonne Strahovski. Ora alla sua quarta stagione, la serie non è priva di difetti, spesso alle prese con problemi di rappresentazione e talvolta si avvicina pericolosamente al passaggio al porno della miseria. Tuttavia, lo spettacolo rimane vitale perché il messaggio sottostante è più importante ogni giorno che passa.

The 100 (2014 – oggi)

Questo dramma di fantascienza post-apocalittico è ambientato 97 anni dopo che una guerra nucleare ha spazzato via quasi tutta la vita sulla Terra. I sopravvissuti vivono in una stazione spaziale in orbita attorno alla Terra, sperando un giorno di tornare a casa. Man mano che le risorse sulla nave scarseggiano e i livelli di ossigeno entrano in condizioni critiche, la leadership decide di inviare 100 prigionieri minorenni sulla Terra per vedere se la terra è abitabile. La serie drammatica segue questi adolescenti mentre scoprono ciò che è rimasto della madre terra. Se sei un amante del brivido, The 100 ti terrà incollato fin dal primo episodio. 

Stranger Things (2016 – oggi)

Non può esserci un elenco completo se in esso dovesse mancare una delle migliori serie TV fantasy. Questa serie sembra proprio legata al suo genere fantasy, ma è molto radicato nella scienza. Dopo tre stagioni, la serie sta ancora andando forte. La mitologia diventa sempre più interessante e l’ultima stagione ha davvero allargato il mondo che abbiamo conosciuto fino ad adesso, inserendo anche un nuovo cattivo con i Russi. Non vedo l’ora di vedere cosa succederà dopo.

The Society  (2019 – oggi)

The Society unisce l’ansia politica sociale ai giorni nostri presentandoci a un gruppo di studenti delle scuole superiori che improvvisamente e inspiegabilmente si trovano senza genitori, fratelli o chiunque altro che popola la loro piccola città. Quando un autobus pieno di ragazzi viene portato in un rifugio nel bosco per essere riportato a casa poche ore dopo a causa del maltempo, il carico dell’autobus scopre presto che nessuno verrà a prenderli. Tutti tranne loro sembrano essere stati cancellati dal mondo e la loro città è stata ordinatamente tagliata fuori dalla società esterna. Sta a un gruppo di studenti delle scuole superiori formare uno pseudo-governo, assicurarsi che nessuno inizi a uccidere qualcun altro e, si spera, capire cosa diavolo sta succedendo.

Orphan Black (2013 – 2017)

Se ti piacciono la complessità fantascientifica e la recitazione impressionante allora Orphan Black fa per te. Tatiana Maslany interpreta diversi personaggi, iniziando con Sarah, che ci fa strada in tutta questa saga di cloni, ma interpreta anche una mamma, uno scienziato sportivo, un mistico religioso russo, un detective e molto altro. La sfumatura e la specificità delle esibizioni è sorprendente. E mentre lo spettacolo ha al centro la fantascienza, qui c’è un grande fascino anche per coloro che altrimenti eviterebbero il genere. Orphan Black è un thriller psicologico e complottista, ma anche una serie TV ricca di dramma orientato al personaggio. Anche senza lo sfondo di questa oscura organizzazione scientifica, ogni personaggio qui è una persona interessante, con profondità e personalità sufficienti per sostenere il proprio spettacolo.

iZombie (2015 – 2019)

iZombie è uno di quegli spettacoli che mi hanno sorpreso. Sembrava una premessa interessante quando è andato in onda per la prima volta, ma avrebbe potuto andare in entrambi i modi: super sdolcinato o super oscuro. Per fortuna, Rob Thomas e The CW hanno trovato il modo di percorrere una linea attenta tra le due. A volte assolutamente esilarante e particolarmente avvincente, iZombie è un dramma zombi come nessun altro. Ti farà divertire mentre ti poni ancora quelle domande morali che amiamo dalle nostre storie di fantascienza.

Outlander (2014 – oggi)

Ci stiamo prendendo una pausa da alcune serie fantasy abbastanza moderne per portarti una storia storica d’amore attraverso i secoli. Se non hai mai sentito parlare di Outlander , probabilmente hai vissuto in un’altra terra dove essa non esistesse. Se desideri qualcosa per sostituire Game of Thrones ma non ti dispiace se non ci sono draghi, Outlander è una buona scelta. I soli costumi lo rendono degno di nota.

Chilling Adventures of Sabrina (2018 – oggi)

L’adattamento di Netflix dell’omonimo fumetto di Roberto Aguirre-Sacasa , interpretato da  Kiernan Shipka nel ruolo dell’adolescente protagonista. La storia aggiornata è molto lontana dai tempi di Sabrina the Teenage Witch , eppure comprende molti degli stessi temi dei fumetti originali di Archie e di altre iterazioni. È solo che questa volta, la storia è racchiusa in un pacchetto lunatico, oscuro, divertente ed elegante. E’ una delle serie insieme a Stranger Things che attira moltissimi fan e che la guardi tutta in un solo giorno per scoprire cosa succede ai tuoi protagonisti preferiti.

Black Mirror (2011 – oggi)

La adori o la odi , Black Mirror è una delle serie più popolari e di successo in televisione in questo momento. Un moderno successore di The Twilight Zone, anche se con una svolta tecnologica, la creazione britannico-americana di Charlie Brooker affronta e fa nuove critiche orribili di alcuni comportamenti del mondo reale che, con un po’ di fantascienza fiorente, potrebbe diventare una realtà da incubo in pochi anni o decenni.

Ed eccole qui secondo noi le migliori serie sci – fy, fantasy e dystopian drama di questa decade che sta giungendo al termine!! Siete d’accordo con noi o avreste aggiunto qualcosa o tolto qualcosa? Fatecelo sapere lasciandoci un commento!!


Aiutaci cliccando su “MI PIACE” che trovi qui sopra, é un modo per ringraziarci.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page