fbpx
Crea sito

Fate: The Winx Saga – Recensione 1×01 All’acqua e nella landa

Reading Time: 5 minutes

SE TU LO VUOI TU LO SARAI, UNA DI NOI! WINX, LA TUA MANO NELLA MIA… Ehm, ok forse ci siamo calati un po’ troppo nell’hype di questo nuovo titolo Netflix. Stavamo aspettando Fate – The Winx Saga da un bel po’ e finalmente eccolo arrivato, con tutte le sue controversie e lamentele solite degli adattamenti di cartoni animati di successo. Ma vediamo adesso cosa succede in questo pilot e cosa ne pensiamo invece noi al riguardo!

Questo è il nostro punteggio: 3,5/5

Classificazione: 3.5 su 5.

Trama & Commento Personale

L’episodio si apre già con un mistero: un uomo attraversa una barriera e dopo un po’ viene sbranato da una misteriosa figura quasi demoniaca. Alla scuola di Alfea arriva Dorcas direttamente da Greendale! Ovviamente scherziamo, ma ecco arrivare la protagonista della serie, Bloom, nella scuola delle fate. Nelle scene in cui vediamo Bloom muoversi per la scuola vediamo tutte le protagoniste della serie che, in parte, assomigliano a quelle del cartone originale: Aisha, Terra, Musa e Stella, una più antipatica dell’altra tranne forse per Terra che sembra la più gentile fra le altre. Facendo proprio riferimento a Chilling Adventures of Sabrina, Terra ci ricorda un po’ zia Hilda. Ma ovviamente è presto per inquadrarle, dobbiamo ancora conoscerle meglio per capire di che pasta sono fatte, e in questo episodio già qualcosa sembra trapelare, ma ci arriviamo fra poco. Bloom incontra Sky, un ragazzo membro della scuola molto gentile e carino, che la indirizza nel campus, e successivamente Stella, la classica reginetta della scuola (passateci il termine, un po’ stronzetta).

Arrivata al dormitorio Bloom fa amicizia con tutte le ragazze protagoniste della serie, in particolare modo con Aisha, mentre Terra fa amicizia con Musa, anche se fra le due inizialmente c’è un po’ di astio. Scopriamo da subito il passato di Bloom: è figlia di due umani, quindi nessun dei due ha origini magiche, e la preside della scuola delle fate quando l’ha trovata le ha spiegato di provenire da una stirpe dormiente. Successivamente Bloom racconta il suo rapporto con i suoi genitori, una storia davvero sconvolgente e forte: a parte che la fata non ha raccontato la verità ai suoi genitori, e ha detto loro di stare in un collegio in Svizzera, Bloom è sempre stata una ragazza introversa e in contrasto con i suoi genitori. Dato che i poteri delle fate sono basati sulle emozioni, il suo potere, il fuoco, è quasi costato la vita ai suoi genitori per via di uno scatto d’ira che ha dato vita a una scia di fuoco che ha bruciato la casa. Sua madre, per colpa sua, porta delle brutte ustioni sulle braccia. Purtroppo i colpi di scena in questo episodio non finiscono qui: Aisha pensa sia strano che una fata così potente (nella scena precedente Bloom perde il controllo dei suoi poteri e quasi dà fuoco a una foresta, ma Aisha riesce a spegnere il fuoco con un’ondata d’acqua) sia discendente di una stirpe dormiente. Per questo pensa che sia una Changeling: ovvero una bambina fata messa al posto di una bambina mortale. Una sorta di abominio per il mondo delle fate. Prima di passare al finale dell’episodio, concentriamoci un attimo sulle vicende delle altre protagoniste.

Prima di tutto, la preside della scuola sembra nascondere davvero molti segreti pericolosi, riguardanti i mostri che si trovano al di là della barriera magica: i Bruciati, dei mostri che uccidono brutalmente le loro vittime, infettandoli e rendendoli come loro. Al suo studio arriva una strana ragazza di nome Beatrix, che sembra avere anche lei molte cose da nascondere. Insomma, non è passato neanche mezz’ora d’episodio e ci sono già tantissimi misteri da risolvere, una trama molto concentrata forse per via della brevità della serie (solo 6 episodi). Comunque, centrale in questo episodio è il tema body-shaming: Aisha si lascia sfuggire un brutto commento sul peso di Terra, e per di più la ragazza viene presa in giro da Riven, il migliore amico di Sky. E’ proprio qui che vediamo il lato migliore di Terra, i suoi attributi: con i suoi poteri quasi strozza con delle radici Riven, che in quel momento stava anche bullizzando Dane, un ragazzo del primo anno proprio come Terra. Fanno così amicizia Terra e Dane, ma non facciamo neanche in tempo a far nascere una ship che scopriamo subito che il giovane ragazzo è attratto proprio da Riven.

Stella invece minaccia Sky (il suo ex ragazzo) di far del male a Bloom se tornerà a parlare con lei, cosa già successa con altre ragazze. E infatti, venendo a sapere del passato di Bloom, la fata biondina le presta un anello che le da la possibilità di andare in America dai suoi genitori, passando per un magazzino che fa da tramite tra Alfea la California. Mentre Bloom è fuori casa a telefono con i suoi genitori, con l’intento di dire loro la sua vera natura, pur non riuscendoci, le Fate scoprono del tranello di Stella e le stanno tutte contro, tant’è che la reginetta di Alfea torna dal suo ex a chiedere asilo. Tra l’altro, anche su Stella gira intorno un mistero: a quanto pare lei ha molto più di 16 anni, e per qualche strano motivo però si trova al primo anno della scuola di magia. Domandina: ma con tutti questi misteri già al primo episodio fino alla sesta puntata riusciremo ad avere tutte le risposte oppure facciamo l’odioso finale col cliffhanger e dobbiamo aspettare un anno? Vabbè, tornando al finale dell’episodio, quando Bloom tenta di ritornare alla scuola, viene attaccata da un Bruciato. Dopo una scena adrenalinica che ci ha lasciati col fiato sospeso, Bloom riesce a scappare ma perde l’anello di Stella, e viene aiutata dalla preside della scuola che, come vediamo nel finale, incatena il Bruciato e lo tiene in ostaggio, perché la preside vuole entrare nella sua mente e capire le sue origini. L’ultimo Bruciato visto è stato sedici anni prima, all’ultimo Changeling, quindi probabilmente la nascita di Bloom.

Considerazioni Finali

Conoscendo Netflix sapevamo che in un modo o in un altro avrebbe scombinato vari elementi del cartone originale, ma ci siamo voluti affidare dato che bene o male il servizio streaming riesce (quasi) sempre a tirare su bei prodotti. Diciamo che questa rivisitazione delle Winx in chiave moderna (almeno fino a questo primo episodio) ci è piaciuta ma non troppo, non tanto perché hanno modificato molte cose della trama originale, ma perché vediamo di nuovo le solite trame che Netflix inserisce in tutti i suoi prodotti: sempre i ragazzi schiavizzati dai social, il ragazzo più carino che stava con la ragazza più carina e ora sta per iniziare una storia d’amore con la nuova arrivata, insomma, niente di innovativo su questo versante. La trama fantasy che prende piede man mano in questo episodio è però estremamente avvincente, ci sono già stati tanti colpi di scena e alcune rivelazioni, con molti altri misteri da scoprire. Tutto questo tiene di certo alto l’interesse dello spettatore. L’unica cosa che non ci stancheremo mai di guardare sono i temi affrontati più volte nelle varie serie tv del servizio streaming, e anche qui: Terra è una forza della natura, ha trasmesso davvero un messaggio molto importante, di forza, e siamo sicuri che il body shaming continuerà ad essere trattato e abbattuto negli episodi successivi.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Anto

La mia iniziazione nel mondo delle serie tv l'ho avuta a quattro anni quando la televisione era ancora in 4:3 e trasmettevano settimanalmente gli episodi di Streghe. Grazie alle serie tv e ai libri ho capito davvero cosa significhi sognare per davvero!

You cannot copy content of this page
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: