XII° Emendamento Recensione/Riflessione

Reading Time: 3 minutes

In onore del #Juneteenth, che commemora la liberazione degli ultimi afroamericani schiavizzati il 19 giugno 1865, noi di ShowAddicted vogliamo proporvi la recensione/riflessione del documentario 13° Emendamento, che trovate su Netflix.

XII° emendamento recensione riflessione

Iniziamo questa recensione/riflessione con le parole del 13° Emendamento

“Né la schiavitù né la servitù involontaria, ad  eccezione di una punizione per il crimine di cui la parte deve essere stata debitamente condannata , devono esistere negli Stati Uniti o in qualsiasi luogo soggetto alla loro giurisdizione.” –Tredicesimo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti

Ed ecco la nostra recensione/rilfessione

E se pensi di sapere tutto sul 13° emendamento, che ha abolito la schiavitù – o sul sistema di giustizia penale – ci sarà qualcosa nel succinto e appassionato documentario 13th di Ava DuVernay che ti lascerà a bocca aperta.

Sebbene l’emendamento garantisca la libertà per tutti i cittadini “tranne che come punizione per il crimine di cui la parte deve essere stata debitamente condannata”, il suo significato è stato volutamente distorto: incarcerazione di massa, leggi irragionevoli sulle droghe e brutalità della polizia sono diventati mezzi simili a Jim Crow per controllare le vite delle persone di colore. 

Le probabilità che un uomo bianco andrà in prigione ad un certo punto della sua vita sono 1 su 17. Per gli uomini neri, quella statistica è 1 su 3, secondo il film. DuVernay ha riunito un gruppo persuasivo di esperti, tra cui Angela Davis e Henry Louis Gates Jr., per espandere e illuminare i fatti angoscianti.

C’è una rabbia comprensibile in questo film, ma DuVernay, che è meglio conosciuto come il regista di Selma, ma è cresciuta come documentarista, non gli permette mai di offuscare la chiarezza del suo messaggio. Appoggiandosi a eloquenti interviste e materiale d’archivio ben fornito, traccia una linea di demarcazione definita dall’abolizione della schiavitù, attraverso il lavoro di gruppo che lo ha sostituito, attraverso la segregazione e “la mitologia della criminalità nera”, alla guerra sulla criminalità e la guerra alla droga per l’aumento dell’incarcerazione di massa e il grande affare delle carceri. 

Le parole sono così penetranti e acute che non abbiamo quasi bisogno della colonna sonora che turbina in sottofondo. La musica sempre presente è l’unico elemento mal giudicato del documentario. Rende confusa un’immagine che è già densamente piena di idee e informazioni.

Più efficace è l’uso del testo: fatti e cifre salienti sono marcati attraverso la cornice, fissandoli nella nostra memoria. E ci sono alcune informazioni memorabili impartite. Che gli Stati Uniti abbiano meno del 5% della popolazione mondiale e quasi il 25% dei prigionieri del mondo è qualcosa che non dovrebbe essere dimenticato.

Dove potete trovarlo?

Il documentario 13° Emendamento, attualmente disponibile su Netflix, è denso di informazioni e si muove velocemente. Ma è anche una storia raccontata in immagini, e quelle che DuVernay ha scelto suonano non solo con tristezza e orrore ma anche con cauto ottimismo. Se è straziante vedere il volto di Emmett Till nella sua bara, gonfio e contaminato, c’è gioia nelle fotografie che accompagnano i titoli di coda, le immagini della vita familiare nera in America dalla fine del 19° secolo ad oggi, come dovrebbe essere e a volte è stato. 

Questo potrebbe essere il futuro dell’America, se non lo trattiamo come un sogno inafferrabile ma come una realtà realizzabile.

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page