Crea sito

Vis a Vis: Recensione – Stagione 4

Reading Time: 5 minutes

E con questa quarta stagione di Vis a Vis si mette un punto alle vicende che hanno coinvolto le detenute del carcere di Cruz del Norte, ma non definitivamente. Difatti, Vis a Vis non finisce qui: non vediamo l’ora di poter divorare anche la serie Spin-off che è stata rilasciata proprio oggi da Netflix. Vediamo come si concludono le vicende all’interno del carcere e cosa ne pensiamo a riguardo!

Questo è il nostro punteggio: 3,5/5

Classificazione: 3.5 su 5.

Trama Generale

Dopo l’evasione di Zulema e Saray, le due detenute vengono da subito intercettate. A seguito dello sparo subito alla pancia, Saray ha partorito la sua bambina che purtroppo ha riscontrato alcuni problemi, mentre Zulema viene scortata da due guardie all’interno di un aereo. Una di queste due guardie, Hierro, sarà anche una delle nuove guardie di Cruz del Norte, e terrà con Zulema un rapporto di amore e odio. Ad ogni modo, a seguito di una piccola rivolta all’interno del carcere organizzata dalle detenute nella stagione precedente, il vecchio direttore viene sostituito da Sandoval che prenderà in mano la situazione e farà pagare alle detenute ogni più piccolo sbaglio.

Zulema e Hierro

Saray è molto provata per il fatto di aver dovuto abbandonare sua figlia, soprattutto dopo le minacce di Sandoval, e vorrebbe quindi mantenere sua figlia con dei soldi che purtroppo non ha. Per questo la Riccia inizierà a spacciare droga nel carcere per aiutarla, ma questo a Sandoval non sfuggirà: a prendersi la colpa, ingiustamente, è Mercedes che viene sbranata da un branco di cani davanti a tutte le detenute. A ogni modo anche Altagarcia viene incarcerata e si allea con Zulema anche quando quest’ultima torna in carcere: vogliono evadere, ma è molto difficile con il regime dittatoriale di Sandoval.

Mentre a Sole viene diagnosticato l’Alzheimer, Riccia inizia a prendere una strada rischiosa quale è lo spaccio di droga nel carcere, e Saray e Zulema rompono definitivamente la loro amicizia arrivando alle mani, quest’ultima organizza un piano con Altagarcia per fuggire: la loro astuzia farà evadere l’ex guardia carcerata. Ma da questo momento le cose per Zulema si mettono malissimo: Sandoval sta facendo bella figura con la proprietaria di tutte le carceri Cruz e una fuggitiva evasa non gli consentirà di ottenere un’alta carica. Per questo inizia a colpire Zulema nei suoi punti deboli. Inizia a metterla contro a le sue compagne detenute, irrigidendo le punizioni a scapito di tutte, ma riesce a difendersi e ad intimorirle. Poi chiede a Saray di rivelarle il suo segreto più intimo, in cambio di visite più frequenti alla figlia, ed è così che in carcere arriva la figlia di Zulema, Fatima.

Anche a questo, Zulema resta impassibile, nonostante Fatima viene presa di mira dalle guardie e dalle detenute e viene quasi torturata. Il punto di rottura si ha quando Zulema e Altagarcia, con l’aiuto di Antonia ormai fuori dal carcere, organizzano un piano per uccidere l’ex moglie di Sandoval. A questo punto Sandoval, insieme alla titolare dei carceri Cruz, organizza uno stupro a scapito di Fatima. A quel punto Zulema confessa, Altagarcia torna in carcere insieme ad Antonia e Fatima viene uccisa davanti agli occhi di Zulema. Nel mentre, colpo di scena: Macarena si sveglia dal coma e organizza con Castillo un piano di fuga, ma solo dopo esser tornata in carcere. Tornata in carcere la biondina saluta tutte le sue amiche, anche Sole che la riconosce nonostante la malattia.

Il finale di serie mette un punto a tutte le storyline: Sandoval uccide Altagarcia, e ordina il trasferimento di Sole in una struttura più idonea alle sue esigenze, nonostante la detenuta abbia chiesto a Tere e Saray (che intanto ha fatto pace con Zulema e dato in affidamento la figlia) di ucciderla prima del trasferimento. Nasce quindi una rivolta, alimentata da Macarena e Zulema: la prima va dalla Riccia a dichiararle i propri sentimenti, ma decidendo comunque di porre fine al rapporto. La seconda prima uccide Hierro, poi si vendica di Sandoval: non lo uccide, ma lo butta in pasto alle detenute che a turno lo accoltellano fino ad ucciderlo. Tutte le amiche di Sole si riuniscono intorno a lei, e dolcemente e con onore, pongono fine alla sua vita.

C’è un salto temporale di 12 anni in cui Tere, ormai uscita dal carcere e diventata madre e assistente sociale, spiega che fine hanno fatto le detenute: Saray è libera e ha riottenuto l’affidamento della figlia; la Riccia è ancora in carcere, ma ha diritto alla semilibertà; Antonia è uscita ed è diventata cuoca. A questo punto ci chiediamo: che fine hanno fatto Zulema e Macarena? Beh, le due, ormai diventate amiche, sono uscite dal carcere e si sono affermate nel campo della criminalità. Sarà proprio questa la trama di Vis a Vis: El Oasis, e noi non vediamo l’ora di sapere cosa combineranno nel nuovo ciclo di episodi!

Commento Personale

Questa quarta stagione è stata davvero ben costruita. La trama che hanno deciso di seguire toccava davvero punti delicati: se avessero commesso un passo falso, sarebbe caduto tutto. Eppure sono riusciti a creare un ottimo intreccio, tutto ha avuto un senso e niente è stato messo lì a caso giusto per creare i soliti colpi di scena che ormai non colpiscono più. Se proprio volessimo essere pignoli, potremmo dire che un’errore (evitabile) è stato fatto in merito alla storyline di Sole: hanno tirato fuori dal nulla una patologia grave che le ha colpito il cervello, una patologia che in pochissime settimane si è aggravata in maniera anomala, quando secondo noi bastava semplicemente parlare di una problematica inerente al cuore che le è stato trapiantato. Così facendo avrebbero potuto collegarsi a punti delle trame passate e dare una certa continuità alla vicenda, senza mettere in mezzo situazioni nuove che avrebbero potuto non funzionare

La serie segue comunque le sfumature della stagione precedente che, come già detto nella recensione precedente, non ci ha colpito particolarmente. Una ventata d’aria fresca l’abbiamo avuto con il ritorno di Macarena: il suo ritorno negli ultimi due episodi ha dato un valore aggiunto a questa serie e in un certo senso vederla tornare almeno nel finale è stato come tornare alle prime due stagioni. Parlando sempre di finali, siamo più che soddisfatti del modo in cui sono state concluse le varie storyline, quasi tutti finali positivi, una chiusura dignitosa che questa serie si meritava assolutamente. Tra tutti, il finale della storyline di Saray è quello che ci ha reso più felici, meritava davvero il lieto fine. E che dire di Macarena e Zulema? Tanto girl power ci ha gasati parecchio e come già anticipato, non vediamo l’ora di assistere alle loro peripezie in Vis a Vis: El Oasis. Stay Tuned!

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Vespertine

Salve! Parla Vespertine. Si, Vespertine, proprio come l'album di Björk, il mio preferito. Quest'album è astrattezza e concretezza, il tutto e il niente, il massimo e il minimo. Insomma, Vespertine sono io.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: