The Shape of Water (La forma dell’acqua) – Recensione

Reading Time: 6 minutes

THE SHAPE OF WATER DI GUILLERMO DEL TORO FONDE ELEGANTEMENTE LA FIABA CAPRICCIOSA CON UN NUOVO TOCCO SUI CLASSICI FILM DI MOSTRI PER UN’ESPERIENZA DELIZIOSA.

The Shape of Water è l’ultimo lavoro dell’horror Guillermo del Toro, e forse il suo miglior lavoro fino ad oggi. Dopo aver diretto una serie di film horror a budget ridotto, il sequel incentrato sui vampiri Blade II e il primo film di Hellboy, il regista messicano-americano ha davvero iniziato a lasciare il segno su Hollywood con l’uscita di Pan’s  Labyrinth (Il labirinto del fauno) nel 2006. Il film ha introdotto molti al pane e al burro del regista: fantasia e romanticismo mischiati all’horror. Da allora, il regista si è spostato su una serie di progetti, dalla stravaganza del robot kaiju-battagliero di Pacific Rimal la sua interpretazione del genere Gothic Romance con Crimson Peak.. Ora, del Toro è tornato con un altro progetto unico che sicuramente catturerà l’attenzione degli spettatori.

In La forma dell’acqua, Elisa Esposito (Sally Hawkins) è una donna muta che lavora come donna delle pulizie notturne per l’Occam Aerospace Research Center all’inizio degli anni ’60 a Baltimora. La sua routine quotidiana include la visione di vecchi musical con il suo vicino e amico Giles (Richard Jenkins), un gay omosessuale che lavora da casa come artista commerciale e che lavora con la sua amica loquace Zelda Fuller (Octavia Spencer). Elisa è abbastanza felice nella sua vita, trovando gioia nei piccoli momenti, ma il suo mondo è cambiato per sempre quando la struttura acquisisce uno strano esemplare, che loro chiamano l’Asset (Doug Jones). Il colonnello Richard Strickland (Michael Shannon), il dott. Robert Hoffstetler (Michael Stuhlbarg) e i vari scienziati sono intenti a studiare l’Asset, anche se Strickland nutre un particolare disprezzo per la creatura e Hoffstetler un particolare fascino.

Elisa è affascinata dal patrimonio e tenta di fare amicizia con la creatura portandogli uova sode e insegnandogli il linguaggio dei segni, che è la sua principale forma di comunicazione. Cresce incredibilmente attaccata alla creatura e quando scopre che Strickland e il suo superiore, il generale Hoyt (Nick Searcy), hanno deciso di vivisezionare l’Asset – nonostante le proteste del dottor Hoffstetler – inizia a tracciare un modo per aiutare l’anfibio a sfuggire dalla struttura. Per farlo, arruola Zelda e Giles, ma riescono solo con il sorprendente aiuto del dottor Hoffstetler – che ha le sue motivazioni segrete per aiutarla. Una volta liberata, Elisa e la creatura si avvicinano ancora di più mentre lei si innamora di lui, per tutto il tempo pianificando su quando e come farlo tornare in mare. Con Strickland a caccia per ritrovarlo e ucciderlo e ovviamente uccidere tutti coloro che lo hanno liberato.

The Shape of Water è stato diretto da del Toro, da una sceneggiatura che ha scritto insieme a Vanessa Taylor (Divergent , Game of Thrones), anche se si basa su una storia del regista stesso. La storia in sé è una bella miscela di un classico romanzo fiabesco simile a Beauty and the Beast , ma con un uomo anfibio che rende evidente – e riverente – l’omaggio al mostro titolare in Creature from the Black Lagoon . Tuttavia,The Shape of Water fa anche buon uso della sua ambientazione negli anni ’60 a Baltimora, aggiungendo in un sottofondo al maccartismo dell’era della Guerra Fredda che fornisce un po’ di profondità al clima politico, e alcune intuizioni sulla mentalità di Strickland, che è indubbiamente il cattivo – e vero mostro – della pellicola. Complessivamente, la mescolanza di generi e trofei conferisce a The Shape of Water un sentimento ancora più surreale, con gli elementi fantastici fortemente contrastati dai sottotoni politici realistici.

Eppure, la storia di The Shape of Water è riportata alla vita da Del Toro insieme al regista cinematografico Dan Laustsen (Crimson Peak , John Wick: Chapter 2). Il tema dell’acqua in tutto e il co-protagonista sono un anfibio, senza dubbio prestano il film a immagini avvincenti, e The Shape of Water usa quante più opportunità possibili per giocare con l’acqua e la luce in modi che sono a dir poco abbaglianti . Inoltre, i set classici, ma non troppo lucidi, dello scenografo Paul D. Austerberry (Pompei) e i costumi in stile anni ’60 di Luis Sequeira (The Strain) lavorano insieme per portare una trama ricca a The Shape of Water che mette in risalto la dicotomia del film con elementi realistici e fantastici. Tuttavia, anche i team di truccatori e di effetti visivi dovrebbero essere applauditi per dare vita alla creatura del Toro con una grande dose di credibilità.

Per quanto riguarda le prestazioni, The Shape of Water è il film di Hawkins, con l’attrice che offre una rappresentazione del tutto irresistibile di una donna che si sente sola nella sua alterità – specialmente sullo sfondo di non perdonanti conformismi negli anni ’60 – ma trova speranza e amore in un’altra creatura. Sebbene Hawkins brilli indubbiamente nelle scene più serie e strazianti, è la sua esibizione dei momenti più piccoli e divertenti che sono davvero magici. Hawkins è, naturalmente, elevata dalla performance personale di Jones sull’anfibio, e la sua lunga carriera nel giocare a tutti i tipi di creature senza dubbio lo ha aiutato a prepararsi per questo ruolo. Spencer e Jenkins sono inoltre deliziose come amiche e co-cospiratori di Elisa, mentre Shannon è un cattivo davvero terrificante. Stuhlbarg, nel frattempo, fa il meglio che può con un arco piuttosto secondario.

Complessivamente, del Toro, insieme al suo cast e alla sua troupe, danno vita a un genere completamente nuovo di fiaba e mostro, che rimuove le convenzioni di entrambi i generi per creare un film completamente nuovo. Mentre ci sono alcuni trofei ed elementi introdotti che non sembrano dare i loro frutti alla fine, essi lavorano per aiutare a concretizzare i personaggi e il mondo in cui vivono. Inoltre, questi elementi danno a The Shape of Water un senso di verosimiglianza dal momento che, molto spesso, la vita reale non è una storia ordinata con un arco narrativo che si lega in un arco pulito per il momento in cui i titoli di coda scorrono – che, di nuovo , conferisce al film del Toro una qualità magica giustapponendo elementi di una storia tanto realistica con una struttura da favola classica.

Il meraviglioso realismo magico di The Shape of Water non può essere sopravvalutato e lo rende uno dei film più singolari e avvincenti dell’anno. È sicuramente perfetto per i fan di del Toro – c’è anche un po’ di orrore per coloro che hanno seguito il lavoro del regista fin dall’inizio della sua carriera. Ma, alla fine, The Shape of Water è una storia d’amore piuttosto semplice, che senza dubbio si rivolge a una vasta gamma di pubblico, data la sua mescolanza con elementi di film horror / mostri. L’ultimo di Guillermo del Toro è uno dei suoi migliori lavori fino ad oggi e con buona speranza riceverà una grande attenzione una volta che la stagione dei premi di Hollywood salirà – e, come tale, vale la pena di provarlo.

TRAILER

Consiglio / Sconsiglio

Sconsiglio sinceramente non un motivo valido per sconsigliare questo film. Probabilmente lo sconsiglio per chi non ama il genere fiabesco o lieto fine, perché in fondo questa storia riprende la storia della Bella e la Bestia e magari non a tutti piace.

Consiglio perché per chi ama il regista Guillermo Del Toro è un film degno di lui, diverso dal suo solito ma ha fatto davvero un bel lavoro. Inoltre lo consiglio perché sia l’attrice protagonista Sally Hawkins che la sua co – protagonista nonché spalla femminile Octavia Spencer hanno fatto un ottimo lavoro e soprattutto la Spencer dimostra quanto sia brava ad essere un ottima co – protagonista anche se secondaria, i miei complimenti davvero.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Serie Tv News e Tutta colpa delle serie TV

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page