The School for Good and Evil Recensione

The School for Good and Evil Recensione
Reading Time: 5 minutes
Qui il nostro articolo su The School for Good and Evil
Trama The School for Good and Evil

The School for Good and Evil, film diretto da Paul Feig, è ambientato in un istituto, dove i giovani vengono portati per essere addestrati a diventare un eroe o un cattivo delle fiabe. Sophie (Sophia Anne Caruso) è una giovane che vive a Gavaldon, dove ogni quattro anni due ragazzi che hanno raggiunto la maggiore età vengono portati in questa scuola speciale e lei aspetta da tutta la vita di andarci per allenarsi a essere un’eroina.

Quest’anno la scelta è ricaduta proprio su Sophie, una principessina amante del rosa e solare, e sulla sua amica Agatha (Sofia Wylie), una giovane sempre vestita di nero e asociale.

A primo sguardo non sembra difficile capire chi finirà nella scuola del Bene e chi del Male, ma le apparenze ingannano, perché i loro destini sono opposti a quelli che avevano sperato. Decise a non restare un secondo di più in quelle scuole, le due decidono di tornare a casa, ma scoprono che l’unico modo per farlo è attraverso una fiaba…

the school for good and evil recensione

Questo è il nostro punteggio 3.5/5

Commento personale al film

The School for Good and Evil diventa un vero successo nel raccontare le storie delle migliori amiche di una piccola città – e delle potenziali streghe – Agatha (Sofia Wylie) e Sophie (Sophia Anne Caruso). È la loro amicizia e la cura reciproca che radica il mondo a volte esagerato nel successo come una storia che sembra ancora intima e vera quando tutti i tipi di pazzia turbinano intorno a loro. 

In particolare, Wylie è il cuore pulsante del film che vende sia il candore non filtrato del disprezzo di Agatha per le motivazioni superficiali degli studenti di “Ever” sia il suo sostegno sincero per la sua amica tentata, Sophie. Anche il regista Paul Feig fa un lavoro impressionante, costruendo una storia che riesce a differenziarsi esteticamente e timbricamente da altri film e serie TV di fascia alta e incentrati sulla magia.

Ma ecco cosa ci mostra The School for Good and Evil

Nel 2013, l’autore Soman Chainani ha pubblicato il primo libro della sua serie fantasy revisionista, The School for Good and Evil. Condividendo elementi della serie Harry Potter di JK Rowling e del libro musicale di Winnie Holzman per Wicked.

The School for Good and Evil esplora le nozioni in bianco e nero di bene e male sotto il tetto di una scuola magica che insegna alla prossima generazione di Entrambi. Nelle mani molto capaci del regista/sceneggiatore Paul Feig, l’adattamento cinematografico riesce ad avere successo come un baccanale mitologico su larga scala e un racconto intimo sul potere duraturo di una profonda amicizia attraverso sfide inimmaginabili. Glorioso da guardare e più sorprendente del previsto nella sua narrazione, The School for Good and Evil è un gioco che dovrebbe avere più capitoli.

the school for good and evil recensione

Il primo libro di Chainani e il film sono entrambi la storia delle origini di due migliori amiche adolescenti del villaggio immaginario e rurale di Gavaldon. 

Sophie (Sophia Anne Caruso) dai capelli biondi è la sognatrice in stile Cenerentola che ama disegnare vestiti e desidera disperatamente qualcosa di più grande al di fuori della sua vita semplice. Agatha (Sofia Wylie) è la sua migliore amica disordinata a cui non importa cosa gli altri pensano di lei ed è relativamente contenta di passare del tempo con Sophie e di nascondersi fuori dall’attenzione dei loro cattivi vicini che li odiano entrambi. 

Ma tutto cambia quando Sophie viene a conoscenza di The School for Good and Evil, un venerabile e segreto istituto che addestra la prossima generazione di eroi e cattivi delle fiabe, e talvolta recluta degni estranei per unirsi ai loro ranghi. 

Disperata per essere uno di quei degni “lettori, Sophie esprime il desiderio di essere reclutata e il suo desiderio è esaudito. Trasportata da uno spaventoso uccello scheletrico noto come stinfa, anche Agatha viene trascinata quando cerca di salvare Sophie dalle sue grinfie. Presto, i due vengono depositati nelle scuole assegnate: Sophie nella parte “Mai” che si occupa del male e Agatha nella parte “Evers” che coltiva gli studenti più meritevoli per guadagnarsi le loro storie eroiche.

Sconvolte per essere state separate e smistate nelle scuole “sbagliate”, Sophie e Agatha devono navigare tra le personalità tossiche degli studenti che li circondano, le loro rispettive maestre antipatiche: Lady Lesso (Charlize Theron) dei Nevers e la prof.ssa Clarissa Dovey (Kerry Washington) degli Evers – e i capricci del loro volubile Schoolmaster (Laurence Fishburne). 

the school for good and evil recensione

Da lì, le due migliori amiche si collegano al downlow per capire la loro situazione. Sophie vuole entrare con gli Evers, ma Agatha vuole solo andare a casa. Tuttavia, è disposta a facilitare il percorso verso il sogno di Sophie, aiutandola a vincere il bacio del vero amore dalla stella splendente del campus e figlio di Re Artù, il principe Tedros (Jamie Flatters).

Da lì, Feig e il suo team di produzione introducono noi e le ragazze nell’ampio parco della scuola dove incontriamo un sacco di creature bizzarre come fiori di posey molto pungenti, spaventapasseri con la faccia di zucca che diventano Razziatori di notte, tatuaggi che si trasformano in infuocati draghi e cherubini raccapriccianti con frecce funzionali che fungono da guardie scolastiche. 

C’è molto da assorbire in ogni scena, quindi gli effetti visivi sono abbondanti ma in media molto ben realizzati. Nelle scene iniziali, forse c’è troppo furto visivo dall’aspetto generale e dalla silhouette di Hogwarts dei film di Harry Potter, ma man mano che l’aspetto binario delle due case si afferma esteticamente, diminuisce. Inoltre, non mancano grandi sequenze e scenari lanciati contro di noi, da prove di magia a due palle in ogni casa, così The School for Good and Evil non diventa mai noioso.

the school for good and evil recensione

In effetti, i momenti più forti del film sono quelli più piccoli tra Agatha e Sophie, così come il disadattato Evers Gregor (Ally Cubb) e Tedros, inizialmente altezzoso ma empatico. Mentre Agatha osserva il comportamento non molto carino dei suoi compagni Evers e la loro inesorabile vanità, spinge Gregor, il professor Dovey e Tedros a sfidare lo status quo superficiale. Attraverso gli occhi compassionevoli di Aggie, le norme vengono sfidate e mentre Sophie scivola nella tentazione di fare del male per realizzare i suoi sogni, lei è la coscienza infallibile del pezzo. 

Wylie è incredibilmente bravo a farcela senza essere gocciolante o sdolcinato. Non c’è dubbio sul motivo per cui i personaggi (e noi) sembriamo innamorati di lei poiché ha un tempismo comico acuto quando prende in giro l’autorità ed è del tutto sincera quando Aggie sta combattendo per l’anima di Sophie.

Entrambi ottengono un eccellente supporto da veterani come Theron, che in pratica sta facendo un riff smorzato sulla sua Ravenna dei film di The Huntsman , e una Washington super vivace che sa come bilanciare stucchevolezza e sincerità. A Cate Blanchett viene anche assegnato un ruolo di narratore intenzionale che è vitale per la storia e gioca nelle modifiche delle fiabe che funzionano bene nel complesso.

The School for Good and Evil è un terreno di gioco molto soddisfacente per Feig per mostrare le sue notevoli capacità di narrazione leggera, grafica esteticamente elegante e piacevole, narrazione basata sulle emozioni e probabilmente la sua svolta di maggior successo con gli effetti visivi. 

C’è un grande equilibrio nell’intero pezzo, ma il vero cuore è fermamente concentrato sull’amicizia tra Sophie e Agatha, che è ciò che spinge davvero questo orologio come un orologio memorabile e divertente.

Voi cosa ne pensate?

1,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page