The Queen’s Gambit Limited Series Recensione

Reading Time: 4 minutes

Questo è il nostro punteggio 4.5

Commento personale alla stagione

Come disse una volta Aristotele, “Nessuna grande mente è mai esistita senza un tocco di follia”. Questa citazione racchiude la totalità della meravigliosa nuova miniserie di Netflix, The Queen’s Gambit. Servendo una deliziosa miscela di dramma d’epoca e una storia dalla miseria all’essere ricchi, The Queen’s Gambit unisce questi due generi con una narrazione avvincente di formazione su un giovane prodigio degli scacchi brillante ma travagliato.

the queen's gambit limited series recensione

Ma ecco cosa ci racconta The Queen’s Gambit e come lo fa

Come una partita a scacchi stessa, ogni episodio porta la narrazione in avanti fino al suo scacco matto definitivo mentre seguiamo la giovane orfana Elizabeth Harmon nel corso degli anni mentre gareggia nei tornei di scacchi e cerca di dimostrarsi la migliore al mondo. Sulla carta, è una semplice narrazione che è stata ripetuta ripetutamente con mezzi diversi. 

Molti dei guai (e da dove iniziamo la nostra storia) si verificano in seguito a un orribile incidente automobilistico. Beth è costretta a entrare in un orfanotrofio dove ha una dipendenza dalle pillole all’età di 8 anni. Trovando conforto nel bidello nel seminterrato, Beth si rende subito conto che il suo talento risiede negli scacchi.

Qualche inciampo lungo la strada presto si dissolve a favore di questa giovane ragazza che trova una nuova prospettiva di vita, aiutata da un’adozione che la vede spinta verso una nuova vita del tutto.

Isolata ed evitata, Beth è alle prese con le sue capacità, dipendenza, adattamento a scuola e un passato difficile attraverso i 7 episodi disponibili. Per usare la stessa metafora degli scacchi in precedenza, questa serie fa di tutto per assicurarsi che ogni singola mossa sia controllata metodicamente, crescendo in un finale bellissimo e ben scritto che riunisce tutto nel miglior modo possibile.

the queen's gambit limited series recensione

Ad accompagnare la sceneggiatura ben scritta c’è una performance davvero impressionante di Anya Taylor-Joy, che interpreta Beth. Ha recitato in una discreta quantità di film nel corso degli anni – in particolare i blockbuster Split and Glass – ma qui il ruolo è molto più sfumato e sottile.

Gli sguardi gelidi nascondono un contegno più tormentato; gli sguardi desiderosi di compagnia dei suoi coetanei vengono rapidamente respinti dal suo bisogno di rimanere forte. I pochi momenti di debolezza che Beth deve affrontare sono duri e incredibilmente emozionanti.

Questo per non parlare del resto del cast, che fanno tutti un ottimo lavoro nel completare questo ensemble. Ognuno mette su una grande performance qui e aiuta davvero a nutrire la cinematografia e il design visivo della serie, che sono entrambi fantastici. Ci sono echi The Marvelous Mrs. Maisel in gioco qui, con movimenti della telecamera lunghi e ampi e un eccellente design dei costumi che si aggiungono all’estetica.

the queen's gambit limited series recensione

Questo per non parlare della colonna sonora che è semplicemente squisita, usando abilmente alcune canzoni del periodo in cui è ambienta la serie per mostrare l’isolamento di Beth dalla cultura mainstream o per abbracciarlo – come la versione originale di “Venus” di Shocking Blue. Ogni traccia qui è stata scelta deliberatamente, e questo prima di menzionare gli strumenti che oscillano tra il tempo e la malinconia quando è necessario.

Ciò che è particolarmente bello di The Queen’s Gambit è quanto sia coerente la narrazione. Ogni personaggio che incontriamo lungo la strada ha uno scopo specifico: aiutare o ostacolare Beth lungo la strada. Ogni figura paterna si sente come un’eco della scarsa educazione di Beth e ogni campione messo da parte porta qualcosa di nuovo in tavola affinché Beth possa imparare.

The Queen’s Gambit è un’eccellente miniserie. È un dramma d’epoca ben scritto che non solo racconta una storia completa, ma lo fa con un tocco visivo e coerenza che si abbinano al meglio che questo genere ha da offrire.

Gli episodi hanno un ritmo perfetto, c’è un grande sforzo per rendere ogni personaggio interessante e la storia si sviluppa magnificamente alla fine per produrre una conclusione del tutto soddisfacente. Questo è assolutamente da guardare e sicuramente un contendente per uno dei migliori spettacoli del 2020.

the queen's gambit limited series recensione

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Vuoi imparare a giocare a scacchi dopo aver visto questa serie Netflix? Allora questo libro è quello giusto per te!!

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page