The Prom Recensione

Reading Time: 4 minutes

Questo è il nostro punteggio 3.5

Commento personale al film

The Prom è un film personale per il creatore di American Horror Story Ryan Murphy, non nel senso che è basato sulla sua vita, ma nel senso che racconta una storia a cui può relazionarsi.

Basato sull’omonimo musical nominato al Tony Award, il nuovo film Netflix incentrato sulla studentessa delle superiori Emma, ​​a cui è vietato partecipare al ballo di fine anno con la sua ragazza. Fortunatamente per lei (o sfortunatamente), un quartetto di attori di Broadway egocentrici si sta dirigendo verso la sua città per lottare per il suo diritto di andare al ballo di fine anno.

Le esperienze di vita reale di Murphy potrebbero non aver coinvolto gli attori di Broadway, ma crescendo gay in Indiana, non poteva nemmeno portare un appuntamento ai suoi balli che lo faceva sentire come “un alieno, un outsider”. Quindi non sorprende che abbia scelto di portare il musical sullo schermo nel suo terzo film come regista e che, per la maggior parte, sia una perfetta combinazione di regista e materiale.

the prom recensione

Ma passiamo a The Prom e vediamo cosa ci è piaciuto e non

Ciò che è una sorpresa è che, nonostante tutta la brillantezza mostrata in gran parte di The Prom, Murphy ha commesso un grave errore nel casting di James Corden come personaggio principale gay del musical – ed è un difetto che annulla gran parte del buon lavoro altrove.

Prima che i fan di Corden ci insultino, non stiamo dicendo che sia un difetto semplicemente lanciare Corden in un film. Si tratta specificamente di sceglierlo in questo particolare ruolo di Barry Glickman, che, secondo le sue stesse parole, è “gay come un secchio di parrucche”. Il risultato vede Corden accamparsi al punto da essere regressivo e offensivo, colpendo ogni stereotipo gay lungo la strada.

the prom recensione

Se Barry Glickman fosse stato un attore di piccola parte nell’insieme più ampio di The Prom, avrebbe potuto essere sopportabile, se non vicino all’essere accettabile. Tuttavia, Barry finisce per avere il legame più stretto con Emma a causa della sua storia passata di non andare al ballo di fine anno con la persona che voleva. Senza sottigliezza nella performance di Corden, questo nucleo emotivo di The Prom cade completamente piatto.

Non è che il ritratto di Corden sia in contrasto con il personaggio della commedia originale di Broadway. È solo che, data la cura prestata altrove (con entrambi i personaggi principali scelti con attori che si identificano come queer), è sconcertante che Murphy non abbia scelto un attore gay per Barry, il che avrebbe potuto far funzionare il personaggio e il viaggio emotivo. .

Corden, per quanto un intrattenitore come lui, non è un attore con le capacità per farlo funzionare. La sua performance sembra datata e colpisce una nota acida in un film che altrimenti ha un messaggio molto gradito e commovente.

C’è così tanto di buono in mostra altrove che fa risaltare il casting, in gran parte per la frustrazione che Murphy aveva quasi un classico tra le mani. Questo non è da ultimo a causa della performance principale di Jo Ellen Pellman, una delle scoperte dell’anno.

the prom recensione

Nel suo film d’esordio, Pellman è straordinaria e tiene testa ai membri del cast “stellari” quando condivide scene con artisti del calibro di Meryl Streep e Nicole Kidman. Quando è lasciata a farlo da sola, Pellman fa funzionare l’emozione, come in “Unruly Heart” strappalacrime e il suo numero di apertura “Just Breathe”.

La star di Hamilton, Ariana DeBose, non ha tanto da fare quanto la fidanzata di Emma, Alyssa, ma condivide una forte chimica con Pellman per connettere la loro relazione e inchiodare il suo numero da solista “Alyssa Greene”. Si spera che avrà un ruolo più importante da svolgere in West Side Story, ora rimandato a dicembre 2021.

Altrove, Meryl Streep si sta divertendo di più mentre si diletta nell’orrore del suo personaggio e offre il numero di spicco con “It’s Not About Me”. La Streep fa il giro del resto del cast, escludendo i due giovani protagonisti, anche se Nicole Kidman riesce almeno a mostrare le sue mani jazz con un numero ispirato a Chicago.

Probabilmente è ovvio, ma chiunque abbia un’avversione per i musical o il lavoro precedente di Murphy, come Glee, dovrebbe stare alla larga da The Prom.

Questo è Murphy completo, con numeri musicali ben fatti e senza vergogna enormi e con il messaggio del film consegnato con tutta la sottigliezza di una mazza scintillante. Non puoi negare che funzioni, però, e mentre conosci la destinazione, non ci sarà un finale amaro.

The Prom ti lascerà completamente intrattenuto e positivo, ma per quanto fortemente finisca, quella decisione frustrante ti lascerà anche a chiederti cosa succederebbe se…

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page