The Post un film di Steven Spielberg – Recensione

Reading Time: 5 minutes

La maestria tecnica e le capacità narrative di Steven Spielberg sono tali che, anche se stava girando un film su Tom Hanks in un giro settimanale di acquisti nel suo supermercato locale, probabilmente sarebbe ancora intensamente drammatico.
The Post è una storia complicata e intricata su come il Washington Post è venuto a pubblicare i “Pentagon Papers” (documenti trapelati che rivelano le bugie del governo degli Stati Uniti sulla guerra del Vietnam).

Gran parte di essa si svolge in uffici, salotti e sale da pranzo. Non ci sono inseguimenti, combattimenti, sotto trame romantiche. A parte un’ouverture ambientata in Vietnam in cui vediamo l’analista militare del dipartimento di stato americano Daniel Ellsberg (che in seguito “ha fatto trapelare” i documenti) quando è stato incorporato con le truppe statunitensi, nessuna delle due armi è presente. Tuttavia, questo è un thriller con un ritmo mozzafiato. Rende la visione molto divertente.

 

The Post gestisce l’impresa di essere nostalgico e attuale. Sebbene sia ambientato nei primi anni ’70, i riferimenti a un presidente prepotente che cerca di calpestare i media e di ingannare il pubblico americano hanno un’ovvia risonanza contemporanea.

Una fonte d’ispirazione sono i thriller politici Alan J Pakula realizzati 40 anni fa (The Parallax View e All The President’s Men). Un altro è il dramma di giornali come Park Row o The Front Page in cui giornalisti intraprendenti e redattori di pasta fanno di tutto per ottenere lo scoop.

Nel periodo in cui il film è ambientato, i banchieri stanno già mettendo in discussione il punto di “serio” giornalismo giornalistico. “Qualità e redditività vanno di pari passo”, l’editrice Katherine Graham (Meryl Streep con i capelli molto grandi) cerca di dire ai finanzieri che pianificano di portare al pubblico il Washington Post. Sono molto scettici su tale idea e sono comunque “ombrosi” nell’avere una donna responsabile della compagnia.

Hanks offre una piacevole esibizione che riaccende i ricordi di Walter Matthau e Jason Robards come l’editore del Post, Ben Bradlee, una figura scontrosa, sardonica ma idealista che ama il business dei giornali. “Mio Dio, il divertimento!” Esclama mentre la posta in gioco aumenta e la trama si infittisce, come se tutto questo fosse un bel gioco.

Katherine “Kay” Graham di Streep è il tipo di donna della società, parte dell’élite di Washington e amici intimi con molti politici che il Post sta cercando di indagare. Lei interpreta il personaggio in modo molto sornione, mostrandoci quanto ingegnosamente Graham supera tutti i banchieri e politici sciovinisti che la liquidano sulla base del suo genere. Lei è in un mondo in cui gli uomini discutono le materie “importanti” alla fine della cena, mentre le donne vengono lasciate sole a pettegolezzi sui loro mariti e sugli accordi sociali.

Il Washington Post ha un ovvio complesso di inferiorità sul New York Times, molto meglio dotato di risorse. È un “piccolo giornale di famiglia” che non può nemmeno avere un reporter nel matrimonio della figlia del presidente Nixon. “Tutti gli altri si sono stancati di leggere le notizie invece di segnalarle”, si lamenta Bradlee quando, ancora una volta, il Times batte il Post su una storia importante.

Spielberg e il suo direttore della fotografia Janusz Kamiński fanno del loro meglio per far sembrare cinematografica l’attività dei giornali. Otteniamo gli scatti familiari di pagine che sono composte e di gigantesche macchine da stampa che vanno lentamente e inesorabilmente a ingranare.

Vediamo gruppi di giornali consegnati all’alba e c’è una splendida ripresa di un gruppo di giornalisti e dirigenti in piedi fuori da un chiosco in una giornata ventilata, leggendo una prima edizione di un foglio di giornale, anche se le pagine si gonfiano e si alzano nel vento. La macchina fotografica di Kamiński gironzola irrequieta attraverso la redazione del Post .

Gran parte del lavoro sui giornali mostrato qui è banale. Vediamo vecchi giornalisti nodosi che fanno una telefonata dopo una telefonata alla ricerca di una fonte. In una scena straziante, un corrispondente che usa un telefono pubblico cerca disperatamente le monete e le penne in tasca mentre cerca di parlare con un contatto chiave.

Speilberg da’ anche ai momenti più mondani un fervore inaspettato. La telecamera zoomerà lentamente sul viso di Kay Graham mentre prende una decisione cruciale sulla pubblicazione del Post. La musica drammatica di John Williams farà sembrare il momento ancora più irto.

Scritto da Liz Hannah e Josh Singer (i crediti degni di nota di quest’ultimo includono i film in sala stampa Spotlight e The Fifth Summer), The Post è stato descritto da Hanks come una storia “sulla settimana in cui Katharine Graham è diventata ‘Katharine Graham'”. Certamente, il personaggio di Streep fornisce il fulcro emotivo su cui ruota il dramma. Di volta in volta, Spielberg la dipinge come l’unica donna nella stanza, inizialmente senza potere. Una delle prime scene del consiglio d’amministrazione riecheggia astutamente le riunioni del gabinetto di The Iron Lady di Phyllida Lloyd(interpretato anche in questo caso Streep), con il silenzio di Graham un netto contrappunto alla stridente fiducia di Margaret Thatcher. Ma man mano che la storia avanza, Graham ritrova la propria voce, inizialmente titubante, ma sempre più ferma e schietta.

Per quanto riguarda Hanks, cattura la spavalderia spavalda di Bradlee (interpretato da Jason Robards in All the President’s Men), che si rende conto che l’intimo rapporto che ha precedentemente condiviso con i presidenti deve finire. Con la sua posizione da mentone e il modo pronte per l’azione, Hanks sembra completamente a suo agio tra il rumore della macchina da scrivere dei set di redazione di Rick Carter dello scenografo. Il film da 35 mm e la tavolozza dei colori tenui aggiungono un’autentica patina anni ’70 alla grafica, con le telecamere elegantemente coreografate del cineasta Janusz Kaminski che perseguono i protagonisti del film attraverso corridoi e corridoi con un brio efficace. C’è anche un vero e proprio brivido per le scene della stampa, come Spielberg sbava sui meccanismi della produzione di giornali a caldo metallo, prendendo un piacere tangibile nel funzionamento della vecchia scuola di una macchina Linotype.

Per tutti i dettagli del suo periodo, tuttavia, questa è una storia urgentemente contemporanea, con Spielberg che si prende una pausa dalla preparazione del suo thriller fantascientifico di prossima uscita, Ready Player One, per girare The Post in due tempi veloci. Colpendo i nostri schermi come l’attuale incarcerazione della Casa Bianca per il fatto che i media sono “il nemico del popolo americano”, The Post ci ricorda che “i padri fondatori hanno dato alla stampa libera la protezione necessaria per svolgere il suo ruolo essenziale … per servire i governati, non i governatori”. La realizzazione del film potrebbe non essere assolutamente rivoluzionaria, ma questa storia è più che mai attuale e viene raccontata con arguzia, precisione e passione attenuata.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page