The Old Guard Recensione

Reading Time: 4 minutes
TRAMA THE OLD GUARD

The Old Guard di Netflix racconta la storia di un gruppo clandestino di quattro immortali mercenari – con un’enfasi sul “vecchio”. Alcuni hanno vissuto secoli, mentre il leader del gruppo, l’apatica e stanca Andy (Charlize Theron), è così antica che non riesce nemmeno a ricordare da quanto tempo è viva. È una premessa intrigante e consente un sacco di affascinanti lavori sui personaggi mentre apprendiamo i traumi unici che si possono sviluppare dopo aver vissuto troppe vite. Ma mentre The Old Guard è per lo più divertente, alcune carenze le impediscono di vivere pienamente fino al suo potenziale.

Questo è il nostro punteggio 3

Commento personale al film

The Old Guard è un film d’azione a prima vista che diventa molto più una volta che ti immergi. Charlize Theron offre una prestazione eccellente nei panni di Andy, un personaggio indurito, imperfetto e complicato che guida una squadra di mercenari immortali, ognuno con i propri intriganti retroscena che risalgono a centinaia di anni fa. La storia apre le porte a un’affascinante mitologia di antichi guerrieri e immortalità, anche se le cose diventano un po’ goffe quando arriva il momento di spiegare come funziona tutto. Tuttavia, vale la pena guardare The Old Guard se hai il desiderio per qualcosa di nuovo.

the old guard recensione

Ecco cosa succede nel film

Il film – basato sulla serie di graphic novel di The Old Guard di Greg Rucka e Leandro Fernández, con una sceneggiatura di Rucka – prende il via quando una società farmaceutica militarizzata apprende i segreti del gruppo e inizia a cacciarli in modo che possano monetizzare tutto ciò che li sta dando in modo innaturale lunga vita. Allo stesso tempo, un quinto immortale appare sulla griglia e non passa molto tempo prima che venga reclutata nella squadra. Il cattivo finisce per sentirsi un po’ senza denti, quindi la vera fonte di conflitto diventa la crisi esistenziale che deriva dalla scoperta che la morte non si applica più a te.

Andy ha combattuto in battaglie più a lungo di quanto non ci siano stati libri di storia, e si trova in conflitto e inerme con lo stato del mondo in costante declino. Perché ha combattuto tutte quelle battaglie se le cose sembravano solo peggiorare? I dibattiti filosofici di Andy tra i suoi compagni di squadra e il modo in cui riflettono sulla loro lunga vita alimentano le migliori scene del film. Sono questi personaggi danneggiati con questa condizione immortale che distingue questo thriller d’azione da molti altri nel genere, e che i cineasti supportano bene il concetto. Copley, interpretato da Chiwetel Ejiofor, ha un po’ di ossessione per il gruppo, ed è la sua sincera esibizione che aiuta a creare un senso di timore reverenziale per ciò che possono fare.

Quando il soldato dell’esercito americano Nile Freeman (KiKi Layne) muore in servizio e si ritrova inaspettatamente di nuovo tra i vivi, la squadra è costretta ad arruolarla. Nile offre una nuova prospettiva all’amarezza di Andy, e diventa il personaggio gateway per il pubblico. Sfortunatamente, Nile è spesso retrocessa a porre domande dopo domande in modo che le cose possano essere spiegate a lei, portando a scena dopo scena di esposizione goffa.

the old guard recensione

Il resto del gruppo è composto dal malinconico Booker (Matthias Schoenaerts) e dalla coppia coraggiosa e audace Joe (Marwan Kenzari) e Nicky (Luca Marinelli). Sebbene si siano rassegnati a trascorrere i loro anni come pistole a noleggio, aggiungono una quantità incredibile di calore e umanità alla storia. Joe e Nicky in particolare sono un regalo: sono una coppia tosta e apertamente gay che non ha scrupoli nel distruggere i loro nemici con armi e spade senza problemi.

Il fatto che questi immortali mercenari usino armi a lama del loro tempo originale insieme a armi da fuoco moderne aggiunge un po’ di fascino alle scene d’azione. A proposito, l’intera squadra che combatte insieme è un’esplosione assoluta da guardare. Sono come una macchina ben oliata: un bel dettaglio che mostra cosa faranno per te centinaia di anni di lavoro di squadra.

the old guard recensione

Sebbene ci sia molto da apprezzare in The Old Guard, ci sono alcuni elementi che non sono raffinati come il resto. L’effetto visivo dei personaggi che guariscono da ferite letali, in stile Wolverine, sembra plastico e poco convincente. Le canzoni sembrano farsi strada nel film in momenti difficili. Lo sviluppo di una certa trama sembra allo stesso tempo prevedibile, non appreso e privo di impatto. E come fan delle meravigliose opere d’arte del fumetto, devo chiedermi perché il film è stato reso come un film d’azione standard; mi chiedo che cosa avrebbe potuto essere se fosse stato realizzato con uno stile inventivo come il materiale originale.

Voi cosa ne pensate?

Unitevi alla nostra community su Facebook per parlare con noi e con altri amanti delle serie TV !! Vi aspettiamo numerosi

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page