The Midnight Club 1 x 01 “The Final Chapter” Recensione

The Midnight Club 1 x 01 “The Final Chapter” Recensione
Reading Time: 5 minutes

Indice

Il nostro articolo su The Midnight Club

Questo è il nostro punteggio 4/5

Commento personale alla puntata

Mike Flanagan è tornato con la sua nuovissima serie e un episodio che inizia in modo piuttosto sommesso ma indubbiamente intrigante. L’intera idea di decostruire il genere horror nel modo in cui lo fa attraverso quelle storie alla fine è facilmente la parte migliore.

Ci sono i soliti riff di monologo qui, ma non è neanche lontanamente prolisso come lo era Midnight Mass. C’è sicuramente molto da apprezzare con questo finora, anche se l’intero incontro di mezzanotte sembra molto simile alle scene della Midnight Society in Are You Afraid Of The Dark, fino alla lunga storia di invitare un principiante nel gruppo e prendere a sua volta racconta storie.

Sarà interessante vedere se questo spettacolo assumerà un formato più episodico dopo questo con storie diverse in ogni capitolo o se c’è una storia più lunga che legherà tutto insieme è ancora in discussione. Ad ogni modo, se questo è un segno di cose a venire, allora dovrebbe essere un orologio piuttosto intrigante.

the midnight club 1x01 the final chapter recensione

Ma ecco cosa ci mostra il 1° episodio di The Midnight Club

L’episodio 1 di The Midnight Club inizia a Sacramento, 1994 con un monologo caratteristico di Flanagan. Ilonka racconta storie e il loro significato simbolico nella società. Questo in realtà è il discorso di laurea di Ilonka, che si esercita davanti al suo specchio.

Ilonka si dirige a una festa del college dove non beve alcolici. Mentre la sua amica Lauren lo fa a pezzi sulla pista da ballo (o, sul pavimento del soggiorno?), incontra Brian, che si sta laureando in alfabetizzazione.

Ilonka è piuttosto appassionata di storie e racconta a Brian quanto sia straordinaria Mary Shelley. Tuttavia, quando inizia a tossire sangue, si dirige in bagno e nota una strana figura nello specchio che la perseguita.

Allora cosa sta succedendo? Bene, Ilonka ha un cancro alla tiroide, il che significa che ha bisogno di un intervento chirurgico… e potrebbe non farcela al nuovo semestre. Dato che ha saltato un anno ed è riuscita ad entrare in questa classe, Ilonka è sicura di poterla combattere.

Salta in avanti 9 mesi dopo e Ilonka sta facendo la chemio. Ha perso i capelli e impara da remoto il college tramite Lauren. È anche il suo compleanno e sfortunatamente sente le peggiori notizie in assoluto dal dottore. La malattia di Ilonka è terminale e potrebbe farcela per un anno, ma oltre a questo c’è una grande incognita.

Ilonka va online e trova un posto che potrebbe aiutare, Brightcliffe Hospice. Ora, secondo vecchi ritagli di notizie, una donna di nome Julia Jayne è stata effettivamente curata dal cancro dirigendosi lì. Con le cure convenzionali in ospedale che non funzionano, Ilonka convince suo padre a lasciarla andare e rimanere a Brightcliffe. “Cancer Sleep-Away Camp”, come dice Ilonka.

Entrando, apprendiamo che Brightcliffe Hospice ha una storia piuttosto lunga. Era un centro di accoglienza durante la Depressione e anche un comune religioso chiamato Paragon negli anni ’40. C’è molta storia in questa casa e per Ilonka, sembra avere una sorta di connessione con questo posto. E… Gesù Cristo è una vecchia signora con occhi orribili in piedi proprio lì!

Ilonka sviene ma quando riprende conoscenza, viene portata a incontrare la dottoressa Georgina Stanton. Ha un monologo tutto pianificato su come noi umani vediamo il cancro, discutendo di come la terminologia utilizzata descriva una battaglia, ma per Brightcliffe vedono ogni giorno che rimangono in vita come una vittoria.

Mentre Tim e Georgina parlano, uno dei ragazzi, Spence, mostra Ilonka in giro. In tal modo, Ilonka incontra Natsuki, Sandra, Anya, Cheri e Anesh. Attraverso Spence, scopre che l’ascensore vecchio stile sembra avere una mente propria, saltellando su e giù di notte. Fino a dove? Beh, solo l’obitorio, che sembra essere nel seminterrato.

Ilonka decide di restare, notando un pentagramma sotto il letto e scoprendo di Rachel, una ragazza appassionata di stregoneria e responsabile di detto pentagramma. Purtroppo è morta anche lei. Apparentemente ha detto ad Anya che era seguita da un’ombra che poteva sentire toccando la sua maglietta. Non poteva sfuggirgli “di nuovo”, e il giorno dopo morì. Se questo sia un motivo o meno, nessuno lo sa, ma c’è anche un rigoroso coprifuoco per i bambini.

Nel cuore della notte, Anya se ne va di soppiatto e usa l’ascensore per dirigersi al piano di sotto, con tanto di tazza in mano. Segue Ilonka. In tal modo, nota che tutti i bambini si riuniscono nella stessa stanza. Si intrufola e guarda da lontano mentre i bambini finiscono per bere alcolici e prepararsi per l’ultima storia.

the midnight club 1x01 the final chapter recensione

Si scopre che i bambini si raccontano storie e fanno anche un piccolo rituale prima. Non c’è modo di gettare polvere magica nel fuoco (grida agli altri fan di Are You Afraid Of The Dark!), ma invece, Natsuki racconta una storia spettrale. Si conclude con uno spavento da salto, con Spence che salta dentro e afferma che è una forma di narrazione pigra.

È un bel meta momento nello show, qualcosa che aiuta a inquadrare l’orrore in una luce molto autoreferenziale. Ci sono una serie di paure di salto non-stop che seguono, prima che una alla fine spiani la strada a Ilonka per essere scoperta e si unisca al loro gruppo. Beh, tipo. L’unico modo in cui può far parte correttamente del loro gruppo è raccontare una storia… e non uno speciale spaventoso di Natsuki! Le viene anche detto di bere, cosa che alla fine fa bevendo un sorso di vino.

the midnight club 1x01 the final chapter recensione

La storia che Ilonka sceglie è quella di Julia Jayne, la donna di cui ha letto sul giornale. Ora, non è chiaro se stia recitando la vera storia o abbellire i dettagli per renderla più spaventosa. Ad ogni modo, racconta come Julia sia scomparsa per settimane e poi stranamente si sia presentata all’improvviso. Quando le è stato chiesto dove fosse stata, afferma con nonchalance di non aver mai lasciato la casa e che i suoi tumori sono scomparsi. Prima di partire, recita diverse date a diversi pazienti, che sembrano avere il formato delle date. Le loro date di morte.

Dopo questa storia, Ilonka continua menzionando come ha fatto le sue ricerche sulla casa e ha una serie di storie diverse su persone che apparentemente sono state curate. Questo le dà il “dentro” in questo gruppo. Ma il vero scopo di Ilonka qui è cercare di trovare la cura segreta. Vuole essere guarita e continuare a vivere, e perché no?

Voi cosa ne pensate?

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page