The Meyerowitz Stories (New and Selected) Recensione – Originale Netflix

Reading Time: 4 minutes

L’accento newyorkese del nuovo film di Noah Baumbach, che ha scritto e diretto, è un particolare e familiare. Le risonanze iniziano con il suo titolo The Meyerowitz Stories (New and Selected) ha un punto di vista letterario che suggerisce indirettamente The New Yorker, JD Salinger e, in qualche modo, Woody Allen. Il signor Baumbach è fedele all’idea del racconto breve, ma lo usa sia come principio guida sia come mezzo per sorprendere.

Dopo i silenziosi titoli di apertura (pronunciati con un carattere tipicamente molto gentile), appare la prima riga della prima storia: “Danny Meyerowitz stava cercando di parcheggiare”. Il film ritaglia un mediocre primo piano di un baffuto Adam Sandler al volante guardando indietro sopra la sua spalla e urlando.

Questo è buono per una risata (e ce ne sono altri a venire), ma una volta che Danny tira fuori dallo spazio e dagli strumenti impossibili intorno a Manhattan, appare un lato diverso del personaggio. Sua figlia, Eliza (Grace Van Patten), ha iniziato a pavoneggiarsi nella loro avventura di parcheggio con qualche consiglio dietetico per suo padre, che si stringe nelle spalle con buon umore. Quando “Head to Toe”, una hit del 1987 di Lisa Lisa & Cult Jam arriva sullo stereo della macchina, Danny ed Eliza si scambiano calde reminiscenze mentre cantano insieme. Anche se potrebbe essere incline a parcheggiare la rabbia, Danny sembra, nel complesso, un grande papà e un ragazzo caloroso.

Ma il padre di Danny, Harold, si stabilisce immediatamente come un patriarca non grande quando suo figlio e sua nipote arrivano per una visita – Eliza solo per una notte, mentre si dirige a Bard; Danny più a lungo, perché si è appena separato dalla moglie. Giocato con tempismo spettacolarmente virtuosistico e disorientamento emotivo di Dustin Hoffman, Harold è uno scultore che si sente poco apprezzato nella tarda età. Questo è uno stato che non può fare a meno di commentare ripetutamente, parlando a tutti quelli che lo circondano: Danny, Eliza; la sua attuale moglie e la peggiore cuoca del mondo, Maureen (Emma Thompson); la sua figlia ritirata, Jean (Elizabeth Marvel); e più tardi, l’altro figlio, Matthew (Ben Stiller), un business manager di successo a Los Angeles la cui visita riluttante è stata prolungata da una serie di disavventure.

Questi personaggi hanno molto da lavorare, e lo risolvono, per lo più esilarante. I Meyerowitzes sono paragoni di una tolleranza liberale specificamente di Manhattan: la scena in cui Danny e sua sorella e suo padre reagiscono con totale nonchalance al primo film studentesco di Eliza, una fantasia quasi pornografica autobiografica su un supereroe di nome “Pagina-Man.

Nessuno dei Meyerowitz è soddisfatto, e tutti loro si lamentano del risentimento. Quasi tutto ciò che esce dalla bocca di Harold è un’accusa passiva-aggressiva accostata a una raffinatezza atonale, come quando, in una visita non programmata alla casa di una delle sue ex-mogli (Candice Bergen, in un cammeo buffo), egli fa una beeline a una libreria e dice “Penso che questa sia la mia copia di ‘Buddenbrooks'”.

Con questo film, il signor Baumbach ha raggiunto un equilibrio quasi perfetto tra impegno e disagio. In “The Squid and the Whale” e “Margot at the Wedding”, qualcosa lo spinse a dipingere le liti familiari con un candore che si avvicinava alla crudeltà. La rabbia in quei film e in alcuni dei suoi altri era confortante, anche se un po’ più del necessario. Come turbolenta e spigolosa come The Meyerowitz Stories, è un film più dolce, e per i miei occhi e orecchie è sempre meglio.

Come è consuetudine nelle foto di Mr. Baumbach, la recitazione è spettacolare. La signora Thompson è esilarante, la signora Marvel applica la sua solita nota, perfetta esecuzione del personaggio, e la signora Van Patten è quella che chiamano una scoperta. E anche se Matthew (Stiller) è al tempo stesso estremamente affidabile e nevroticamente affascinante, è il signor Sandler che eccelle, sia in modo indelebile che acuto.

L’affetto del signor Baumbach per i suoi personaggi è tale che quando il film supera il suo marchio di 90 minuti, diventa evidente che non vuole che finisca. Ciò lo costringe a terminarlo diverse volte più del necessario. La mia passione per i personaggi era diventata tale che non mi dispiaceva davvero.

Come sempre vi ricordo di continuare a seguirci sulla nostra pagina Facebook Showteller – Desperate Series Addicted e sulle nostre pagine affiliate Empire State of Mind, Tutta colpa delle serie TV e Serie Tv News

Pubblicato da Chiara

Nata nel lontano 1988... Da sempre ho seguito diverse serie TV tra cui Buffy il mio più grande amore, One Tree Hill, Streghe e davvero molte altre. Nel corso degli anni ho sempre ampliato la visione di diverse serie TV e ormai sono davvero una telefilm addicted per eccellenza. Non ho un genere che prediligo ma bensì deve piacermi la trama ed è per quello che guardo ogni pilot di quasi tutte le nuove serie TV... Spero che il mio modo di scrivere vi piaccia e vi faccia appassionare alla serie TV tanto quanto ne sono appassionata io...

You cannot copy content of this page